Come riprodurre le ortensie

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Regine dell'estate, sfoggiano i loro grandi fiori vistosi in giardini e terrazzi: si tratta delle ortensie. Originarie dell' Asia, sono tra gli arbusti legnosi più diffusi e scenografici presenti in Italia; di esse esistono numerose varietà, ottenute con fiori di diverse sfumature, che vanno dal rosso al rosa, dall'azzurro al bianco. Per riprodurre le ortensie si effettua la tecnica per talee, sul finire della fioritura, verso settembre/ottobre. Se siete interessati a tale argomento, nella seguente guida vi sarà spiegato proprio come riprodurre le ortensie.

26

Occorrente

  • ortensie
  • coltello affilato
  • vasi
  • prodotti ormonici
  • sabbia
36

Come prima cosa procuratevi delle talee dall'estremità di rami fioriferi, della lunghezza di 10 o 15 centimetri circa. Effettuate un taglio netto ed obliquo con un coltello molto affilato e pulito, per evitare sfilacciature ed eventuali infezioni dei tessuti. Successivamente eliminate anche le foglie inferiori della talea ed immergete la parte tagliata in una sabbia rizogena, ricca di ormoni che favoriscono la formazione delle radici e il moltiplicarsi della piantina. Successivamente sistemate le talee così preparate in un vasetto o una terrina in cui vi è una composta formata da una parte di terriccio fertile, da un'altra di sabbia grossolana.

46

Create tanti buchi quante sono le talee fogliari, con l'ausilio di una matita, e compattate delicatamente il terriccio. Collocate il vaso dove la pianta possa essere ben illuminata, in un luogo riparato e caldo, ma non esposto direttamente ai raggi del sole. Se godete di un clima particolarmente asciutto, è preferibile ricoprire il vaso con un foglio di plastica trasparente. È necessario, in questo caso, avere l'accortezza di rimuovere quotidianamente la plastica per eliminare la condensa e controllare l'umidità del terreno, effettuando le dovute innaffiature, nebulizzando con uno spruzzino minimo due volte al giorno.

Continua la lettura
56

Se la talea di ortensia ha radicato, dopo circa quaranta giorni assisterete alla comparsa dei primi germogli. In questa fase togliete la copertura di plastica e trasferite i germogli, con lo stesso tipo di terriccio, in vasi più grandi di terracotta. Essi vanno esposti all'aperto, in zone ombrose ma al riparo da vento e freddo. Nella primavera successiva, le talee possono essere trasferite in vasi ancora più grandi e aggiunte ad altri fiori andranno a decorare e abbellire il giardino nella bella stagione: i loro colori sgargianti e l'intenso profumo donano un fascino a cui è difficile resistere!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se godete di un clima particolarmente asciutto, è preferibile ricoprire il vaso con un foglio di plastica trasparente.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare le ortensie

L'ortensia è una pianta notissima, tanto che descriverla in modo dettagliato sarebbe superfluo: anche chi non l'ha mai coltivata, l'ha certamente vista dai fioristi o avuta in regalo. È un arbusto che raggiunge anche notevoli dimensioni, sia in altezza...
Giardinaggio

Come stimolare la fioritura delle ortensie

Tutte le ortensie amano l'acqua. Il loro nome inglese (hydrangea) deriva dal greco "hydra", che significa "acqua", e "angeon", che significa "nave". Le ortensie si abbassano quando la pianta è troppo secca; tuttavia, la maggior parte di esse non ha bisogno...
Giardinaggio

Come curare le ortensie

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire ed imparare come poter curare le ortensie, nel modo migliore affinché possano essere ben fiorite e ricchi di colore. Le ortensie sono delle piante uniche e speciali, che possono essere...
Giardinaggio

Come dare colore alle ortensie

Tutti coloro che si appassionano al giardinaggio e vantano un pollice più o meno verde conoscono le ortensie. Queste piante, infatti, hanno un alto numero di estimatori fra chi vuole abbellire il giardino o il balcone. All'origine dell'apprezzamento...
Giardinaggio

Come mettere a dimora le ortensie

Il pollice verde è un attitudine che si rende necessaria soprattutto nel mettere a dimora piante molto particolari, che richiedono una conoscenza approfondita del giardinaggio, come le ortensie.Sono delle piante ornamentali molto apprezzate e indicate...
Giardinaggio

5 consigli per essiccare le ortensie

È insolita l'idea di essiccare fiori a scopo decorativo. Spesso si conservano i petali di una rosa all'interno di un libro, per ricordare il dolce momento in cui è stata donata. Oppure qualcuno secca fiori profumati per farne dei potpourri, aggiungendo...
Giardinaggio

Come potare le ortensie in vaso

Prendersi cura di fiori e piante è una passione - ed un passatempo - che richiede conoscenza. Ogni creatura della flora, infatti, ha le proprie caratteristiche peculiari. Perciò non basta apprezzare la pianta. È indispensabile conoscerne i bisogni....
Giardinaggio

Come essiccare le ortensie

Le ortensie sono tra i fiori più amati e presenti nei nostri giardini e balconi. Se desideriamo essiccarle per creare un grazioso elemento d'arredo per la nostra casa il procedimento non è difficile. Una volta essiccate, le ortensie potranno essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.