Come progettare un impianto di irrigazione

di Narmine Labidi difficoltà: media

Come progettare un impianto di irrigazione Irrigare il nostro giardino in maniera costante è il modo principale per renderlo più bello e più verde. Ma non sempre possiamo dedicarci personalmente al nostro giardino a causa d'impegni di lavoro o di una vacanza. Quindi il metodo migliore è installare un impianto di irrigazione che innaffierà solo le zone interessate in maniera efficiente. Ma farne installare uno può risultare costoso e complicato a dipesa delle dimensioni del giardino. Allora perché non progettarlo personalmente? In questa guida vi indicherò come progettare un impianto di irrigazione da soli in pochi passi.

Assicurati di avere a portata di mano: carta, matita, metro, compasso, secchio, orologio, manometro

1 Come progettare un impianto di irrigazione Per prima cosa rivolgetevi ad un venditore di materiali per irrigazione e fatevi preparare gratuitamente un lay-out di istallazione. Fatto ciò definite il tipo di impianti che fa per voi tra questi indicati:1) Irrigazione fuori terra: è la più semplice in quanto l'acqua viene trasportata tramite tubazioni, fisse o mobili, appoggiate sul terreno e viene distribuita a getti o a lance nella zona da irrigare.2) Irrigazione a goccia: vengono utilizzati tubi traspiranti o traforati e piccoli getti.3) Irrigazione interrata: quest'ultima, come suggerito dal nome, ha l'impianto sotto terra, quindi l'irrigazione avviene dal sottosuolo o tramite getti a scomparsa. Una volta scelto il tipo di impianto che fa per voi non vi resta che seguire il passo 2!

2 Come progettare un impianto di irrigazione Sia che possedete un pozzo o siete allacciati alla rete idrica dovete assolutamente verificare la portata e la pressione dell'acqua. Entrambe sono molto importanti. La portata serve per sapere di quanta acqua disponiamo in un determinato tempo. Per poterla misurare è necessario utilizzare un secchio di cui si conosce la capacità ed un timer per verificare il tempo di riempimento. Mettete il secchio sotto il rubinetto e misurate il tempo in cui questo si riempie. Avrete così la portata misurata in litri/ora. Invece la pressione serve per sapere con quale forza l'acqua uscirà dal rubinetto. Per calcolarla munitevi di manometro da avvitare al rubinetto (se non ne siete a possesso chiedetelo ad un idraulico o acquistatelo dal ferramenta). Una volta avvitato al rubinetto, aprite l'acqua al massimo e segnate a quale pressione quest'ultima esce dal rubinetto in unità di misura BAR.

Continua la lettura

3 Come progettare un impianto di irrigazione Fatto tutto ciò munitevi di carta, penna e metro e disegnate l'area da irrigare in scala.  Segnate sulla cartina gli eventuali ostacoli e la tipologia delle piante da irrigare.
Con questo schema (ed eventualmente l'aiuto del venditore di impianti) andate a progettare le linee.  Approfondimento Come realizzare un impianto di irrigazione centralizzato (clicca qui) Alcune indicazioni importanti sono queste: Di norma non si montano più di cinque irrigatori in ogni linea e questi hanno il raggio di azione, regolabile, che va da 0° a 360° (per aggiungerli al vostro progetto in scala utilizzate un compasso, sarà più facile e preciso).  Per finire vi consiglio di scegliere il tipo di impianto definendo da dove arriverà l'acqua (acquedotto o pozzo) e il tipo di alimentazione elettrica della centralina (batterie o corrente di linea).. 

Non dimenticare mai: Partite da una buona progettazione (misure del terreno, tipologia delle piante, pressione dell'acqua) Parzializzate in zone l'impianto, sarà più semplice gestirlo

Come installare un impianto di irrigazione Come creare un sistema di irrigazione Come irrigare l’orto sul balcone Come impiantare un'irrigazione a goccia del prato

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili