Come seminare il pisello

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Con questa guida intendo descriverti alcuni semplici accorgimenti per riuscire con estrema facilità ad intraprendere la coltivazione di uno dei legumi più utilizzato nella nostra dieta, il pisello. Le differenti varietà si distinguono oltre che per il seme liscio e grinzoso anche per il portamento in nani, mezza rama e rampicanti. Vediamo quale procedimento seguire per seminare correttamente il pisello.

28

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • terreno
  • concime
  • seme di pisello
  • acqua per irrigazione
38

Il pisello (Vicia faba) benché non sia particolarmente esigente, predilige terreni di medio impasto, freschi e profondi con pH appena acido o tendente alla neutralità. Teme i ristagni di acqua, mentre il suo clima ideale è quello temperato. Sopporta il freddo ma non quello eccessivamente intenso, soffre la siccità e le temperature elevate che comportano una fioritura anticipata a scapito della qualità del prodotto.

48

Nelle zone centro meridionali e sulle costiere lo puoi seminare in autunno-inverno, mentre al nord è meglio da febbraio ad aprile. Il pisello si giova della fertilità residua lasciata dalle colture che lo precedono ma ti conviene sempre operare una concimazione prima della semina.

Continua la lettura

Approfondimento

Come seminare un orto
58

Dovrai, prima di tutto, procurarti dei semi di ottima qualità. Quindi stabilire dove hai intenzione di effettuare la semina. Rammenta che questo ortaggio richiede un luogo soleggiato, ben protetto ed un suolo ben fertilizzato, ricco di compost. Tieni presente che ha bisogno di una temperatura minima di dieci gradi per permettere ai semi di germinare. Lavora bene il terreno areandolo con la vanga e quindi bagnalo abbondantemente. Prepara dei solchi paralleli della profondità di 10 centimetri ed Interra i semi, Non dimenticarti di distanziarli uno dall'altro di almeno 60 centimetri. Coprirli con del terriccio e passa un rastrello. Durante la crescita dovrai sarchiare il terreno ed eliminare le piante infestanti.

68

Le piante le dovrai annaffiare in particolare in prossimità della raccolta per incentivare la produzione e la qualità. Rammenta di eliminare le infestanti, di rincalzare le piantine e di disporre i sostegni in plastica o rete per mantenerle erette. Assicura le piantine alle canne man mano che cresceranno e, quando ogni pianta avrà raggiunto la cima del supporto, taglia le cime per incoraggiare una crescita più produttiva. La raccolta del pisello da consumo fresco la dovrai iniziare quando il baccello da sgranare è turgido e pieno. La semina autunnale produrrà piselli a partire dalla primavera fino alla tarda estate.

78

Poni molta attenzione ai parassiti e alle malattie che potranno attaccare il tuo raccolto come ad esempio gli afidi, la mosca grigia e quella minatrice. Questi animali originano muffe, ruggine e devastano le foglie facendo morire la pianta. Dovrai intervenire, preferibilmente con prodotti naturali e non pesticidi chimici, non appena ti renderai conto della loro presenza sulla tua piantagione. Potrai acquistarli sia presso i consorzi agrari che i negozi specializzati in prodotti agricoli.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizzare solo prodotti naturali per sconfiggere eventuali parassiti

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come preparare il letto profondo per la semina

Durante i primi mesi dell'anno l'orto invernale non richiede molto lavoro. Le gelate induriscono il terreno non permettendoci di fare alcun intervento, e ...
Giardinaggio

Come coltivare il pisello odoroso

Il pisello odoroso (nome scientifico Lathyrus odoratus) è una pianta erbacea rampicante, appartenente alla famiglia delle Fabaceae, con fiori a grappolo dai toni brillanti e ...
Giardinaggio

Come coltivare le fave: dalla semina alla raccolta

Uno degli alimenti più mangiati in questo periodo dell'anno è la fava, che accompagnata ad un buon formaggio rendono la pietanza ancora più squisita ...
Giardinaggio

Come coltivare i piselli

I piselli, oltre ad essere energetici, contengono ferro, fosforo, potassio, calcio e molte vitamine. Essi sono annoverati tra i rimedi più efficaci contro la stitichezza ...
Giardinaggio

5 ortaggi da seminare a settembre

Anche se per molte piante l'inverno è un momento di riposo vegetativo, non è detto che l'orto rimanga vuoto durante i mesi freddi ...
Giardinaggio

Come seminare e preparare i semi delle piante

Le piante rappresentano gli oggetti di arredamento più raffinati ed eleganti che esistano. Esse infatti non solo conferiscono all'ambiente vivacità e colore, ma sono ...
Giardinaggio

Come Praticare Il Sovescio nell'orto

La pratica del sovescio serve non solo a rigenerare il terreno, ma è anche un utile sistema di protezione contro l’erosione del suolo a ...
Giardinaggio

Come e quando seminare l'insalata

Negli ultimi anni, si è riscontrato una certa attenzione per il fai da te. Fra le tante attività c'è stato un notevole interesse per ...
Giardinaggio

Errori da evitare nella semina a file

Chiunque abbia un orto o un giardino che lo permetta sogna di poter realizzare un piccolo angolo dedicato alla semina che, se fatta in modo ...
Giardinaggio

Come seminare il finocchio

In questa guida verrà indicato un metodo semplice e rapido che vi permetterà di seminare il finocchio. Esso viene coltivato principalmente in tutta l'area ...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.