Come realizzare una sedia di vimini

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nelle cantine o sulle soffitte delle nostre case sicuramente ci saranno degli oggetti che non si utilizzano più come delle vecchie sedie che si vorrebbero buttare per fare un po' di spazio. In questo caso invece sarebbe opportuno ridare una nuova vita utilizzandole per creare altri mobili. In questa guida spiegherò in modo dettagliato ma semplice come realizzare una sedia di vimini per avere un oggetto unico e originale.

26

Occorrente

  • sedie vecchie
  • fogli di vimini
  • cacciavite
  • carta vetrata
  • cunei
36

Conoscere il materiale

Prima di iniziare è opportuno dare qualche informazione in più riguardo a questo tipo di oggetto. C'è chi le definisce sedie in midollino, altri usano il termine rattan, altri ancora si riferiscono semplicemente a sedie in vimini, come vuole la tradizione, e si tratta un materiale ottenuto con la lavorazione di specie vegetali; precisamente consiste in un tipo di salice, tipico di aree situate tra l'Europa centro-settentrionale e la Siberia. La pianta di vimini, giunta anticamente in Italia, oggi è ormai poco coltivata, se non in maniera sporadica nella Pianura Padana meridionale. Questo tipo di materiale viene molto spesso utilizzato per creare mobili in quanto ha una buona resistenza.

46

carteggiare con cura

Per prima cosa occorre incidere con un cutter i lati del vecchio cordoncino, rompendo il legame della vecchia colla per estrarlo dalla scanalatura: sollevare infilandovi sotto un cacciavite e fare leva, poi toglierlo e levare anche la vecchia seduta. Con carta vetrata media carteggiare bene tutta la sedia e poi ripassarla con carta vetrata fine. Togliere ogni traccia di polvere dal legno e poi dipingere la sedia con vernice atossica trasparente o colorata. In un centro "Fai da te", acquistare un foglio di vimini, poi tagliarlo in modo che sporga un paio di centimetri dai quattro lati della seduta e infine immergere per circa un'ora in acqua calda per ammorbidirlo.

Continua la lettura
56

Inserire il vimini

Mettere il foglio di vimini ormai ammorbidito sulla sedia, facendolo sporgere di due centimetri su ogni lato. Tenere la trama parallela ai lati, tenendola lievemente tesa, poi iniziare a piantare un cuneo nella scanalatura di ogni lato, accertandosi che la trama sia sempre perfettamente in squadra con i bordi della sedia ricordandosi sempre di ricontrollare mentre verranno applicati i primi 4 cunei. A questo punto, occorre piantare qualche altro cuneo e spingere i lati del foglio di vimini nella scanalatura, tenendolo teso e dritto in maniera che non si allenti o vada fuori squadra. Con questo passaggio il lavoro è terminato, per una resa maggiore il consiglio è quello di passare un po' di vernice trasparente.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • se la sedia presenta dei buchi trattarla con prodotti antitarlo

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come realizzare una sedia a dondolo in policotone

Il solo pensiero di una sedia a dondolo suscita immediati desideri di relax. Chi non vorrebbe in casa un angolo tutto proprio, con una sedia a dondolo dove distendersi? Magari con un buon libro da leggere o della musica in sottofondo. La sedia a dondolo...
Casa

Come smontare una sedia a dondolo

Quanti ricordi ci ritornano alla mente guardando una sedia a dondolo. La nonna seduta sulla sedia che lavorava all'uncinetto, in un angolo della cucina o il nonno che leggeva il giornale, rilassandosi con l'altalenare del dondolio, nella sedia posta nel...
Casa

Come rivestire un divano in vimini

Con la bella stagione cresce la voglia di godere della quiete del nostro giardino o della nostra veranda. Passeremmo ore sul nostro divano a sorseggiare un drink o a leggere un libro. Se poi il divano non è in rattan o in bambù ma in vimini, l'intramontabile...
Casa

Come rivestire una poltrona di vimini

Siete alle prese con rinnovi e variazioni per quanto riguarda il vostro arredamento di casa? Se è così, oppure desiderate semplicemente creare dei rivestimenti per i vostri divanetti e poltrone, per salvaguardarli dalla polvere e dall'usura del tempo,...
Bricolage

Come intrecciare un coperchio di vimini

L'arte di intrecciare il vimini è assai antica e diffusa. Presso i Greci e presso i Romani, il vietor o viminator era abile nella costruzione di cesti di vimini, recipienti e persino coperchi; anche il clipeus era uno scudo realizzato con un intreccio...
Bricolage

Come foderare un cestino di vimini

Se nel nostro solaio o in cantina, giacciono abbandonati dei cestini di vimini, dimenticati lì subito dopo le feste, prima di liberarci di loro pensiamo attentamente a come possiamo riutilizzarli. Un cestino in vimini, a seconda della sua forma, può...
Bricolage

Come costruire una cornice per foto in vimini

L'abitudine di intrecciare vimini per produrre oggetti di ogni tipo è un'arte antica. Il vimine ha ottimi fattori di resistenza e flessibilità, e ha prodotto nel corso della storia tantissime cose di uso quotidiano fino al tempo dei nostri nonni. Oggi...
Giardinaggio

Come realizzare una cesta in vimini

Il recupero dell'artigianato antico è molto importante per la cultura di un paese. Costituisce parte del suo valore aggiunto e possiede un grande potenziale commerciale. Sono in tanti, infatti, a rivalutare le arti dei nostri nonni. La semplicità dei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.