Come pulire e riparare gli scarichi

di Mara Mencarelli difficoltà: media

Come pulire e riparare gli scarichi Le tubature di scarico dei bagni e delle cucine possono intasarsi per svariati motivi, nel tempo le incrostazioni dovute al calcare, ed al materiale organico che finisce al loro interno (cibo, in cucina, capelli in bagno ecc.), finiscono per intasare le tubature causando cattivo odore e problemi di deflusso delle acque di scarico. Vediamo insieme, come manutenere, pulire e eventualmente riparare gli scarichi.

Assicurati di avere a portata di mano: Accortezza - acido - smontaggio scatola sifonata e sifone

1 Come pulire e riparare gli scarichi La prima regola da rispettare, come in ogni cosa, è la prevenzione. Gli impianti di scarico con la giusta pendenza ed il giusto calibro delle tubature, tenderanno ad ostruirsi di meno, inoltre cercate di ridurre al minimo lo scivolare di sostanze intasanti nei tubi, utilizzando apposite griglie protettive che catturano il materiale efficacemente, impedendogli di finire nei tubi di scarico. Periodicamente attuate un'adeguata pulizia degli scarichi, utilizzando prodotti appositi ed acqua calda, mentre nelle scatole sifonate inserite un tubo e fate scorrere dell'acqua in modo energico.

2 Come pulire e riparare gli scarichi Qualora si otturi un lavello in cucina o un sanitario, per prima cosa si andrà a pulire il sifone, smontandolo o ispezionando il tappo posto sul retro, al di sotto dello stesso. Spesso i sifoni sono semplici da smontare ma se non siete molto esperti potrete provare, con un acido disgorgante, munendovi però di guanti appositi, ed osservando tutte le istruzioni che troverete sulla confezione. Dovrete far agire l'acido per circa una trentina di minuti e poi far fluire abbondante acqua, preferibilmente calda. Se ciò non bastasse dovrete smontare il sifone della cucina, mentre in bagno provate ad aprire la scatola sifonata e a pulirla con cura, poi lasciate scorrere al suo interno dell'acido apposito, lasciate agire per trenta minuti e risciacquate. Se anche questo sistema non dovesse funzionare sarà necessario procurarsi una pompa aspirante e cercare di rimuovere eventuali intoppi presenti.

Continua la lettura

3 Come pulire e riparare gli scarichi Per quel che concerne eventuali riparazioni, il metodo con cui procedere dipenderà dallo scarico in oggetto e dal tipo di danno presente.  Qualora si sia rotto un sifone lo si potrà sostituire.  Approfondimento Come costruire tappi per orecchie (clicca qui) In cucina si potrà adottare un sifone in materiale plastico, molto semplice il montaggio ed economico il materiale, tale sifone si avvale di apposite ghiere ad anello filettato che consentono di bloccarlo tenendolo perfettamente in sede.  Mentre se il danno è presente in scarichi murati, come sono ad esempio quelli fognari, sarà necessario intervenire anche sulla muratura, rimuovendo una parte del pavimento.  Queste operazioni richiedono l'intervento di personale esperto anche se attualmente, sono presenti scarichi in PVC con innesto, di più facile utilizzazione, anche per chi vuole cimentarsi nel fai da te.  Foto: www.idroplastica.it . 

Come fare un costume da Romeo Come levigare le finestre in legno Come realizzare quadri con decoupage Come fare un abito da sposa in stile inglese

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili