Come riconoscere e combattere alcune larve dannose

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In natura esistono tanti animali utili. Purtroppo sono tantissime anche le specie dannose sia all'uomo che alle piante. Alcune larve pericolose di insetti, definite bruchi, possono costituire un serio pericolo per le piante e per gli alberi. Ciò a causa della loro capacità di rodere le foglie, i frutti e distruggere in pochissimo tempo interi giardini e boschi. Sono particolarmente attivi in primavera, quando le larve escono dalle uova e iniziano la loro attività distruttiva. Ecco come riconoscere e combattere alcune larve dannose.

26

Occorrente

  • insetticidi
36

Tra le specie più comuni e anche più pericolose, troviamo le larve della Cavolaia. Sono così denominate per via del fatto che divorano le foglie di qualunque varietà di cavolo. La farfalla che deriva da questo bruco è riconoscibilissima perché di colore bianco tendente al verde proprio come il cavolo. Producono un essudato con effetti nefasti sulla vegetazione. Sono generalmente di colore verde o giallo. Il Bruco del melo, anch'esso dannoso, ha un aspetto davvero gradevole con il suo colore rosa pallido. Inizia il suo ciclo vitale sulle foglie per poi spostarsi sui frutti in crescita. Durante l'estate penetra all'interno dei frutti per cibarsi dei semi rovinando totalmente il frutto.

46

Il Bruco del pisello, invece, è una larva di colore giallo-verdastro pallido. Scava una galleria nei baccelli dei piselli per divorarne voracemente i semi. I Tortricidi comprendono diverse specie di larve di diverso aspetto. Ciò che hanno in comune è la loro abilità nel divorare il fogliame delle piante da frutto, delle piante di rose e di altri arbusti di tipo ornamentale. Sono riconoscibili perché quando vengono sfiorati si contorcono a ritroso.

Continua la lettura
56

Le larve della Dorifora sono incredibili defogliatrici. La loro pianta preferita è la patata. Sono, infatti, in grado di divorare il fogliame lasciando soltanto le nervature. Sono di colore rosso con dei puntini neri sui fianchi. Quelle adulte sono altrettanto pericolose e a strisce gialle e nere. Per eliminare queste larve bisogna usare dei pesticidi specifici che agiscono per contatto o ingestione.

66

Si può agire in due modi diversi spruzzando la sostanza o sulle larve o sulle piante di cui esse si nutrono. Bisogna agire tempestivamente per ottenere una protezione dall'insetticida, specie nei casi in cui l'insetto si sposta sul frutto. In commercio, nei negozi specializzati, si trovano vari tipi di polveri con cui trattare il terreno o le piante infestate. Oltre a difendere le piante con prodotti chimici, anche la pulizia gioca un ruolo importante per rimuovere le larve e le uova.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Guida ai minatori delle foglie

Riuscire ad aver un'adeguata cura delle proprie piante, è senza dubbio uno degli obiettivi più perseguiti dalle persone in termini di giardinaggio o botanica. Inoltre, è necessario capire quando la propria pianta soffre e, soprattutto, per quale motivazione....
Giardinaggio

Come liberare il prato dai lombrichi

In questa guida, pratica e veloce, vogliamo dare una mano concreta, ai nostri lettori a capire come e cosa fare per poter liberare il prato del proprio giardino da lombrichi, che molto spesso tendono a popolare e rendere inutilizzabile il terreno e le...
Giardinaggio

Come raccogliere e trasportare i funghi

Durante il periodo che varia da agosto sino al mese di dicembre i boschi sono ricchi di golosità di stagione, uno tra questi sono sicuramente i famosi funghi. Come ben si sa si tratta di un alimento che bisogna saper raccogliere: i funghi esistono quelli...
Casa

Tarli: come trattare il mobile

I mobili in legno sono molto eleganti ed hanno un fascino che non passa mai di moda, ma allo stesso tempo sono estremamente delicati. Infatti questi richiedono manutenzione e cura, altrimenti si rischia di rovinarli in modo irreparabile. Uno dei nemici...
Giardinaggio

Come Coltivare Il Giglio Croceum

Giglio croceum, Lilium bulbiferum e giglio di San Giovanni sono tre nomi che identificano la stessa pianta: una bulbosa appartenente alla famiglia delle Liliaceae in grado di prosperare lungo i terreni dell'area subalpina. Diffusa in tutto l'areale mediterraneo,...
Giardinaggio

Come riconoscere e combattere il tonchio dei piselli

Il raccolto dei piselli a volte può essere distrutto dal tonchio. Ciò si può verificare anche se nell'orto viene effettuato un costante lavoro di scerbatura per eliminare le erbe infestanti. Attualmente la lotta contro questo insetto indesiderato è...
Giardinaggio

Come eliminare parassiti dalle piante

Avere un proprio orto, un giardino o anche un semplice spazio verde in casa, è un passatempo che impegna abbastanza, quasi come un lavoro. La soddisfazione nel risultato finale però è grande sia nel caso in cui abbiate delle piante ornamentali, sia...
Giardinaggio

Come curare il gelsomino rampicante

Il giardinaggio, è sicuramente per chi piace un qualcosa di molto bello e di appassionante. Tuttavia ci sono delle piante ornamentali che sono molto belle e che necessitano di scrupolose cure ed attenzioni affinché possano crescere sane e soprattutto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.