Come riconoscere la seta

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tra tutti i tessuti da noi conosciuti, uno dei più belli e pregiati è senza dubbio la seta. Si tratta di una fibra composta da proteine, prodotta dagli insetti, più precisamente dalle larve di insetti, piccoli bruchi che per completare il loro ciclo vitale da bruco a farfalla, si rinchiudono all'interno di un bozzolo costituito da un filo sottile e resistente conosciuto appunto come seta, quella più nota e di conseguenza pregiata, è quella ottenuta dal baco Bombyx allevato in cattività. La qualità di questo materiale varia in relazione all'origine del prodotto e della sua lavorazione. Per determinare se un tessuto è realmente di seta o si tratta di una stoffa sintetica esistono vari metodi, andiamo quindi a vedere insieme come riconoscere la seta.

26

Occorrente

  • Seta
  • fiammiferi
36

La lucentezza

La seta ha una lucentezza molto particolare, una caratteristica che la contraddistingue da tutti gli altri tessuti presenti in commercio. Tale lucentezza deriva dalla combinazione dei fili di colore differente che vengono utilizzati singolarmente in ogni trama e ordito. Se si prende il tessuto e lo si espone alla luce, in base all'angolazione la stoffa ci rimanda una superficie in grado di brillare e cambiare colore proprio in base alla luce che riceve. Ma se esponendo il tessuto alla luce il riflesso che vediamo risulta essere completamente bianco, questo significa che non siamo affatto in presenza di un tessuto originale.

46

Colori brillanti

La seta può essere tessuta sia a mano che a macchina, per via della sua conformazione il prodotto finale non è comunque mai simile ad un altro. Altra caratteristica utile per controllare se quello che abbiamo fra le mani è effettivamente un taglio di stoffa preziosa, basta osservare attentamente la trama, se questa presenta imperfezioni ed eventuali uniformità, ciò significa che si tratta di seta pura. Se sulla stoffa sono presenti disegni e colori, in questo caso basta rigirarla sul rovescio e controllare che i colori siano belli vividi come sul dritto e i contorni dei disegni ben delineati.

Continua la lettura
56

La prova del fuoco

Esiste un altro modo per verificare l'autenticità del tessuto e prende il nome di "Prova del Fuoco". Per eseguire questo esperimento basta prendere qualche filo di tessuto sintetico e qualche filo di seta. Iniziamo con il bruciare i fili sintetici, se osserviamo la fiamma dal momento che entra in contatto con le fibre ci possiamo accorgere che queste ultime si ritraggono su se stesse formando una sorta di piccola pallina emanando un odore di plastica bruciata. Facciamo adesso lo stesso esperimento utilizzando questa volta i fili di seta. Questi ultimi a contatto con la fiamma bruciano più lentamente, polverizzandosi. Anche l'odore emanato è completamente differente assomigliando a quello dei capelli bruciati.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fare attenzione al momento dell'acquisto

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come Realizzare Una Batteria Utilizzando Un Limone

Forse non tutti sappiamo, che utilizzando un limone, possiamo anche realizzare una batteria artigianale del tutto funzionante. Come fare? Ecco dei semplici procedimenti da seguire per compiere questo esperimento casalingo. In natura esistono degli elementi...
Bricolage

Come creare in casa il pendolo di Foucault

Il pendolo di Foucault fu progettato dal fisico francese Léon Foucault come un esperimento per dimostrare la rotazione della Terra. È un pendolo libero di oscillare in qualsiasi piano verticale e idealmente dovrebbe muoversi come una sorta di motore...
Bricolage

Come fare un uovo che rimbalza

L'ingrediente fondamentale per un gioco, quando si è bimbi, è senza dubbio la semplicità e la creatività. Quando a questi elementi uniamo il gusto per la scoperta, otterremo un gioco molto coinvolgente, soprattutto per i bambini. Poter, ad esempio,...
Bricolage

Come fare un sub in bottiglia

Quando si parla di sub, di acqua e di fluidi in generale non si può non fare riferimento al famoso principio di Archimede, il quale afferma che qualsiasi corpo immerso totalmente o parzialmente in un fluido, riceve una spinta rivolta dal basso verso...
Bricolage

Come costruire un termometro ad acqua

Lo scopo di questa guida sarà quello di esplicare come costruire un termometro ad acqua. Il bello di questo esperimento è che non si ha bisogno di oggetti di difficile reperibilità, solo materiale che sarà facilmente rinvenibile, sicuramente, in casa....
Casa

5 cose da riciclare per arredare casa

Personalizzare un ambiente rendendolo unico, vivo e ricco di elementi di design, non è necessariamente un percorso che prevede una grossa spesa in termini economici. Le tecniche di riciclo creativo vengono in aiuto di qualsiasi tipologia di consumatore,...
Giardinaggio

Come piantare in vaso il sedano

All'interno della presente guida, andremo a sviluppare una tematica molto interessante sotto il profilo del fai da te, in quanto andremo a spiegare ai lettori Come piantare il vaso il sedano, attività che potrebbe risultare utile, specie se si è appassionati...
Giardinaggio

Come Far Germogliare Un Fagiolo in un vaso di vetro

Uno dei primi esperimenti che vengono suggeriti ai bambini è il classico fagiolo nel vaso di vetro. Già dall'asilo i bambini vengono sottoposti a questi esperimenti per stimolare la loro curiosità scientifica. Tuttavia il far germogliare un fagiolo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.