Come realizzare dei decori per dei cappelli in lana cotta

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I cappelli in feltro sono leggeri, allo stesso tempo caldi e impermeabili. Ottimi per l'inverno, in questo periodo li portano donne di ogni età. Sono pratici da indossare, grazie alla varietà di colori si abbinano al resto dell'abbigliamento. Come realizzare dei decori per dei cappelli in lana cotta? La lana cotta proviene dalla lana cardata, sottoposta a filatura, ottenuta da un processo di follatura.

26

Occorrente

  • Vecchio cappello in lana cotta.
  • Pannolenci in feltro colorati.
  • Ago e filo.
  • Una pistola di colla a caldo.
  • Qualche spilla di dimensione piccola.
  • Foglio bianco.
  • Forbici.
  • Pennarello nero.
36

Se possediamo un copricapo realizzato in questo materiale, ridiamogli vitalità, basta poco. Rechiamoci in merceria, compriamo tutto il necessario. Per non correre il rischio di dimenticare, andiamo direttamente con la lista dell'occorrente. Proviamo a realizzare dei fiori per decorare i cappelli. È semplice per chi è bravo a disegnare, tracciare una rosa direttamente sulla stoffa tramite il pennarello. Basta ritagliare il pannolenci in strisce a forma di spirale. Per ottenere la rosa, si arrotola la stoffa su se' stessa, dopo possiamo fissarla con la colla o con l'ago. Continuiamo in questo modo per formare boccioli più piccoli e confezionare altre rose. Se non amiamo i fiori, scegliamo un altro tipo di decoro.

46

Seguendo un altro metodo, ricaviamo dei rettangolini dal feltro e li chiudiamo a forma di cono. Dallo stesso tessuto ricaviamo i petali da applicare ai fiori. Per ottenere un fiore più esteso, tagliamo petali grandi. Le creazioni si applicano al cappello tramite una spilla. In questo modo possiamo spostare a piacimento le decorazioni, applicarle dove desideriamo. I cappelli in lana cotta si realizzano in casa. Se non ne abbiamo, buttiamo in lavatrice dei vecchi maglioni di lana. Facciamo fare alla lavatrice un giro ad alta temperatura. La lana ricavata è utile per pupazzi, pantofole, cuscini, fermacapelli e altro ancora. I cappelli sono solo uno dei tanti oggetti.

Continua la lettura
56

Il pannolenci è un tessuto resistente ricavato dall'infeltrimento delle fibre. Quando viene tagliato non tende a sfilarsi perché privo di trama. È comodissimo da usare, non ha bisogno di cuciture e di orli. È consigliato alle giovanissime che non hanno dimestichezza con il taglio e il cucito. Queste qualità lo rendono popolare fra gli amanti del fai da te. Le borse ricavate dalla lana cardata sono comode e pratiche. Si abbinano soprattutto all'abbigliamento casual. Le vetrine in questi mesi, sono arricchite da materiali e oggetti di questo tipo. Siamo in periodo di saldi, è il periodo giusto per gli acquisti, soprattutto per chi non ama i lavori manuali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come intrecciare cappelli di paglia

La paglia non è solo quella che viene utilizzata nei campi per l'allevamento, ma viene anche sfruttata per la realizzazione dei cappelli. Ad oggi se ne vedono sempre meno ma saper intrecciare la paglia è un'arte non indifferente: la si vedeva fare ai...
Cucito

Come lavare i cappelli di paglia

Diffusissimi nelle spiagge degli indimenticabili anni '70, i cappelli di paglia sono tornati di moda sopratutto con l'arrivo della bella stagione, poiché sono molto eleganti e leggeri. Essi sono perfetti per essere indossati ad ogni tipo di occasione:...
Bricolage

Come fare un libro in pannolenci

Se desiderate assolutamente realizzare un qualcosa da regalare ai vostri bambini, la seguente rapida e pratica guida che trovate esplicata bene nei passaggi successivi è proprio quello che vi serve. Infatti, leggendola molto attentamente, potrete sapere...
Altri Hobby

Arm Knitting: come realizzare sciarpe, cappelli e coperte senza ferri

L'arm knitting è una tecnica di lavorazione della lana molto particolare poiché non prevede l'uso di alcun strumento, ma servono solo ed esclusivamente le braccia ("arm" è una parola inglese che tradotta vuol dire proprio "braccia"). In questa guida...
Cucito

Come stringere un cappello

Stringere un cappello non è mai semplice, visto che bisogna in molti casi ricreare completamente il cilindro interno per poter dare una forma più piccola al nuovo. Nel mercato dell'abbigliamento, esistono diverse forme e tipi di cappelli, tutti diversi...
Casa

Come infeltrire la lana con gli aghi

Per infeltrire la lana si può procedere con acqua e sapone oppure con gli aghi. Quest'ultima tecnica è molto più semplice e meno ostica della prima. Non implica lo scolorimento della lana ed altri piccoli fastidi. Si potranno realizzare tanti simpatici...
Cucito

Come fare un arcobaleno in pannolenci

Il feltro, chiamato anche pannolenci, è un tipo di tessuto che si ottiene attraverso un processo di lavorazione e infeltrimento della lana. Tuttavia, permette di realizzare oggetti molto belli per l'arredamento di casa e, anche accessori per l'abbigliamento...
Cucito

Come cucire un cappello a bombetta

I famosissimi cappelli a bombetta molto popolari usati in attività sportive, anche dai giocatori di bowling che hanno apprezzato la protezione dalla parte dell’anello molto rigido, conosciuto anche come derby, è stato esposto nel 1850 come una sostituzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.