Come rendere il terreno acido

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Alcuni alberi e arbusti il più delle volte necessitano di un terreno con un PH acido, ossia al di sotto di 7.0, altrimenti si svilupperebbero con un eccesso di clorosi ferrica. Per esempio, se intendete coltivare la betulla, i mirtilli, le azalee e i rododendri, sappiate che, anche se prolificano ugualmente, modificando il PH del terreno, è possibile renderlo ideale ed ottenere una resa migliore. Vediamo insieme attraverso gli utili suggerimenti di questa guida come rendere il terreno acido.

26

Occorrente

  • provette con liquidi catalizzatori
  • solfato di alluminio
  • solfato di ferro
  • letame decomposto
  • torba
  • zolfo
36

Procurarsi le provette con dei liquidi catalizzatori

Innanzitutto, al fine di calcolare la quantità di terreno da modificare, è fondamentale conoscere lo stato attuale del PH. A tale scopo, in commercio esistono delle provette con dei liquidi catalizzatori o le cosiddette cartine di tornasole. Sicuramente sono facilmente reperibile presso dei vivai oppure in un centro di botanica specializzato. Una volta conosciuto l'esatto valore, regolatevi di conseguenza per portarlo al valore ideale che, come accennato in fase introduttiva deve essere inferiore a 7.0. Dopo questa importante introduzione, ecco adesso le modifiche più comuni che è possibile fare sul terreno per renderlo più acido.

46

Aggiungere il solfato di alluminio in base a determinati ettari

Il primo metodo consiste nell'aggiungere il solfato di alluminio che, andrà aggiunto in base a determinati ettari. Le proporzioni sono in genere riportate sulla confezione, anche se l'ideale è farsi consigliare da un esperto del settore per stabilirne il giusto dosaggio. Un'altra modifica da effettuare nel suolo, in grado di renderlo più acido, è l'utilizzo del solfato di ferro che come l'alluminio va mescolato insieme ad un buon quantitativo di torba sminuzzata, così da ottenere un ottimo drenaggio del terreno e, consentire al sottosuolo di riceverne il giusto dosaggio gradualmente. La torba in questo caso deve essere piuttosto acida, per cui il letame decomposto è indicato.

Continua la lettura
56

Unire al terreno dello zolfo

Molto importante è inoltre interrare la torba almeno a venti o trenta centimetri di profondità, e successivamente inserire del terriccio fresco con l'aggiunta di altra torba affinché possa costituire un mantello protettivo nel terreno con le sostanze inserite. Una volta stabilizzato il suolo, sul valore ideale del PH inferiore a 7.0 prima della coltivazione effettiva (almeno un anni prima), va inoltre aggiunto al terreno dello zolfo, che è possibile versare in polvere o mediante nebulizzazione mista all'irrigazione di routine, che in assoluto è da considerare la migliore tecnica, in modo preservare a lungo il grado di acidità ottenuto, con le suddette tecniche di pacciamatura e concimazione.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Le proporzioni sono in genere riportate sulla confezione, anche se l'ideale è farsi consigliare da un esperto del settore per stabilirne il giusto dosaggio.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come Coltivare L'Erica Carnea

L'erica carnea è una specie botanica a portamento cespuglioso, che appartiene alla famiglia delle Ericaceae. Cresce spontaneamente tra le rocce dei rilievi montuosi alpini e appenninici. Predilige le temperature rigide, ma necessita di luce intensa....
Giardinaggio

5 consigli sulla coltivazione del ranuncolo

Il ranuncolo è un fiore di origine asiatica, inodore e simile ad una rosellina. Può essere giallo, arancione, rosa e di altri colori ancora. Ne esistono oltre 400 varietà diverse. È una pianta bella ma molto delicata, esigente in fatto di terreno...
Giardinaggio

Come dare colore alle ortensie

Tutti coloro che si appassionano al giardinaggio e vantano un pollice più o meno verde conoscono le ortensie. Queste piante, infatti, hanno un alto numero di estimatori fra chi vuole abbellire il giardino o il balcone. All'origine dell'apprezzamento...
Giardinaggio

Come Coltivare La Pervinca Del Madagascar

Quella del pollice verde è una sorta di attitudine verso il mondo del verde e delle piante. Va comunque sottolineato che la passione per il giardinaggio a volte non basta semplicemente per mantenere il benessere delle proprie piante. Infatti è fondamentale...
Giardinaggio

Come coltivare le primule in giardino

Nonostante il freddo intenso dell'inverno, alcune piante sono già in fiore. Nelle zone meridionali il gelsomino fa già sentire il suo profumo. Tra i primi fiori a sbocciare non si possono certo dimenticare il bucaneve e la rosa di natale. I fiori della...
Giardinaggio

Come utilizzare la torba per far crescere l'erba

In questa guida, vogliamo aiutarvi a capire come poter utilizzare al meglio, la torba, per poter essere in grado di far crescere l’erba, nella maniera più rigogliosa possibile.Sono in tanti coloro i quali amano avere nel proprio giardino un bellissimo...
Giardinaggio

Come coltivare le piante con la torba di cocco

Negli ultimi anni la tecnologia di coltivazione delle piante sta facendo passi da gigante. Una delle ultime novità è la coltura idroponica: questa consiste nel coltivare piante alimentari in substrati diversi dal terreno. In questo modo si ha il pieno...
Giardinaggio

Come Usare Le Pastiglie Di Torba Per Seminare

Se amate il giardinaggio è importante conoscere a fondo le tecniche di coltivazione, in modo da massimizzare il raccolto se si tratta di verdure e ortaggi, oppure garantirvi il top dal punto di vista della fioritura se invece amate coltivare le piante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.