Come realizzare l'effetto di rigatino su mobili in legno

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'effetto rigatino è una finitura che viene applicata ai mobili in legno nel momento in cui vengono dipinti, è molto classica ma sempre di moda, tanto che la ritroviamo anche in una vasta gamma di mobili d'arredamento moderno, nelle versioni rovere, rovere sbiancato, noce, nero scuro e in tutti i colori del legno. Se avete deciso di ristrutturare un vecchio mobile, oppure ne dovete ridipingerne uno nuovo, sappiate che è molto facile ricrearla. Vediamo insieme come realizzare l'effetto rigatino su dei mobili in legno.

26

Occorrente

  • Cementite, gommalacca, acrilici vari, uno chiaro e due scuri, lacca acrilica, diluente, pennelli morbidi, pennello con setole di maiale, carta abrasiva, panni per pulire.
36

In realtà, questo effetto alla vista appare a strisce, ed è molto particolare perché crea delle particolari sfumature di colore, e s'intravede il colore della vernice sottostante a quella attuale. È una specie di effetto invecchiato che lascia intravedere com'era prima il mobile oppure il legno in questione, che sia un parquet per pavimenti, un armadio, uno scaffale, un mobile da giardino e così via. In inglese questo effetto si chiama Rayè, ed è molto apprezzato anche nel mondo della moda e dell'architettura, tanto che ormai è usato dappertutto, anche nella creazione di accessori di abbigliamento, come occhiali da sole, borse, tessuti e così via. Ma vediamo come procedere per dipingere un mobile con questo effetto.

46

Prima di tutto bisogna carteggiare il mobile nuovo in legno grezzo, e passare 2 mani di cementite in senso prima orizzontale e poi verticale, per otturare i pori del legno. Si lascia asciugare 24 ore e poi si carteggia di nuovo, per rendere la superficie liscia. Si pulisce il mobile con un panno umido per eliminare tutta la polvere e si passa la gommalacca, con un pennello abbastanza morbido. Poi si aspetta l'asciugatura necessaria. In seguito, bisogna fare una passata di colore chiaro, tipo un bianco, avorio o un beige, abbastanza coprente, quindi non troppo diluito, su tutta la superficie del mobile. Ora per fare l'effetto rigatino, bisogna scegliere il colore a contrasto che può essere uno, oppure due a scelta. Questi vanno diluiti in parti uguali con la lacca, e bisogna passarli nello stesso verso con pennellate decise sulla superficie, alternando i colori per creare le sfumature. Bisogna usare un pennello duro con setole di maiale che lasci spazio al fondo. La copertura non deve essere completa. Poi bisogna lasciare asciugare.

Continua la lettura
56

Infine, si può eseguire la laccatura, cioè si ripassa il colore di base, ma diluito con la lacca. Il verso deve essere sempre lo stesso, perché le pennellate a strisce devono vedersi. Potete creare dei mobili che combinano l'effetto rigatino con un effetto pieno. Ad esempio il bordo di un anta in rigatino e la parte centrale con colore pieno, in questo modo il mobile acquisterà un carattere più attuale, perché il contrasto gli donerà vivacità.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Indossate guanti e mascherina per proteggervi dal forte odore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come applicare la lacca sul legno

Il fai da te è un hobby molto gratificante che permette anche di risparmiare un po' di soldi. Potete personalizzare la vostra casa in base ai vostri gusti e alla vostra creatività. Il modo più semplice per abbellire il vostro arredamento è ridipingere...
Bricolage

Come dipingere usando la tecnica del finto marmo

Il marmo è sicuramente una delle rocce più suggestive e particolari che possiamo ammirare in natura. Amato in passato dagli scultori e utilizzato per chiese e palazzi, oggi il marmo è considerato un bene di lusso. Eppure, utilizzando delle particolari...
Materiali e Attrezzi

Come satinare il legno

Il tipo di legno scelto per eseguire la satinatura, determina la bellezza e la forza del pezzo finito. Molte varietà di legno sono disponibili i commercio; ognuno presenta proprietà differenti. Le conifere fanno parte per via delle caratteristiche,...
Bricolage

Consigli per rimuovere la finitura in lacca dai mobili

Se avete un vecchio mobile a cui tenete molto ma volete rinnovare una o più stanze della vostra casa, sappiate che non c'è bisogno di buttarlo e comprarne uno nuovo. Se utilizzate gli strumenti giusti e avete un po' di pazienza infatti un vecchio mobile...
Altri Hobby

Come creare un quadro con i centrini

Se siete amanti del fai da te e state cercando qualche nuova idea per una prossima creazione allora questa guida fa per voi. In questa guida verrà spiegato il modo per poter creare un quadro molto originale riutilizzando e/o riciclando i vecchi centrini...
Bricolage

Come decorare un portasaponetta in finta radica

La Finta Radica è una tecnica di pittura molto decorativa. Di solito si impiega per piccoli oggetti in legno povero, scatoline di cartapesta o lavori in tarsia lignea. L'effetto è molto particolare. Vengono riprodotti i nodi e le striature tipiche del...
Bricolage

come realizzare un pannello di lino dipinto a mano

Se avete voglia di trascorrere il vostro pomeriggio dedicando del tempo a voi stesse ed anche alla vostra casa grazie ad un progetto meraviglioso ed originale, raffinato ed elegante di fai da te, ecco che questo articolo farà il caso vostro. Vi andremo...
Casa

Come decorare un vecchio caminetto

Un vecchio caminetto è davvero l'ideale per ricreare, in una vecchia casa in montagna o un appartamento in città un po' vecchio stile e da rimettere a nuovo, una splendida e calorosa atmosfera domestica. Decorare un vecchio caminetto con alcune bellissime...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.