Come Si Fa Un Accurato Decapaggio

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

In questo tutorial vi spiegheremo come si fa un accurato decapaggio. Tale termine è vario in base alle situazioni. Si potrà parlare infatti di decapaggio della superficie dei metalli, del decapaggio dei capelli oppure del decapaggio del legno. Per quanto concerne quest'ultimo, è soltanto una tecnica decorativa meravigliosa. Viene usata prevalentamente per riportare alla luce il legno naturale come per esempio quello di un mobile verniciato precedentemente, che ormai è rovinato. Tutto è senza l'utilizzo di prodotti tossici. Continuate la lettura che vi spiegheremo come realizzare in casa un decapaggio del legno accurato, senza essere grandi esperti del settore necessariamente. Con tale tecnica sarà possibile restaurare qualsiasi manufatto in legno, dai mobili ai tavoli da giardino, però anche le travi a vista nel soffitto ed anche il pavimento addirittura. Per altre informazioni su quello che dovrete fare, procedete a leggere gli esaurienti passi di tale guida. Buona lettura e buon lavoro!

26

Occorrente

  • lana d'acciaio
  • pasta bianca di cera
  • decerante
36

Vi dovrete procurare tutto il materiale che vi serve

Per realizzare tale tecnica, vi servirà del materiale ben specifico, e cioè: una spazzola metallica, mascherine, lana d'acciaio, dei guanti resistenti. Inoltre vi dovrete anche munire di cera sbiancata in pasta sciolta al sole, una pezza per lucidare, e cera per mobili chiara. La lana d'acciaio serve per togliere la cera dal mobile, invece la cera sbiancata trasparente, la potrete ottenere aggiungendo un pigmento bianco.

46

Mettete il mobile fuori casa onde evitare ristagno di odore forte

È bene mettere il mobile da restaurare esternamente per iniziare, perché la cera ha un odore parecchio forte e potrebbe dare fastidio. Subito dovrete togliere gli strati vecchi di cera, come prima cosa, in quanto impedirebbero l'adesione della nuova cera. La soluzione maggiormente efficace è quella di utilizzare un decerante che si potrà trovare facilmente nei colorifici. Una volta perciò che avrete "pulito" il mobile, dovrete continuare spazzolando la superficie del mobile con la spazzola metallica, sempre nella direzione della nervatura del legno, facendo in modo da tracciare dei solchi piccoli che faranno in modo che la cera non si stacchi.

Continua la lettura
56

Finite il lavoro intingendo due pezzetti di lana d'acciaio nella pasta bianca di cera

A questo punto, dovrete prendere un pezzetto di lana d'acciaio ed una volta che l'avrete intinta nella pasta bianca di cera la dovrete passare sopra al legno, incrociando le direzioni; e facendo entrare bene la cera nei pori della superficie e nei solchi. Lasciate ora asciugare per mezz'ora circa poi, dovrete prendere un'altro pezzo di lana d'acciaio e lo dovrete immergere nella cera per mobili in pasta, andando a strofinare nuovamente nel mobile. Quando avrete finito il lavoro, dovrete mettere il mobile internamente, e sarà necessaria comunque una manutenzione periodica, passando ogni tanto la cera chiara per mobili. Procedendo in tal modo, toglierete una parte soltanto e non tutta la cera precedente. Infine lucidate in modo accurato.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come fare un mobile di legno bianco decapato

Il ripristino, la finitura o la costruzione di un vecchio pezzo di arredamento può incidere notevolmente nelle possibilità di cui disponiamo. Tuttavia se amiamo cimentarci in questi lavoretti fai da te e abbiamo un minimo di manualità possiamo anche...
Altri Hobby

5 consigli per decapare un mobile in legno

Tra le varie tecniche di decorazione del legno, ne esiste una che prevede il cosiddetto decapaggio della superficie. Si tratta in sostanza di rifinire la parte volutamente in modo grezzo, e quindi adattarla ad un ambiente rustico o in una stanza in stile...
Materiali e Attrezzi

Come smaltare il rame

Quando decidiamo di fare dei lavori con il rame, come ad esempio creare dei bracciali o delle collane, prima di smaltare la superficie, abbiamo la necessità di adottare alcune importanti tecniche per disossidarlo, onde evitare che in fase di cottura...
Casa

Come sverniciare un mobile con il decapante

Può succedere di avere in casa dei vecchi mobili in ottimo stato, ma ormai superati per stile e colore. Invece di gettarli e sostituirli con del nuovo mobilio, si possono mettere in pratica delle tecniche di fai da te per recuperare e trasformare i pezzi...
Materiali e Attrezzi

Come saldare le lamiere

Le saldature servono per unire tra loro i diversi pezzi di un metallo. Nel fai da te, si è soliti unire piccoli pezzi o dimensioni di metallo. Tuttavia, con le opportune indicazioni e seguendo la giusta strategia, è possibile unire anche pezzi di metallo...
Altri Hobby

Come realizzare una collana effetto filigrana in rame

La lavorazione del rame insieme a quella dell'oro e dell'argento, è una delle arti più antiche e laboriose nella storia del nostro pianeta; tant'è vero che sono sempre più frequenti i ritovamenti di lastre sulle quali vi sono le repliche di disegni...
Materiali e Attrezzi

Come verniciare il rame

Se intendiamo verniciare il rame, è importante sapere che essendo un metallo molto ossidabile, non è prudente rivestirlo con qualsiasi tipo di vernice, poiché a lungo andare, l'ossido riesce a trapassare attraverso il colore, facendolo diventare...
Bricolage

Come saldare il rame

Rame e leghe (nichel) sono spesso saldati con il processo manuale di saldatura ad arco utilizzando un elettrodo di ferro ricoperto di materiale fondente e borace solida. Questo metodo è poco costoso, può essere praticato senza pericoli e la saldatura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.