Come riparare uno sciacquone

Difficoltà: facile
Come riparare uno sciacquone
it.wikinoticia.com
15

Introduzione

Uno sciacquone che perde acqua nella tazza o che non scarica bene è un grande fastidio, spesso causato dalla composizione calcarea dell'acqua, provocando malfunzionamenti al meccanismo interno dello sciacquone stesso, bloccandolo e non facendolo lavorare correttamente. A volte capita anche che il flusso dell'acqua improvvisamente si fermi, per poi riprendere per ore ed ore. La maggiore conseguenza di questo problema è senza alcun dubbio l'ingente spreco d'acqua, perciò in questo articolo vedremo passo dopo passo come riparare uno sciacquone malfunzionante.

25

Innanzitutto occorre chiudere la valvola di alimentazione dello sciacquone (normalmente collocata accanto al water) oppure il rubinetto centrale dell'acqua (in genere situato vicino al contatore). In seguito, è necessario alzare il coperchio della vaschetta e scollegare il blocco del galleggiante utilizzando una chiave a pappagallo. Per evitare danni ai meccanismi dello sciacquone, bisogna fare attenzione ad allentare in maniera graduale la ghiera che fissa il galleggiante alla vaschetta, senza forzarla.

35

Dopo aver allentato il galleggiante, bisogna estrarlo con molta cautela, poiché potrebbero essere presenti alcune viti di registro che aiutano a regolare il movimento. Inoltre, è necessario controllare lo stato delle guarnizioni adibite al bloccaggio del flusso dell'acqua nella vaschetta, poiché queste, se danneggiate, causano il continuo scarico nel water.

45

Successivamente, occorre assicurare un'impeccabile tenuta dei serraggi grazie a un paio di giri di sigilla raccordi sui filetti. Anche in questo passaggio è necessario prestare attenzione poiché potrebbe succedere che la filettature dei pezzi di ottone si deteriorino. Al termine del montaggio, è fondamentale tirare lo sciacquone, in modo tale da controllare che non ci siano ulteriori perdite di acqua nella tazza.

55

Se il galleggiante presenta del calcare, questo può essere rimosso riempiendo con acqua una bacinella, aggiungervi dell'anticalcare e immergere il pezzo, lasciandolo in ammollo per almeno 12 ore. Anziché l'anticalcare, è possibile utilizzare dell'acqua diluita con aceto di vino bianco e con succo di limone. Al termine delle 12 ore, occorre pulire i residui calcarei con una spugna abrasiva o con una una spazzola a setole rigide, e infine risciacquare il galleggiante in acqua tiepida.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti