Come realizzare un giardino da balcone

dalla redazione O2O difficoltà: media

Come realizzare un giardino da balconeLeggi Organizzare un balcone o una terrazza non è un'impresa particolarmente difficile, soprattutto se ci si accontenta di sistemarvi un certo numero di cassette e vasi, in file più o meno ordinate oppure alla rinfusa, l'impresa diventa più complicata quando si voglia dare all'insieme una nota di personalità, uno stile ben preciso, una linea quasi "architettonica", facendo assumere alle piante e ai fiori un ruolo diverso che di solito compete ai materiali da costruzione. Uno dei primi problemi da porsi riguarda la possibilità o meno di trasformare la striscia di un balcone, o un terrazzo di qualsiasi altra forma, in un piccolo giardino pensile.

Assicurati di avere a portata di mano: mensole piante rampicanti

1 Come realizzare un giardino da balconeLeggi Salvo casi particolarissimi, non esistono balconi "impossibili", mentre vi sono molte terrazze o balconi "difficili" a causa di: 1) eccessiva ombra; 2) troppo sole; 3) esposizione a forti correnti ventose; 4) eccessiva vicinanza al mare; 5) collocazione in montagna.
Prima di ogni altra cosa è opportuno quindi cercare di porre rimedio alle caratteristiche negative di fondo dell'area a disposizione, in modo da normalizzare il più possibile le condizioni dell'ambiente e potervi così coltivare le specie prescelte.

2 Come realizzare un giardino da balconeLeggi L'eccessiva ombra. E' evidente che per un balcone che non riceve mai sole, o ne riceve per poche decine di minuti al giorno, l'unica soluzione possibile è quella di non volersi ostinare nella coltura di piante che amano i caldi raggi solari e di dare invece la preferenza a specie che vegetano con rigoglio, e magari fioriscono anche in assoluta ombra. Occorre inoltre cercare di sfruttare al massimo la luminosità rinunciando per prima cosa a pergolati di qualsiasi genere e a tendoni e limitando la presenza di rampicanti alla sola copertura del muro che fa da "spalla" al balcone. Bisognerà anche evitare di coprire ringhiera o balaustra con edera o altre specie "sarmentose" (piante dotate di fusti sottili, flessibili e lunghi, che di solito prendono il nome di rampicanti), per consentire alla luce di passare liberamente tra i ferri o colonnine e illuminare così i vasi disposti lungo il bordo del balcone o del terrazzo. In questo modo le piante potranno ricevere chiarore dall'alto e anche di fianco, con evidente vantaggio.

Continua la lettura

3 Il balcone è troppo assolato.  Per questa particolare ambientazione si raccomanda di fare il contrario di quanto esposto per il balcone in ombra ossia: 1) oltre a coprire il muro che fa da "spalla" al balcone con piante rampicanti, cercare di dare ombra a tutto il balcone installando supporti in legno o in ferro a mo' di tetto, su cui far correre del verde, ottenendo una gradevole coltre di ombra senza però togliere troppa luce, cosa che avverrebbe usando tendoni con tessuto troppo pesante che, fra l'altro, non lasciano passare né aria né rugiada.  Approfondimento Come scegliere le piante per il balcone (clicca qui) 2) Tappezzare ringhiera e balaustra con edere o altre specie rampicanti, per togliere l'eccessiva insolazione ai vasi sistemati lungo il bordo.  3) Evitare di sopraelevare i recipienti che ospitano le piante, affinchè queste possano godere del fresco proveniente dal pavimento e della relativa ombra.  4) Se non è possibile ombreggiare tutto o in parte con rampicanti, si può ricorrere a una copertura con stuoie di canne, intrecciate in modo non troppo fitto e fissate su una intelaiatura in ferro.. 

4 Come realizzare un giardino da balconeLeggi Esposizione al vento. E' abbastanza frequente che i balconi presentino l'inconveniente di essere battuti dal vento, magari proveniente dal nord o da ovest e quindi particolarmente pericoloso soprattutto nelle stagioni di mezzo, perchè responsabile di brusche variazioni di temperatura. In queste condizioni è molto difficile se non impossibile ottenere buoni risultati nella coltura delle piante da fiore, a parte qualche eccezione, per cui è indispensabile creare solide barriere frangivento, tali da assicurare a vasi e cassette una valida protezione in ogni periodo dell'anno. Queste barriere possono essere realizzate con pannelli di vetro-cemento disposte a parete, paretine in bambù oppure stuoie di canna, siepi di arbusti sempreverdi. Queste barriere frangivento, però, non devono chiudere tutto il balcone, per non tramutarlo in una specie di gabbia, ma soltanto "fermare" il vento nel punto in cui è solito spirare più impetuoso. Di solito basta schermare una lato o un angolo, per "rompere" la forza dell'impatto e far sì che il vento raggiunga con dolcezza le piante. Se la corrente ventosa interessa il lato più lungo della balconata, sarà sufficiente una serie di pannelli, o gruppi di arbusti collocati a intervalli regolari per realizzare un'atmosfera sopportabile. Per ogni clima, e per le diverse zone del nostro Paese, esistono specie arbustive più o meno adatte a essere utilizzate come siepi frangivento, la cui scelta dipenderà anche dall'impostazione stilistica ed estetica data all'ambiente.

5 Come realizzare un giardino da balconeLeggi Quando il mare è molto vicino. Vi sono molte difficoltà per realizzare un terrazzo o un balcone nelle località più prossime al mare, quindi molto battute dal vento, con clima assai caldo durante l'estate e spesso notevolmente freddo in inverno, con alto grado di umidità notturna durante la buona stagione mentre in autunno, dicembre e gennaio non di rado sulla zona grava una coltre brumosa che "brucia" la vegetazione o la danneggia. In considerazione di queste particolari condizioni ambientali, soprattutto i balconi situati agli ultimi piani, devono essere ben protetti da siepi frangivento, pergolati o altri schermi. Senza queste protezioni è quasi impossibile ottenere buoni risultati nelle colture, anche limitando la scelta a piante di particolare robustezza e resistenza all'azione corrosiva della salsedine. Se però il sistema di protezione funziona, si potrà procedere a un'ampia scelta di piante.

6 Come realizzare un giardino da balconeLeggi Il balcone in montagna. Nella maggior parte dei casi è superflua la protezione con delle siepi frangivento, perchè questo tipo di balcone è di solito architettonicamente ben schermato contro le correnti ventose e già concepito per ottenere il massimo tepore possibile attraverso la diretta esposizione al sole e la realizzazione di schermi laterali. La scelta delle specie deve comunque essere fatta seguendo un preciso criterio, solo in questo caso i risultati non saranno deludenti. E' bene dare la preferenza a piante robuste, per ottenere belle fioriture senza eccessiva fatica. La prerogativa dei balconi di montagna è infatti proprio quella di adornarsi di intense masse cromatiche, seppure ottenute con fiori semplici e quasi rustici.

Come realizzare un'orticello sul balcone Come scegliere le piante sempreverdi per il terrazzo Come abbellire un balcone in primavera Come decorare i balconi d'appartamento

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili