Come riparare i mobili rovinati dalle tarme

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I mobili, soprattutto se non sono troppo nuovi, sono spesso soggetti alle tanto temute infestazioni delle tarme. Questi insetti sono particolarmente attratti da diverse tipologie di legno tra cui quelli di: conifera, faggio, betulla, ciliegio ed abete rosso. Particolare attenzione va posta anche a tutti quei legni che risultano morbidi, economici e di bassa qualità in quanto hanno una possibilità maggiore di imbattersi in danni di questo tipo.
Se vi trovate nella condizione di comperare un mobile antico per cui ponete dapprima particolare attenzione al prezzo e poi cercate di capire se siano presenti o meno l'infestazione da tarme; questa operazione è resa semplice dal fatto che la presenza di questi insetti è spesso accompagnato dalla presenza di piccoli fori (modo in cui le tarme si fanno strada attraverso il legno). Essendo una problematica abbastanza comune in questa guida andremo a vedere come riparare i mobili rovinati dalle tarme.

25

Occorrente

  • Cera colorata
  • Veleno per tarme
35

Per prima cosa, per essere sicuri di ottenere un buon risultato, è importante rivolgersi ad una persona esperta nell'ambito del restauro.
Un'altra possibilità è quella di intervenire in prima persona andando a trattare voi stessi i mobili in modo di riportarli al loro splendore. Attualmente, infatti, sono disponibili moltissimi rimedi che vi permetteranno di marginare ed eliminare l'infestazione.
Il procedimento è semplice, vi sarà sufficiente andare a fondere della cera d'api scegliedola in una tonalità simile al legno in modo di andare a riempire i buchi causati dalle tarme.
Per quanto questa soluzione sia facile da eseguire ha un'utilità puramente estetica che non va a garantire in nessun modo una protezione duratura.

45

Se volete fare un restauro più duraturo e di tipo professionale dovete necessariamente ricorrere all'utilizzo di un veleno concentrato apposito per le tarme. Questa tipologia di prodotto ha, generalmente, una formulazione molto forte ed aggressiva pertanto è fortemente consigliato utilizzarlo in una stanza ventilata. Per far fuoriuscire la polvere di legno che si trova normalmente all'interno dei fori risulta molto utile capovolgere i mobili.

Continua la lettura
55

Le modalità d'applicazione sono diverse e variano dallo spray ad il pennello.
Sempre tenendo capovolti i mobili abbiate cura di ricoprire ogni singolo foro con questo veleno.
Solamente quando avrete terminato questa operazione potrete andare ad applicare la cera d'api dello stesso colore dei vostri mobili in modo di andare a riempire i vari buchi e minimizzare il difetto.
Per far si che questa operazione renda il miglior risultato possibile andate a raccogliere la polvere di legno e mescolatela al vostro composto fino a quando questo non raggiungerà una consistenza pastosa.
Una volta che avrete riempito i fori fate asciugare il tutto; successivamente potrete andare a svolgere delle operazioni di ritocco se necessarie.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come fare degli antitarme casalinghi e profumati

Le tarme si nascondono negli armadi e sono le peggiori nemiche dei vestiti. Anche se tutto sembra pulito ed in ordine a volte si notano dei buchini sul proprio maglione preferito; se ciò succede vuol dire che sono presenti le tarme. Leggendo questo tutoria...
Altri Hobby

Come fare l'antitarme fai da te

Può capitare che nei nostri armadi si nascondano le tarme, che sono uno dei peggiori nemici dei vestiti. Anche se magari tutto sembra in ordine, può capitare di trovare dei piccoli buchini sui nostri maglioni preferiti, il che è un campanello d'allarme...
Bricolage

Come rivestire internamente un baule

È possibile che qualcuno di voi abbia trovato, fra i mobili della nonna o in un negozietto di oggetti d'antiquariato, un vecchio baule da ristrutturare, ottimo come complemento d'arredo o da utilizzare come semplice cassapanca. Gli antichi bauli, dalla...
Casa

Come pulire pellicce e capi in pelle

Quando finisce la stagione fredda vengono riposti negli armadi o nei soppalchi tutti gli indumenti pesanti, come per esempio i capi in pelle e le pellicce, ma spesso accade che quando li andiamo a riprendere li ritroviamo rovinati o sporchi. Sapete in...
Casa

Come lavare una sciarpa di cachemire

Il cachemire è una tipologia di lana molto pregiata derivante dall'omonima capra originaria della Nuova Zelanda e dell'Iran. Con questo pregiato materiale si possono realizzare capi di abbigliamento morbidi e particolarmente caldi. Ma per mantenere intatte...
Bricolage

Come profumare l'armadio con i chiodi di garofano

Che sensazione di freschezza proviamo nell'aprire le ante del nostro armadio! Naturalmente il profumo che si espande è dato dai profuma biancheria che abitualmente mettiamo dentro gli armadi e che troviamo negli scaffali dei supermercati. Tuttavia, questo...
Bricolage

Come preparare dei sacchettini profumabiancheria

Che bella sensazione, aprire gli armadi di casa e sentire un profumo piacevole inondare la stanza. E che dire poi del profumo che si avverte, il momento in cui apriamo un cassetto dove generalmente teniamo la biancheria. Non c'è dubbio che la funzione...
Altri Hobby

Come restaurare un'icona

Il legno è uno dei materiale che maggiormente veniva utilizzato per dipingere le cosiddette icone. Questa tipologia di pittura, ha conosciuto momenti di splendore nel Medioevo, e tra i suoi maggiori interpreti, non possiamo esimerci dal nominare Giotto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.