Come riciclare il riso

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il riso è un cereale che una volta cucinato si gonfia, e quindi le porzioni risultano particolarmente abbondanti. Ciò significa che molto spesso capita che avanza, e per non buttarlo via lo si può sfruttare in tantissimi modi preparando delle gustose, semplici e veloci ricette. A tale proposito, ecco una guida con alcuni condigli su come riciclare il riso.

25

Occorrente

  • Riso avanzato 200 gr.
  • Uova 2
  • Pane grattugiato q.b.
  • Pomodori 4
  • Piselli 100 gr.
  • Besciamella 50 ml.
35

Preparare una frittata

Un primo modo per riutilizzare al meglio il riso avanzato, consiste nel preparare un'ottima frittata, aggiungendo del parmigiano all'interno amalgamandolo bene, e poi inserendo del prosciutto in superficie a cottura quasi ultimata. In tal modo otterremo un delizioso secondo piatto, e per realizzare la nostra frittata possiamo avvalerci di una padella, o in alternativa procedere con la cottura nel forno a microonde.

45

Farcire dei pomodori

Un altro splendido modo per riutilizzare il riso avanzato è quello di farcire dei pomodori, a patto che abbia mantenuto bene la cottura. In questo caso prenderemo dei bei pomodori maturi e ne asporteremo la calotta, li svuoteremo un po' con l'apposito strumento o con l'ausilio di un cucchiaino, e riempiremo la parte in cui abbiamo asportato la polpa con del riso al quale mescoleremo un po' di prezzemolo. Se gradite l'uso dell'aglio in cucina, potrete inserirne un po' finemente tritato nell'impasto utilizzato per la farcitura del pomodoro. Infornate il tutto a circa 180°C per 20/30 minuti, dopodiché lasciateli raffreddare, poiché i pomodori farciti sono gustosissimi se consumati freddi, e quindi particolarmente adatti per la stagione estiva. Infine da non far mancare su ognuno dei pomodori, è sicuramente una bella e profumata foglia di basilico.

Continua la lettura
55

Creare dei supplì

Infine un altro piatto molto conosciuto per riciclare il riso avanzato, è quello di creare dei supplì. In questo caso basterà fare un po' di sugo con cui condire meglio il riso avanzato, ed aggiungere due foglie di basilico. Impastate il tutto e formate delle palline oblunghe, e mettete al centro una noce di mozzarella e ripassateli nel pangrattato e nell'uovo per due o tre volte, in modo da ottenere tante "polpettine allungate", ossia i nostri supplì. Allo stesso modo, ma senza avvalerci del sugo, potremo semplicemente aggiungere al riso anche dei piselli e della besciamella, per preparare dei gustosissimi arancini alla siciliana. Quest'ultimi avranno la forma rotonda anziché oblunga, e dopo averli elaborati, vanno passati in abbondante pane grattugiato, in modo da garantire ad ognuno di essi una croccante e deliziosa crosticina dorata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come svuotare le capsule del caffè

Possedere una macchinetta per il caffè può essere un grande vantaggio per chi va spesso di fretta ma non vuole rinunciare ad una buona tazzina di caffè caldo. Le capsule del caffè assicurano un ottimo caffè ogni giorno, ma non sempre la comodità...
Bricolage

come decorare un pannello con gli stucchi

A volte gli ambienti delle nostre abitazioni possono apparire scarni o freddi. Non basta aggiungere soprammobili e tessuti per ravvivarli. Un'alternativa divertente potrebbe essere decorare oggetti di scarto apparentemente privi di interesse. Infatti...
Giardinaggio

Come cercare gli asparagi selvatici

Gli asparagi selvatici sono dei germogli che crescono spontaneamente in tutta l'area mediterranea. Nascono da una pianta spinosa appartenente alla famiglia delle Liliacae. Gli asparagi puntano fuori in primavera e hanno un gusto forte e amarognolo. Vengono...
Bricolage

Come eseguire la speratura nei canarini

La speratura è un procedimento che si basa sull'osservazione di un uovo in controluce. Questo viene effettuato attraverso una lampada apposita, chiamata per l'appunto lampada sperauovo. Ma è necessario anche un tavolo di speratura. Solitamente questa...
Altri Hobby

5 idee per riutilizzare gli avanzi di sapone

L'arte del riciclo e del riutilizzo di materiali di scarto non è da tutti, però è possibile imparare con un po' di pazienza e costanza. Capita molto spesso che dopo aver utilizzato per lungo tempo una saponetta ne rimangano alla fine solo dei piccoli...
Bricolage

Come riutilizzare i barattoli in vetro

Molto spesso capita di buttare i barattoli in vetro poiché non si ha idea di cosa farsene, ma in realtà si tratta di un errore poiché si possono sfruttare in tantissimi modi come ad esempio per conservare alimenti o altri altri oggetti utili. In...
Cucito

Come fare un costume da coccodrillo

Se per il periodo di carnevale o per una qualsiasi altra festa in maschera intendi realizzare un costume davvero originale e che riscuoterà un enorme successo, puoi optare per quello di un coccodrillo. Il lavoro non è difficile e richiede solo pochi...
Cucito

Come realizzare una vestaglia da uomo

Se intendete realizzare una vestaglia da uomo, potete eseguire il lavoro avvalendovi magari di un cartamodello da acquistare in una merceria o sul web. La procedura è piuttosto semplice, e basta avere solo un po' di tempo a disposizione ed un minimo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.