Come scarificare e arieggiare il prato verde

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Con la scarificazione, si rimuove il muschio che è cresciuto nel periodo estivo. Se il muschio e le erbacce vengono rimossi correttamente, l'erbetta del prato, riceve più aria e più luce e dunque presenta una maggiore durata. Dopo scarificazione, è possibile fertilizzare il prato se è necessario. Dove appaiono grandi lacune, è necessario ri-seminare l'erbetta in primavera. Ecco come scarificare e arieggiare correttamente il prato verde.

25

Occorrente

  • Scarificatore a rastrello elettrico o a benzina
  • Macchinario per arieggiare i prati
35

I fertilizzanti

Le singole piante di erba possono quindi sviluppare meglio. I fertilizzanti, se vengono messi nelle radici, bloccano la crescita del muschio e dei batteri, i quali si decompongono nel prato stesso. Inoltre, la scarificazione aiuta a combattere le erbacce. Tuttavia però, non deve essere eseguita troppo intensamente, soprattutto in autunno, in quanto la crescita dell'erba rallenta. La prima cosa da fare per rendere più bella la vostra erba è quella di togliere dal vostro prato tutto ciò che può crearvi intralcio come ad esempio rami secchi caduti dalle piante, erba tagliata ed erbacce, il tubo dell'acqua, i vari attrezzi che utilizzate per la cura del giardino e moltissimi altri accessori vari come vasi ed utensili. Una volta che avrete tolto tutto dovrete utilizzare un scarificatore e un macchinario per arieggiare il prato.

45

Areare il terreno

Arrivati a questo punto dovrete usare il macchinario per areare il terreno. Questo strumento speciale consente, per mezzo di un chiodo, di fare dei buchi sul terreno atti a consentirne appunto l'arieggiamento delle radici e del terreno stesso. Vi raccomando di usare le precauzioni del caso, quindi guanti da giardiniere e gli occhiali per proteggere il viso e gli occhi da eventuali sassi che, nascosti nel terreno, potrebbero essere smossi dai macchinari in funzione e essere sparati verso il viso.

Continua la lettura
55

La sporcizia

Iniziate il vostro intervento di miglioramento del prato scarificando l'erba. Quest'operazione consiste nello smuovere la terra per mezzo di un attrezzo dentato o, comunque, dotato di lame. Grazie a quest'ultime potrete eliminare il feltro di residui di sporcizia dal manto erboso. Prendete quindi un rastrello scarificatore manuale se il vostro prato non è eccessivamente grande mentre se il vostro prato è di grandi dimensioni vi consiglio di utilizzare diversamente lo scarificatore elettrico per togliete l'erba e il feltro. Eseguita quest'operazione potrete innaffiare regolarmente il vostro terreno, possibilmente nelle ore meno calde della giornata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come far crescere rigoglioso il tuo prato

Un prato bello e rigoglioso è il miglior modo di "arredare" il proprio giardino. Crescere un prato non è difficile, e curarlo è un modo salutare di rilassarsi nel tempo libero. Un bel manto erboso uniforme regala luce ed allegria agli spazi all'aperto....
Giardinaggio

5 consigli per mantenere il prato in autunno

La stagione autunnale è quella più indicata per riportare il terreno alle condizioni ideali, per farlo riprendere dallo stress estivo e per prepararlo all'inverno nel migliore dei modi. Con il riscaldamento del terreno dovuto alle temperature dell'estate,...
Giardinaggio

10 consigli pratici per un prato perfetto

Sognate da sempre un prato come quelli che si vedono nei giardini delle case inglesi o americane? Avete provato più volte a far crescere nel vostro giardino un prato verde e brillante ma non avete ottenuto i risultati sperati? Allora questa è proprio...
Giardinaggio

Come curare un manto erboso

Con il sopraggiungere della primavera, osservava Carducci, tutto è del color di prato. Non appena inizia la bella stagione si può incominciare finalmente a godere dei propri prati verdi. Ma come bisogna fare per raggiungere questo invidiabile risultato?...
Giardinaggio

Come liberare il prato dai lombrichi

In questa guida, pratica e veloce, vogliamo dare una mano concreta, ai nostri lettori a capire come e cosa fare per poter liberare il prato del proprio giardino da lombrichi, che molto spesso tendono a popolare e rendere inutilizzabile il terreno e le...
Giardinaggio

Come riseminare il prato in giardino

Un prato pulito, fresco e libero da erbacce infestanti è un toccasana per gli occhi e per il cuore. Purtroppo, per lo sporco e la crescita di fastidiose erbe invasive, il prato si riempie facilmente di fastidiosi elementi che ne ostacolano la bellezza....
Giardinaggio

Come avere un prato folto e rigoglioso

Un prato folto e rigoglioso è il sogno di chiunque possieda un piccolo o grande giardino. Ottenere un tappeto d'erba lussureggiante e piacevole alla vista non è una meta impossibile, ma bisogna sapere cosa fare: nei prossimi passi troverete alcune regole...
Giardinaggio

Prato: malattie e cure

Il prato è una superficie verde che richiede una cura ed un'attenzione tante assidue, quanto quelle dedicate alla coltivazione di una pianta o di un fiore. È fondamentale combattere sia la siccità (irrigando ogni qualvolta il terreno lo richiede) che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.