Come Realizzare Un Assorbente Di Stoffa Riutilizzabile

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Al giorno d'oggi siamo abituati ad utilizzare oggetti usa e getta perché, in questo modo, eviteremo di doverli lavare dopo l'utilizzo. Tuttavia in questo modo si produce una elevata mole di rifiuti che potremo evitare. In questa guida, in particolare, vedremo come realizzare un comodissimo assorbente di stoffa riutilizzabile.

26

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • Ritagli di stoffa 100% cotone
  • Flanella di cotone
  • Spugna di cotone
  • Bottoncini a pressione
  • Fettuccia alta 1-2cm
  • Ago, filo e forbici
36

Su un cartoncino spesso disegniamo la sagoma di un assorbente con le ali e dopo con le forbici ritagliamolo. Adesso prendiamo questo cartamodello e mettiamolo sulla stoffa, con il gessetto tracciamo il contorno e dopo con le forbici ritagliamo (a circa 1 cm dalla traccia) la sagoma dell'assorbente. Ora prendiamo la spugna di cotone e ritagliamo, un rettangolo di 12X20 cm, dopo pieghiamo a metà questo rettangolo (in modo da ottenerne uno di 6X20 cm) e con la macchina da cucire, cuciamolo con uno zig zag.

46

Adesso prendiamo uno strato di flanella, già tagliato con la forma del cartamodello, mettiamoci al centro, il rettangolo di spugna (fatto in precedenza) e cuciamolo. A questo punto dobbiamo posizionare gli strati di flanella, in modo da cucirli tutti insieme. Mettiamo per prima la flanella con il rettangolo di spugna cucito, sopra mettiamoci il cotone stampato con il dritto verso l'alto. Ora mettiamo nei due lati (davanti e dietro dell'assorbente) due strisce di fettuccia e fissiamoli con degli spilli. Mettiamo un altro strato di flanella, con il dritto sul dritto del cotone stampato, con il rovescio verso l'alto e con gli spilli, fissiamo tutti questi strati.

Continua la lettura
56

A questo punto iniziamo a cucire tutti i lati dell'assorbente, lasciando però un'apertura di circa 4 cm, in modo da ribaltare il tutto al dritto. Quando avremo finito di cucire tutto, dall'apertura lasciata, ribaltiamo tutto, in modo da lasciare i due pezzi di fettuccia, nella parte della flanella. Adesso chiudiamo l'apertura con qualche spillo e passiamo tutti i bordi per rifinire l'assorbente, con la macchina da cucire (compresa l'apertura che avevamo lasciato). Se vogliamo, sempre con la macchina da cucire, potremo fare delle scanalature all'interno dell'assorbente. Per finire, sulle ali cuciamo i bottoncini, per quando ripieghiamo l'assorbente. Adesso è finalmente pronto per essere utilizzato.

66

Quindi seguendo i pochi e semplici passaggi riportati all'interno di questa guida, sapremo finalmente come fare per riuscire a realizzare un comodissimo assorbente di stoffa riutilizzabile. Per chi è alle prime armi con questo tipo di lavori, potrà trovare i passaggi precedenti leggermente complicati, tuttavia con un po' di pazienza e provando varie volte, riusciremo alla fine ad ottenere un risultato perfetto. A questo punto non ci resta che acquistare tutto il materiale indicato nella guida, per poter subito provare a realizzare questi comodissimi oggetti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come Cucire I Classici Assorbenti Di Stoffa Quadrati

L’utilizzo di assorbenti lavabili è una delle possibili alternative, oltre all’uso della coppetta mestruale, per abbassare il nostro impatto ambientale nei giorni della ...
Cucito

Come riutilizzare una vecchia camicia in flanella

La maggior parte delle volte che nei nostri armadi troviamo degli indumenti che non intendiamo più utilizzare, preferiamo buttarli via e comprarne altri nuovi, senza ...
Cucito

Come realizzare un pigiama di flanella

Se abbiamo intenzione di realizzare un pigiama caldo per le fredde nottate invernali, la scelta del tessuto deve per forza di cose ricadere sulla flanella ...
Bricolage

Come realizzare una gallina portapane

L'ambiente domestico e più propriamente la cucina, è il luogo principe e simbolo della casa italiana. La cucina rappresenta quanto di migliore viene servito ...
Cucito

Come fare un portabottiglie in stoffa

Abbiamo comprato una bottiglia di vino e vorremmo regalarla. Ma non vorremmo che si rompesse nel trasporto, anche se stiamo attenti. Per essere sicuri possiamo ...
Cucito

Come realizzare un orsacchiotto di peluche

Fin da bambini siamo stati abituati ad avere degli amici, i nostri genitori ci hanno insegnato che avere degli amici e saperli trattare è la ...
Cucito

Come realizzare un cuscino ricamato

Il ricamo è un'arte che va sempre più scomparendo, in quanto sono ormai poche le ricamatrici che per passione o per lavoro continuano a ...
Cucito

Come trasformare una federa in vestito per bambina

La federa è realizzata a forma di sacco e spesso è coordinata con le lenzuola. Il suo scopo è quello di proteggere il guanciale per ...
Cucito

Come realizzare una sacca in cotone

In commercio ci sono sacche di varia fattura e di vario prezzo e orientarsi nella scelta non è sempre facile perché magari quella che ci ...
Cucito

Come realizzare un accappatoio in spugna per bebè

Quando pensiamo ad un accappatoio, l'idea che ci salta in mente, è quella di una struttura con cappuccio e relative maniche. L'idea è ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.