Come sciogliere un nodo

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Durante la vita di tutti i giorni, può capitare di dover annodare saldamente qualcosa. Che si tratti di una busta di plastica usata per la spesa o di un laccio usato per chiudere un pacco di biscotti, si pensa a stringere bene il nodo affinché il contenuto del sacchetto non fuoriesca o gli oggetti da tenere non si stacchino. Eppure, non sempre è semplice sciogliere il nodo fatto: chi ha chiuso il contenitore di oggetti e cibi, spesso non tiene conto della necessità di dover riaprire il contenitore e sciogliere il nodo fatto può essere difficoltoso. Per fortuna, esistono dei metodi rapidi ed efficaci per ovviare a questa difficoltà. In questa guida, potete imparare a sciogliere un nodo nella maniera più rapida.

28

Occorrente

  • nodo
  • una buona manualità
  • olio d'oliva
  • ciotola
  • ago per cucire
38

Per prima cosa, prendete il vostro sacchetto di plastica, le cui due maniglie solitamente usate per il trasporto sono state unite con un doppio nodo semplice. Il materiale scivoloso del sacchetto non permette di afferrarlo saldamente e, per questo motivo, è meglio appoggiarsi su un ripiano o, nel caso in cui sia molto pesante, sul pavimento.

48

Prendete, quindi, una delle due estremità che fuoriescono dal nodo e, con l'aiuto di tre dita (pollice, indice e medio), avvolgetela su se stessa. L'effetto che ottenete è quello di irrigidire i capi sempre di più, man mano che li avvolgete. A questo punto, senza mai lasciare la busta, non dovete fare altro che spingere verso dentro il nodo: nella parte opposta a questo, infatti, si forma un'asola.

Continua la lettura
58

Non appena riuscite ad afferrare con due dita questa piccola asola, potete facilmente tirare verso di voi, sciogliendo finalmente il nodo. Questo metodo semplice, ma non banale, oltre ad essere quello che vi da maggiori possibilità di riuscita, evita di dover strappare la busta o il laccio usato per chiudere il sacchetto, permettendovi di riutilizzarlo in un secondo momento.

68

Nel caso in cui dobbiate sciogliere il nodo di un laccio molto piccolo, come il cordoncino di una collana o di un bracciale, potete usare un metodo antico, ma efficace. Versate in una piccola ciotola una quantità sufficiente di olio d'oliva, senza esagerare: il rischio è quello di ungere eccessivamente il vostro cordoncino.

78

Procedete, immergendo il nodo nella ciotola con l'olio. Così facendo, il nodo si allenta e il tessuto diventa immediatamente più morbido. Tirate fuori il cordoncino e, aiutandovi con l'ago, allargate il nodo, fino a scioglierlo del tutto. Lavate il cordoncino, per poterlo riutilizzare.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Sciogliere un nodo ben stretto a volte può risultare un po' stressante, armati perciò di un minimo di pazienza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come fare il nodo arrotolato

Si può dare un tocco di eleganza stile orientale a giacche ed abiti da sera, rifinendo il capo con botti creati con il nodo arrotolato, asole, alamari o abbinati a occhielli. Solitamente il tubolare è di seta, e può comunque essere usato qualsiasi...
Cucito

Come realizzare una sacca in cotone

In commercio ci sono sacche di varia fattura e di vario prezzo e orientarsi nella scelta non è sempre facile perché magari quella che ci piace di colore è troppo piccola o troppo grande, invece può capitare che quella della giusta grandezza ha una...
Materiali e Attrezzi

Come montare una tracolla sulla chitarra

Quando si desidera suonare una chitarra in piedi, che sia acustica o elettrica, allora la prima cosa a cui si dovrà pensare è trovare una tracolla: questo è un oggetto che renderà più semplice tenere saldamente e senza fatica lo strumento una volta...
Cucito

Come sostituire i bottoni con gli alamari

Se vi trovate ad avere a che fare con gli alamari, sapete sicuramente che questi costituiscono un tipo di allacciatura piuttosto particolare. Questa, infatti, è costituita da un cordoncino di seta o pelle chiuso in modo tale da creare un occhiello attraverso...
Bricolage

Come fare un braccialetto di perline

Costruire un braccialetto con le proprie mani e senza l'aiuto di nessuno, è piuttosto semplice e fortunatamente non richiede una spesa particolarmente eccessiva. L'importante è avere molta creatività e sicuramente un po' di abilità manuale. Come materiali...
Cucito

Come cucire un sacchetto di stoffa per la scuola

Oggi scopriremo come realizzare un utilissimo sacchetto di stoffa hand made. Questi sacchetti sono comodissimi per la scuola dei bimbi, per la palestra, per il mare. Ci serviranno due vecchie magliette che magari non indossate più ma di cui vi piacciono...
Cucito

Come fare un pizzo macramè

Il Macramè è una tecnica che ha origini molto antiche. Mentre il nome Macramè deriva dall'arabo. Questo indica un merletto definito a pizzo. La lavorazione consiste nell'eseguire una serie di nodi legati fra di loro. Naturalmente partendo da una base...
Cucito

Come inserire un laccio alla vita dei pantaloni

Nella guida a seguire verranno riportati alcuni consigli molto semplici e pratici, da mettere in atto per inserire il laccio nella vita dei pantaloni. Infatti, molto spesso può capitare che il laccio dei propri comodi e confortevoli pantaloni si sfili,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.