Come realizzare uno scaffale libreria con illuminazione

tramite: O2O
Difficoltà: facile
19

Introduzione

L'illuminazione è il risultato dell'illuminare mediante l'utilizzo di flussi luminosi, naturali (mediati da elementi architettonici) o emessi da sorgenti artificiali (apparecchiature generalmente elettriche) allo scopo di ottenere determinati livelli di luce (illuminamenti) sull'oggetto (in senso lato) da illuminare. La relativa tecnica si chiama illuminotecnica. Ulteriori scopi dell'illuminazione sono anche creare effetti scenografici, di accento e con le sue apparecchiature generatrici (lampade) di fare arredo. Il termine illuminazione è anche usato come semplificazione e con significato di "impianto di illuminazione". La prima applicazione dell'illuminazione elettrica avvenne con le lampade ad arco di Humphry Davy nel 1813. Il sistema non ebbe particolare diffusione e la prima vera applicazione utile dell'elettricità nel campo dell'illuminazione la si ebbe solo con le lampade ad incandescenza, come quella proposta da Wilson Swan nel 1878 e quella di Thomas Edison nel 1879. Quest'ultimo in particolare, dopo aver perfezionato e brevettato l'invenzione del primo, viene ricordato come l'inventore del primo sistema di illuminazione elettrica efficace, costante ed affidabile. Nei passi della guida a seguire sarà illustrato come realizzare uno scaffale libreria con illuminazione.

29

Occorrente

  • truciolare impiallacciato in noce tanganika spesso 20 mm per un totale di 4 metri quadrati (fianchi, ripiani, testa e piede)
  • tondino di ramin diametro 40 mm per un totale di 4 metri (finiture laterali)
  • tondino di ramin diametro 30 mm per un totale di 5 metri (finiture ripiani)
  • compensato da 5 mm, di 146x96 cm (schienale)
  • tubo di plastica rigida diametro 20 mm (per 33 metri per la finitura dello schienale)
  • 16 lampadine micro mignon 220 volt 3 watt
  • 16 portalampade
  • 1 interruttore
  • 0,5 metri quadrati di plexiglass opalino spesso 2 mm
  • 2 ruote piroettanti da 50 mm
  • spine di faggio diametro 6 mm
  • filo elettrico
  • colla vinilica
  • colla a contatto
  • colla a caldo
  • tinta all'analina e vernice trasparente
  • seghetto alternativo
  • matita e dima rettangolare con curvatura di 58 cm di raggio
  • seghetto alternativo
  • sega circolare
  • trapano e sega a tazza da 50 mm
  • lima o raspa
  • carta vetrata
  • sigillante siliconico
  • saldatore
  • una morsa
  • guida per foratura
  • marcatori di tipo a cappellotto
  • martello di gomma
  • connettori isolati
39

Sul pannello che funge da elemento sagomato inferiore, ovvero il piede, appoggia una dima rettangolare in cartone, con curvatura in alto di cinquantotto centimetri di raggio. Traccia quindi il relativo contorno. A questo punto, la stessa operazione devi eseguirla sul pannello superiore che fungerà da testa. Il raggio di curvatura della dima è di 37 centimetri, quindi ponila tangente al bordo superiore.

49

Effettua i tagli sul truciolare impiallacciato mediante il seghetto alternativo, seguendo la traccia lasciandola visibile lungo la parte che dovrai conservare. Per poter effettuare precisi cambi di direzione della lama, pratica dei fori passanti tangenti al punto in cui si ha la curva stretta con il trapano. I bordi tagliati spianali accuratamente mediante la lima raspa dato che difficilmente con il seghetto si riesce a tagliare in modo perfettamente dritto. Un'ulteriore finitura dovrai darla con carta abrasiva avvolta su un tampone di gomma in modo da rendere il più possibile liscio il bordo arrotondato.

Continua la lettura
59

A questo punto, per praticare le aperture in cui andrai a inserire le lampade, usa una sega a tazza da 50 millimetri e fai due fori i cui centri distino ottanta millimetri. Appena li avrai fatti, con il seghetto alternativo asporta la parte di truciolare che raccorda i due fori, dopo aver tracciato le tangenti. Prima con la lima raspa, poi con la carta vetrata, regolarizza le parti tagliate con il seghetto alternativo e lisciane i bordi.

69

Con il trapano pratica un foro passante che collega l'apertura appena realizzata con il bordo anteriore del ripiano, per permettere il passaggio del cavo elettrico. Pratica con la sega circolare, lungo un lato corto e parte di quello frontale, una scanalatura sufficientemente profonda e larga per alloggiarvi i cavi elettrici.

79

Metti il cavo che alimenta le lampadine nella scanalatura e lungo questa, applica del sigillante al silicone o della colla a caldo. Prepara un blocchetto di legno con due fori in cui dovrai inserire i portalampade con i piedini rivolti verso l'alto, poi saldali con cura. Appoggia un portalampade sull'altro e saldane insieme i piedini in modo che risultino accoppiati e contrapposti. Inserisci la coppia di portalampade nell'apertura, conficcando il chiodo nel legno e salda i terminali dei cavi ai piedini.

89

Fora l'estremità inferiore dei tondini posti lungo i bordi dei fianchi, in modo da poter inserire il perno per le ruote. Una volta fatto, sulla faccia a vista dello schienale applica una serie di semi-tubi in PVC tagliati longitudinalmente e incollali con adesivo a contatto.

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per i fori usa un trapano senza percussione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare uno scaffale con le cassette di plastica

Qualche volta si ha l'esigenza di realizzare uno scaffale per poter conservare ed esporre oggetti e libri. Invece di utilizzare il legno oppure il ferro si può decidere di utilizzare delle cassette di plastica. Queste ultime si possono riciclare oppure...
Casa

Come costruire uno scaffale per libri o fumetti

A volte si decide di aggiungere al proprio arredo di casa un mobile utile e esteticamente interessante fatto con le proprie mani. In questo caso è opportuno costruire uno scaffale su cui riporre i libri o i fumetti che sono sparsi per la casa. La sua...
Bricolage

Come realizzare uno scaffale a partire da vecchie panche

Se all'interno dell'ambiente cucina o in giardino abbiamo delle vecchie panche che non intendiamo utilizzare più, possiamo riciclarle realizzando altri mobili di grande utilità, come ad esempio delle scaffalature per la stessa cucina o per altre camere...
Materiali e Attrezzi

Come costruire uno scaffale in ferro

Se abbiamo bisogno di uno scaffale in ferro per posizionarlo nel nostro giardino, terrazza oppure in cantina per appoggiarvi utensili o derrate alimentari, possiamo occuparcene in modo semplice, realizzandolo con poca spesa ed in breve tempo. La realizzazione...
Bricolage

Come costruire degli sportelli in truciolare laminato per libreria

Se in casa abbiamo una libreria piuttosto grande del tipo a giorno, ovvero con tantissimi scaffali, ed intendiamo applicare degli sportelli per conservare alcuni oggetti particolari o preservare libri di valore e Dvd, possiamo corredarla di sportelli...
Casa

Come costruire uno scaffale con i pallet

Il termine internazionale pallet, in italiano paletta (o più specificamente paletta di carico) e definito in forma colloquiale anche come pedana, pancale o bancale, è un'attrezzatura utilizzata per l'appoggio di vari tipi di materiale, destinati ad...
Bricolage

Come fare uno scaffale per giocattoli con il cartone

Quando in casa ci sono dei bambini, spesso in ogni angolo fa capolino uno dei loro giocattoli e la loro stanza finisce quasi sempre per esserne addirittura invasa. Solitamente si raccoglie ogni cosa e si ripone in capienti e utilissimi cestoni, ma si...
Casa

Come progettare una biblioteca

Possedere una libreria ben fornita a casa assicura lunghe ore di lettura senza spostarsi da casa per recarsi in biblioteca, ma, spesso, la confusione tra gli scaffali non semplifica le scelta del genere letterario da leggere in un momento piuttosto che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.