Come preparare i piattini con i germogli di grano per i sepolcri

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

In Italia esistono tantissime tradizioni relative alla Settimana Santa di Pasqua, per lo più diffuse soprattutto nei piccoli centri. Tra queste ne troviamo una davvero molto particolare, ovvero la preparazione dei piattini con i germogli di grano, magari da portare al cimitero o in chiesa, per i sepolcri durante il Giovedì Santo. Secondo la tradizione questi germogli di grano devono essere chiari, un colore comunque tendente al giallo, come quella del grano. Da quest'ultimo infatti si ricava la farina e di conseguenza anche l'ostia che rappresenta appunto il corpo di Cristo. Lo scopo di questa verte quindi su questo aspetto fondamentale. Ovvero vedremo come preparare i piattini con i germogli di grano per i sepolcri. Sarebbe interessante magari coinvolgere durante la preparazione anche i bambini. Potrebbe essere divertente per loro, magari osservando la crescita della piantina che dovrà essere curata.

26

Per preparare adeguatamente la successiva crescita dei propri germogli è necessario predisporre un ottimo terreno di coltura fin dall'inizio. Per fare ciò non occorrono fertilizzanti, serve invece un batuffolo di cotone delle dimensioni indicative di dieci centimetri per dieci centimetri e spesso circa due centimetri, in alternativa è possibile usare una tela ripiegandola su sé stessa per creare spessore per poterla poi inzuppare di acqua, necessaria per la crescita dei germogli.
È necessario iniziare la procedura circa venti giorni prima rispetto la data in cui avremo bisogno dei nostri germogli.

36

Per prima cosa prendi il quadrato di cotone, in alternativa la tela ripiegata su sé stessa, bagna il cotone con abbondante acqua, successivamente strizzalo per far fuoriuscire l'acqua in eccesso, dopo di ciò inserire tra le fibre di cotone i semi di grano, distanziandoli di almeno un centimetro, ciò garantirà una crescita ottimale dei nostri germogli.
Dopo aver seminato riporre in un luogo buio e non ventilato.

Continua la lettura
46

Dopo due giorni inizierai a vedere i semi di grano germogliare, ora non devi far altro che aspettare che le piantine comincino a crescere avendo cura di innaffiarle costantemente (a giorni alterni) utilizzando un nebulizzatore o in alternativa usando uno spruzzino. Mantenere il terreno di crescita sempre umido è fondamentale per la corretta crescita delle piantine ma fai attenzione a non far mai entrare la luce per evitare che le piantine diventino verdi, dovranno invece assumere un colore giallognolo.

56

Quando i tuoi germogli avranno raggiunto l'altezza di tre centimetri puoi sollevare delicatamente il cotone con i germogli ed inserirli dentro un piattino di plastica, non è possibile effettuare questa operazione prima perché spostando troppo presto i germogli dall'ambiente in cui sono cresciuti c'è il pericolo che muoiano.

66

Nel piattino inserire anche nuovo cotone, o tela, per aumentare lo spessore del terreno di coltura, ciò permette ai germogli una più rapida e forte crescita.
Dopo la fine del ventesimo giorno le piantine saranno ormai alte indicativamente dieci centimetri e saranno facilmente trasportabili presso il sepolcro da noi desiderato. A questo punto non mi rimane altro che augurarvi buon lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come fare germogli in casa

Per fare dei germogli in casa ci sono delle semplici e pratiche indicazioni da seguire, come quelle che andremmo a proporre. In un modo davvero ...
Giardinaggio

10 ortaggi da coltivare in terrazzo

Il biologico è il settore alimentare che più si sta espandendo. Il mangiare sano e il vivere in forma sono ormai un vero e proprio ...
Giardinaggio

Come Piantare I Semini Nel Cotone Idrofilo

A scuola per far capire agli alunni la tecnica della semina vengono fatti piantare dei semini nel cotone idrofilo ottenendo un effetto davvero affascinante. Si ...
Giardinaggio

Come coltivare i frutti di bosco

Tra le numerose piantine che è possibile coltivare nel proprio giardino, ce ne sono alcune molto belle e particolari che spesso vengono tenute in scarsa ...
Giardinaggio

Come piantare le patate

La patata è un alimento fondamentale nell'alimentazione umana: in alcuni paesi dell'Europa centrale ed occidentale, costituisce l'alimento base della cucina. Chi ha ...
Giardinaggio

Come coltivare il cavolo di Bruxelles

I cavoletti di Bruxelles sono i germogli ascellari dalla forma globulare di una varietà di Brassicacea che appartengono alla famiglia dei cavoli, ovvero alla parte ...
Giardinaggio

Come coltivare la cirimoia

L'Annona Cherimoya (pronunciata cirimoia), è una pianta molto bella e molto particolare, che genera dei frutti dall'aspetto unico e appariscente. Proveniente dalle zone ...
Giardinaggio

Come Coltivare Un Cespuglio Di Ruta

La ruta ha un posto d'onore in giardino per il suo aroma pungente ed i suoi bei fiori gialli che sbocciano in estate. Il ...
Giardinaggio

Come coltivare i germogli sul balcone

Sentite di avere il pollice verde ma vi manca lo spazio per coltivare i vostri germogli? Non abbiate timore: non dovrete mai più rinunciare alla ...
Giardinaggio

Come coltivare la bocca di leone

L'antirrhinum, comunemente conosciuta come bocca di leone è una pianta strepitosa dai fiori coloratissimi che resiste bene alle basse temperature e che raggiunge i ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.