Come realizzare uno scaldacollo ai semi di grano

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nelle fredde giornate invernali è bello avere qualcosa di caldo addosso specialmente se si è una persona freddolosa. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette informazioni su come realizzare uno scaldacollo ai semi di grano. Questo comodo oggetto allevia la fastidiosa sensazione di freddo che si avverte. Insomma è un oggetto abbastanza utile che si può utilizzare in qualsiasi momento della giornata.

26

Occorrente

  • tessuto di cotone lavabile
  • ago e filo per cucire
  • macchina da cucire
  • semi di grano
36

Attualmente sul mercato esistono moltissimi scaldacollo; essi contengono al loro interno una grande varietà di semi. Possono esserci quelli ricavati dai noccioli delle ciliegie, dal riso e dal frumento, oltre che dai semi dell'uva. Questi scaldacollo sono utili non solo per riscaldarsi, ma danno la possibilità di alleviare alcuni disturbi come un crampo, un dolore alla pancia, allo stomaco e persino problemi alla cervicale. I cuscini in commercio hanno un costo variabile, ma non bisogna essere necessariamente abili nelle arti manuali per realizzare da soli uno scaldacollo ai semi di grano.

46

All'inizio è consigliabile procurarsi tutto il materiale necessario per la realizzazione dello scaldallocollo. In questo caso specifico occorre un materiale di cotone abbastanza resistente e che si adatta alle alte temperature. Il cuscino realizzato in questo modo si deve riempire con i semi di grano; essi si possono comprare presso un negozio di hobbystica oppure di belle arti. È indispensabile acquistarne una quantità necessaria a riempire almeno i 3/4 della grandezza del cuscino. Per le misure del cuscino trattandosi di uno scaldacollo è preferibile scegliere le dimensioni di 20x40 cm.

Continua la lettura
56

A questo punto bisogna cominciare a tagliare la fodera dello scaldacollo. Questa operazione va fatta in base alle misure scelte ed aggiungendo per ogni lato almeno 3/4 cm per il bordo. Successivamente bisogna cucire al contrario tutti i lati utilizzando una macchina da cucire. Prima di chiudere completamente anche il quarto lato è opportuno lasciare almeno 5 cm di spazio e rigirare la fodera dello scaldacollo. Infine, bisogna riempire di circa 3/4 la fodera con dei semi di grano e poi si deve chiudere.

66

Forse non tutti sono al corrente che lo scaldacollo con i semi di grano può essere anche utilizzato per raffreddare e non soltanto per scaldare. In questo caso è fondamentale riporlo per un paio di ore nel congelatore; in questo modo si possono sfruttare appieno tutte le sue qualità anche da freddo. Cioè non solo per crampi, dolori addominali e cervicale, ma anche per febbre e refrigerio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come fare uno scaldacollo a maglia alta incrociata

Se siete particolarmente freddolose ma non volete rinunciare allo stile, classe, e semplicità, ecco che quello che vi andremo a proporre oggi farà il caso vostro. Vedremo infatti come fare uno scaldacollo a maglia alta incrociata. Vi occorrerà il tipo...
Cucito

Come realizzare uno scaldacollo con i ferri circolari

Lo scaldacollo è una lunga sciarpa le cui estremità risultano unite tanto da formare un cerchio. Davvero l'ideale per proteggersi dal freddo e per arricchire al tempo stesso il proprio look con un accessorio moderno, sportivo e decisamente fashion....
Cucito

Come realizzare uno scaldacollo a maglia

Che siate freddolosi o meno, durante l'inverno è sempre utile avere a disposizione un capo in lana, caldo e protettivo come una sciarpa o uno scaldacollo. La prima è ingombrante, le code cadono o vanno legate a formare nodi vistosi e scomodi. Il secondo...
Cucito

Come fare uno scaldacollo a maglia

Nei mesi invernali, lo scaldacollo è un utilissimo accessorio che non dovrebbe mai essere lasciato a casa: può infatti essere una buona idea quella di tenerlo sempre in borsa, nello zaino oppure nella tasca di una giacca, per poterlo usare quando occorre....
Altri Hobby

Come fare uno scaldacollo double face

Lo scaldacollo è un accessorio invernale davvero versatile e caldissimo. Si abbina a qualsiasi outfit, da quello più classico a quello casual. È una via di mezzo tra la sciarpa e la pashmina, ma molto più confortevole. Insomma, vale davvero la pena...
Cucito

Come fare uno scaldacollo con fiore

In questa guida vi spiegheremo come fare uno scaldacollo con un fiore di feltro. Procuratevi i materiali posti in elenco e mettete in atto le indicazioni tecniche qui descritte. Si tratta di confezionare con un minimo di manualità e pazienza un morbido...
Cucito

Come trasformare una sciarpa in uno scaldacollo

Oggi vi proponiamo come trasformare una sciarpa in uno scaldacollo. Vi sembrerà magari strano, però non è difficile. Vi occorre tantissima precisione ed una manualità discreta. Con delle mosse semplici, facili e poche, avrete subito un accessorio...
Cucito

Come Realizzare Uno Scaldacollo Di Lana

Quando arriva l'inverno spesso si soffre di fastidiosi mal di gola per cui si ha la necessità di proteggere efficacemente il proprio collo con qualcosa di estremamente morbido e caldo. In questo tutorial viene spiegato molto brevemente, ma dettagliatamente,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.