Come riciclare le ceramiche rotte

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Una cosa che è sicuramente capitata a tutti noi è quella di rompere qualche oggetto fragile per la cucina. Piatti, bicchieri, tazze... Una piccola distrazione, magari mentre si fanno i piatti, e la frittata è fatta. Anche chi ha bambini avrà vissuto questa esperienza tantissime volte. Le ceramiche sono un po' più robuste del vetro, ma quando si rompono si riducono in mille pezzi. Fortunatamente si possono riciclare le ceramiche rotte. Come? Se avete un po' di inventiva e fantasia non sarà un compito difficile. Le soluzioni per recuperare i cocci sono davvero tante. In questa guida ve ne suggeriamo qualcuna.

28

Occorrente

  • Ceramiche rotte.
  • Colla a caldo.
  • Catenine/fil di ferro/carta vetrata per ciondoli e accessori da indossare.
38

Delle ceramiche rotte fanno sempre piangere un po' il cuore. Specialmente se si tratta di pezzi pregiati e antichi. Ma non buttate i cocci, perché potreste davvero creare qualcosa di unico. Quando raccogliete i pezzi, fate attenzione a non ferirvi. Alcune schegge di ceramica potrebbero essere difficilmente visibili. Tenete solo i pezzi più grossi. Potete anche gettare via i frammenti più frastagliati e sottili. Sciacquate bene le scaglie più grosse e posatele su un foglio di giornale. Se avete abbastanza pezzetti in ceramica, potreste realizzare un bel progetto a mosaico.

48

Supponiamo che abbiate un bel dipinto da appendere alla parete ma non avete una cornice accattivante. Potreste usare le ceramiche rotte come "tessere" di un mosaico e decorare una cornice base con questa tecnica. La superficie su cui incollare le ceramiche deve essere liscia e pulita. Potete poi procedere con il fissaggio tramite colla a caldo, davvero efficace e sicura per questi lavori. Un altro oggetto che potete valorizzare con la tecnica del mosaico è uno specchio. Quello del vostro bagno, per esempio. Un ottimo abbinamento se avete una toilette rivestita di piastrelle in ceramica, tipiche dei sanitari.

Continua la lettura
58

Ma potete riciclare delle ceramiche rotte anche per produrre piccoli ciondoli. Oppure dei bracciali artigianali con orecchini abbinati. Sarà importante, in questi casi, lisciare i bordi con della carta vetrata, per evitare che i frammenti vi feriscano. Il materiale delle ceramiche può essere davvero molto affilato. Dopo aver dato la forma che desiderate ai pezzi di ceramica, praticate un foro con un piccolo chiodino. Fate attenzione a non essere troppo violenti. A quel punto è sufficiente inserire nel foro una piccola catenina.

68

Ma le ceramiche rotte possono decorare splendidamente anche i bordi di un vialetto in cortile. O ancora potete creare dei portachiavi, decorare vassoi e portafoto. Con un po' di fantasia vi renderete conto che le applicazioni per le ceramiche rotte possono essere moltissime. E riciclare qualcosa di rotto creando qualche opera tutta nostra ci farà sentire meno in colpa, oltre a darci tanta soddisfazione.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Indossate sempre dei guanti da lavoro per proteggervi da tagli e ferite.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come decorare un piatto di ceramica in stile inglese

Le decorazioni sulla ceramica vengono realizzate da diverse tradizioni e culture. Infatti tra le ceramiche più famose al mondo troviamo sicuramente quelle cinesi e quelle inglese. Esistono svariate tecniche per la decorazione della ceramica professionale...
Bricolage

Come realizzare una greca in ceramica

Gli archeologi hanno portato alla luce ceramiche che risalgono ad almeno 24.000 a. C. Queste ceramiche erano realizzate con grassi animali e ossa mescolati, con cenere sempre di ossa. Dopo la formazione, le ceramiche venivano cotte a temperature comprese...
Bricolage

Come realizzare dei vasi con tazze rotte

Avete aperto la credenza della nonna e/o della mamma e avete trovato delle vecchie tazze sbeccate e in disuso da anni? Non avete voglia di gettarle via, ma non avete idea di come utilizzarle? Potete riutilizzare le vecchie tazze da tè per dare un tocco...
Altri Hobby

Come riparare le doghe rotte di un letto

Il letto con le doghe è ormai da anni ampiamente utilizzato da molti, prende il posto della classica rete in acciaio. Tuttavia è spesso consigliato dai medici specialisti per una postura più corretta durante il riposo e, per poter godere quindi di...
Casa

Come sostituire le aste rotte delle tapparelle in pvc

Con il trascorrere del tempo, soprattutto a causa degli agenti atmosferici, le aste delle tapparelle si rompono e di conseguenza la tapparella o rimane divisa in due o sale e scende incastrandosi lateralmente e, infine non scende proprio più del tutto....
Bricolage

Come rifinire un piano a mosaico di un tavolo

Da tradizione il mosaico è una composizione ottenuta attraverso l'uso di frammenti di materiali, chiamati tessere, di diversa natura come vetro o ceramica, e di diverso colore. Con questa tecnica potremmo arricchire una qualsiasi superficie con un rivestimento...
Casa

Come cambiare le mattonelle di una parete

Cambiare mattonelle è un lavoro molto semplice. Basta avere i giusti attrezzi e un po' di pazienza. Farlo con le nostre mani regala, sicuramente, una grande soddisfazione personale. Al giorno d'oggi, il mercato delle ceramiche, ci da la possibilità...
Casa

Come Restaurare Davanzali Rovinati

I davanzali delle finestre spesso assumono un aspetto poco gradevole poiché l'umidità si infiltra sotto il rivestimento, e anche se è inclinato verso l'esterno potrete avere dei problemi quando fa molto freddo. In ogni caso si raccomanda una manutenzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.