Come realizzare shorts in pizzo di sangallo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il pizzo di Sangallo rappresenta un capo d'abbigliamento di cotone abbastanza prezioso ed estremamente pregiato è quello classico fiorentino: essendo costituito di parti traforate e piene, esso si presta perfettamente non soltanto per i ricami e gli orli alle gonne e ai vestiti, ma anche per realizzare dei pantaloni.
Con riferimento a quest'ultimi, vi consiglio di leggere molto approfonditamente i passaggi successivi della seguente dettagliata ed esplicativa guida, nella quale vi andrò a spiegare come bisogna creare esattamente degli shorts in pizzo di Sangallo: buon lavoro!!!

26

Occorrente

  • Pizzo di Sangallo
  • Fodera di raso
  • Ago e filo
  • Cartamodello
  • Macchina per cucire
  • Carta velina
  • Stoffa di raso o lino
36

Innanzitutto, per cominciare effettivamente il lavoro di cucitura degli short in pizzo di Sangallo, avrete bisogno di disegnare la sagoma sopra un cartamodello, che vi sarà necessaria per ritagliare la stoffa su misura.
Essendo il pizzo di Sangallo estremamente trasparente, esso necessita di una fodera interna, che in questo caso occorrerà fare attraverso del raso sottile e del medesimo colore del pizzo, affinché non venga notato alcun contrasto.

46

Prese le misure degli shorts (altezza, girovita e diametro delle cosce), le operazioni successive che dovrete compiere sono le seguenti:
- disegnare le due facce (anteriore e posteriore) sopra il cartamodello, ritagliarle e metterle sulla fodera di raso, per ottenere due sagome;
- tagliare anche il pizzo di Sangallo con la forma del cartamodello, in modo da avere ancora due facce rappresentanti gli shorts;
- cucire perfettamente le due sagome di raso totalmente foderate su ciascuna faccia, utilizzando la macchina da cucire;
- congiungere le due facce e imbastire gli shorts, allo scopo di misurarlo per delle correzioni eventuali;
- cucire il pantaloncino in maniera definitiva;
- passare alle finiture e alle eventuali decorazioni.

Continua la lettura
56

Come prima cosa occupatevi di cucire una chiusura lampo, poi realizzate dei passanti per l'applicazione di una cintura e, qualora adoriate molto il pizzo inteso come elemento ornamentale, rifinite il girocoscia con la stoffa di Sangallo avanzata o comprata a rotoli, utilizzando un ago e un filo dello stesso colore e dei punti a zig zag, allo scopo di occultarli nelle zone traforate.
Se desiderate risparmiare sull'acquisto di tale stoffa pregiata e scegliere un tessuto differente per realizzare gli shorts, potrete comprare del raso o lino e impiegare il pizzo di Sangallo soltanto come finitura per le tasche e gli orli oppure guarnitura del girovita.
Siccome il pizzo di Sangallo è traforato e potrebbe cosi sfilarsi, vi consiglio di cucire un po' di carta velina sotto questo tessuto, per mantenerlo compatto anche dopo il taglio e fino al momento della posa sul pantaloncino creato mediante altra stoffa o lo stesso pizzo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come foderare un abito in pizzo di sangallo

All'interno di questa guida andremo a parlare di abbigliamento. Nello specifico, in questo caso, parleremo di come foderare un abito. Cercheremo di rispondere a questo interrogativo: come si fa a foderare un abito in pizzo di Sangallo?Buona lettura.Il...
Cucito

Come creare un porta fedi

Per una qualunque coppia di partners, la ricorrenza più bella della loro vita sentimentale, oltre alla nascita di un figlio o di una figlia, è senza dubbio il giorno del loro matrimonio. Quando giunge questo tanto atteso momento e, tra le moltissime...
Cucito

Come fare cuscinetti portaspilli da balia e da cucito

Gli spilli da cucito ed i portaspilli come ben si sa devono trovarsi ben ordinati nei famoso cuscinetti, piccoli oggetti morbidi dove vengono impuntate ed è possibile prenderli con molta facilità. Per chi utilizza questi utensili sicuramente si trova...
Cucito

Come Eseguire Le Incrostazioni Su Pizzo

Nel mondo del cucito, l'applicazione di incrostazioni è eseguita principalmente per ornare un tessuto con del pizzo o con una stoffa leggera come, ad esempio, l'organdi. In genere, questa tecnica è largamente utilizzata per l'abbellimento di cuffie...
Cucito

Come cucire i profili in pizzo

Il pizzo: fresco, malizioso, delicato, fragile. Un bordo in pizzo piace sempre ed è alla moda. Impreziosisce ed ingentilisce qualsiasi capo, rendendolo unico ed estremamente versatile. Fa la sua bella figura sulle tasche o sui bordi dei jeans, sui profili...
Cucito

Come applicare il pizzo alla gonna

Ogni donna ama vestirsi bene, con eleganza e con charme, ma non è facile adeguare lo stile spendendo poco e che stia bene indossato. Abbiamo in commercio diversi tipi di tessuti e di abbigliamento, magari come una bella gonna con delle applicazioni in...
Cucito

Come realizzare un lenzuolo col pizzo

Senza dubbio, ci sarà capitato di aprire una vecchia cassapanca appartenente alla nostra nonna e, di avere avuto modo di visionare oltre alle camice da notte, con pizzi e nastrini, coperte ricamate, asciugamani di fiandra anche delle belle lenzuola col...
Cucito

Come realizzare una tenda per il bagno con un inserto rotondo

Abbiamo finalmente deciso di regalare un restyling alla nostra stanza da bagno. Tra le tantissime soluzioni d'arredo, possiamo scegliere di rendere il nostro bagno un piccolo e delizioso ambiente dal sapore vintage. Per donare alla nostra stanza da bagno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.