Come prelevare talee di legno duro

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Se siamo degli amanti del giardinaggio e ci piacerebbe riuscire a curare alla perfezione tutte le nostre piante, ma non abbiamo mai avuto modo di imparare tutte le varie tecniche per riuscire ad avere delle bellissime piante sempre verdi e rigogliose, non dovremo preoccuparci. Sarà infatti sufficiente leggere le moltissime guide presenti su internet, che, a seconda dell'intervento da noi desiderato, ci illustreranno tutti i passaggi che dovremo eseguire per riuscire ad ottenere un risultato perfetto. In questo modo potremo facilmente imparare tutte le varie tecniche esistenti, per riuscire a curare alla perfezione tutte le nostre piante. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a prelevare delle talee di legno duro. Le talee sono delle parti di una pianta, che vengono prelevate per generare un nuovo esemplare della nostra pianta.

25

Occorrente

  • coltello o forbice con la lama sterilizzata.
35

Le talee possono essere foglie, rami, ma anche radici, e a seconda del periodo dell'anno in cui vengono prelevate sono dette di legno tenero, semiduro o duro. Sono dette talee di legno duro quelle che vengono prelevate in autunno o in inverno, e in genere da piante di tipo rustico, quindi più robuste e resistenti. Infatti il tipo di talea preferibile dipende anche dal tipo di pianta che si intende riprodurre. Il prelievo deve essere eseguito facendo un taglio dritto, usando un coltello o una forbice, la cui lama sia stata sterilizzata. Il taglio deve essere eseguito subito sopra ad un nodo della pianta madre. La lunghezza può oscillare tra i 10 e i 25 centimetri, il diametro da mezzo centimetro a quattro.

45

Le talee non devono essere piantate subito, ma si deve attendere la primavera successiva. Nel frattempo, si devono mettere in un ambiente umido e freddo, per poterle conservare fino a primavera. Il metodo migliore per conservarle consiste nel sotterrarle con della sabbia in un angolo del giardino riparato dal sole. A primavera, possono essere piantate nel terreno affinché radichino. Si deve tenere però presente che queste non metteranno radici subito, a meno che non si applichino sul taglio degli ormoni radicanti in polvere. La talea deve essere inserita nel terreno per almeno un terzo della sua lunghezza; il terreno deve essere drenante, composto da sabbia e torba.

Continua la lettura
55

Volendo si può aggiungere un fertilizzante a lento rilascio, ma se il terreno è abbastanza ricco in genere non è necessario. Dopo aver innaffiato abbastanza da rendere umida la terra, sulle talee va disteso un telo di plastica su cui praticare dei fori per far uscire le cime delle talee. La primavera successiva, le piantine saranno finalmente pronte per essere rinvasate.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come separare le piantine per il rinvaso

Il giardinaggio è un'attività che può dare molta soddisfazione sotto tutti i punti di vista, Nel ciclo vitale delle piante capita di doversi cimentare nella separazione delle piante attraverso i vari metodi di moltiplicazione. Esistono differenti...
Giardinaggio

Come fare talee di rosa

Il fiore che più di tutti è presente nei giardini e nei balconi è certamente la rosa. Alcune specie di rose vengono coltivate all'interno di aiuole per creare un contrasto di colore, altre invece sono sfruttate per creare pergolati o in alternativa...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante grasse per talea

Le piante grasse, che prendono realmente il nome di Succulente sono piante cheAssorbono acqua nei loro tessuti durante le stagioni piovose per utilizzarla in quelle di siccità, e si possono dividere sostanzialmente in 2 tipi: quelle che accumulano acqua...
Giardinaggio

Come Coltivare crisantemi a fioritura invernale

Molto spesso i crisantemi sono fiori emarginati, perché nella convinzione popolare vengono associati come fiori che generalmente si portano ai defunti. Appartengono al genere chrysantemun che racchiude circa dieci specie di piante perenni, la cui fioritura...
Giardinaggio

Come Preparare una talea di legno tenero

Le piante sono esseri viventi e in quanto tali si riproducono. Come ben sappiamo la riproduzione può avvenire per via sessuale o vegetativa. Nella prima fase, la produzione avviene per seme e nella seconda invece, si utilizza una parte della pianta...
Giardinaggio

Come ottenere talee di sedum

Il Sedum è una pianta che si compone di oltre seicento specie ed appartiene alla famiglia delle Crassulaceae. Si tratta di un esemplare che proveniente sia da regioni con clima freddo che caldo sopporta bene qualsiasi temperatura. Il Sedum strutturalmente...
Giardinaggio

Come riprodurre le piante grasse

Le succulente, o piante grasse come sono comunemente conosciute, sono note per avere la possibilità di conservare l'acqua che assorbono per usarla nei periodi di siccità. Per questo motivo sono molto amate da chi non ha molto tempo da dedicare alle...
Giardinaggio

Come preparare il terriccio per le talee

Per qualsiasi tipo di pianta è necessario preparare adeguatamente il terriccio, e a seconda della specie renderlo ben drenato. Questa condizione è specifica per piantare le talee, che necessitano di una costante umidità del suolo per propagarsi. In...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.