Come rimuovere il mastice siliconico dal legno

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per sigillare il legno si può utilizzare il silicone. Il silicone è uno dei collanti più utilizzati. Bisogna dire che spesso durante l'utilizzo del silicone, si possono verificare delle sbavature sopra il legno che una volta essiccate sono poi difficili da eliminare. In questo articolo vi illustrerò come rimuovere il mastice siliconico dal legno.

25

Occorrente

  • Fiale o lattine di benzolo
  • Alcool
  • Pennello
  • Lama di taglierino o lametta
  • Pomice in polvere e ovatta
35

Il primo passo da seguire è che bisogna sapere che esistono delle diverse tipologie di silicone. Infatti è disponibile il silicone in pasta che serve per lubrificare e per l'incollaggio di superfici simili tra loro, oppure il silicone sempre in pasta, con l'aggiunta di aggreganti a base di colla, così che può diventare un mastice molto potente ed ideale quindi per delle saldature a freddo molto resistenti. Nella fase di incollaggio può succedere che si verificano delle sbavature, a causa di un eccesso di mastice utilizzato oppure alla pressione tra due pezzi di legno per farli aderire tra loro. A causa di ciò possono apparire delle macchie molto spesso fastidiose.

45

Il secondo passo da seguire riguarda i rimedi da seguire per rimuovere il mastice siliconico dal legno. Un primo rimedio per rimuovere il mastice siliconico dal legno è quello di utilizzare l'alcool.
L'alcool infatti è un componente unico che permette di scomporre le particelle di silicone.
Essendo il silicone di un mastice con base acrilica, occorre utilizzare altri materiali solventi, e particolarmente indicati sono i solventi a base di benzolo. L'applicazione dei solventi a base di benzolo va fatta a pennello, lasciando il solvente in posa per almeno dieci minuti, successivamente con una spatola di taglio si può asportarlo quando assume un aspetto elastico e gommoso.

Continua la lettura
55

Il terzo e ultimo passo da seguire è che bisogna sapere che se l'utilizzo di questi solventi specifici non dovesse risultare utile e ottimale, si può ricorrere all'utilizzo di strumenti come ad esempio una lama di un taglierino oppure una lametta per rasoi da barba. Bisogna utilizzare questi attrezzi da taglio appoggiandoli a 45 gradi sulla superficie del legno, prestando attenzione a non graffiare la superficie del legno stesso. Per evitare di graffiare la superficie del legno si può carteggiare la superficie lignea dopo l'asportazione del collante, e successivamente rifinirla di nuovo con la tonalità di colore originale del legno. Se il silicone è tracimato su dei materiali di legno lucidi, per evitare di perdere la lucentezza e per evitare di graffiare la superficie, si può utilizzare soltanto il solvente, e successivamente si utilizza olio di lino e pomice in polvere per offrire lucentezza e compattezza al legno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come montare una porta a vetri scorrevoli

Chiunque abbia comperato un appartamento, o sia in procinto di farlo, sa bene quanto possa essere economicamente impegnativo il suo acquisto. Il prezzo di un solo metro quadrato è una fitta al cuore. Il lavoro che vi propongo di eseguire in questo articolo...
Casa

Come impermeabilizzare una casa in cemento

Il calcestruzzo può permettere all'umidità di penetrare attraverso i muri, creando molte volte delle crepe; ad esempio, una perdita di acqua in un muro di cemento in cantina, può danneggiare la vostra casa, comportando costose riparazioni. L'impermeabilizzazione...
Materiali e Attrezzi

Come usare mastice da vetri o stucco

Il mastice da vetri chiamato anche stucco, è una sorta di collante molto forte che può essere usato per vetri, finestre o anche parabrezza. Ha molte caratteristiche comuni con i collanti comuni, sia per la composizione chimica, che per la funzione che...
Bricolage

Come realizzare un fodero per coltello in pelle e cuoio

Molte spesso può capitare che con il passare del tempo, il fodero del vostro coltello si rovini, a causa del continuo sfregamento del coltello stesso. Se avete intenzione di rimediare, costruendo voi stessi il vostro fodero ultraresistente, utilizzando...
Materiali e Attrezzi

Come Usare Il Mastice Legno O Legno Fluido

Chi ama dedicarsi ai lavori di bricolage e, in particolare quelli che prevedono l'utilizzo del legno, sicuramente conosce il mastice di legno o legno fluido: un preparato ottenuto impastando della finissima segatura ad un legante (come olio di lino, colla...
Materiali e Attrezzi

Come impermeabilizzare il gesso

Ci sono molti modi per abbellire e decorare un giardino, uno di questi è quello di posizionare al suo interno qualche statua. In commercio possiamo trovarne di veramente carine e a costi abbastanza contenuti. In genere sono realizzate in gesso, un materiale...
Bricolage

Come riparare un bracciolo di poltrona

Se si possiede nella propria abitazione una sedia vecchia oppure uno scranno antico, potrebbe capitare di dover riparare un bracciolo claudicante o definitivamente rotto. Se siamo di fronte ad un mobile di un certo pregio, ci si può sempre rivolgersi...
Bricolage

Come fare un portaoggetti per il bagagliaio automobile

Se amiamo viaggiare in automobile, e percorriamo svariati chilometri alla guida, sappiamo bene quanto è importante avere tutto in ordine, facilmente recuperabile all'occorrenza e sistemato in modo da evitare i fastidiosi tipici degli oggetti che sbattono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.