Come Smontare Ossature E Carcasse Di Mobili Vecchi

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

In casa, spesso e volentieri, ci ritroviamo con mobili che non vengono più utilizzato. Questo perché magari il mobile risulta vecchio, o che magari si è cambiato stile di arredamento della casa. Quindi ci ritroviamo a gettare il mobile, questo è uno spreco di materiali. Il motivo è semplicissimo, perché attraverso la smontatura del mobile vengono ricavate le ossature e le carcasse. Queste ultime risultano pronte per costruire un altro mobile. In questa guida attraverso passaggi facili e veloci, vedremo come smontare ossature e carcasse di mobili vecchi.

26

Occorrente

  • Acqua calda
  • Tenaglia
  • Trapano con punte a tazza
  • Martello di legno
  • Zeppa di legno
  • Spatola
  • Ferro da stiro
36

Il primo passo per smontare ossature e carcasse di mobili vecchi, è il seguente. Bisogna assolutamente togliere la colla. Questo processo è molto semplice, bisogna bagnare la parte del mobile dove vi è la colla, fino ad ottenere il rammollimento dell'adesivo. Cercate di utilizzare acqua calda. Invece per rimuovere chiodi o viti difficili da estrarre o spezzati (senza provocare danni) potete adottare le tecniche illustrate nella figura.

46

Il passo successivo per smontare un mobile vecchio, è il seguente. Per estrarre i chiodi, vi potrete avvalere di una tenaglia. Estraete i chiodi interponendo una tavoletta di scarto per evitare ammaccature nell'area circostante. Intervenite su giunzioni di mobili impiallacciati staccando l'impiallacciatura con acqua calda. In questo modo essa può essere recuperata e riapplicata dopo aver consolidato le parti in legno sottostanti. Estraete le viti "a carota" con apposite punte a tazza montate sul trapano. (Vedi la figura).

Continua la lettura
56

Per scollegare le tavole unite con chiodi a scomparsa o graffette per legno dovrete agire con il mazzuolo o martello di gomma. Fra il mazzuolo e il pezzo da smontare interponete una tavoletta che distribuisca uniformemente il colpo. Eseguite il distacco dell'impiallacciatura con un panno umido ed il ferro da stiro caldo. Con l'aiuto di una spatola si riescono a staccare intere impiallacciature conservandole integre. Attenzione: conservate e recuperate tutta la viteria ed i chiodi forgiati dell'epoca che in fase di rimontaggio dovranno essere riutilizzati. Avete così smontato il vostro mobile. Adesso potrete sostituire le parti logore o rotte e rimontare con tutta tranquillità il vostro mobile. Potrete effettuare tutte le operazioni di verniciatura o trattamenti antimuffa. In questa guida abbiamo visto come smontare ossature e carcasse di mobili vecchi. Non rimane che augurarvi un buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Chiodi e viti mancanti possono essere sostituiti da altri (sempre d'epoca) provenienti da altri pezzi demoliti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare una sedia con pezzi di recupero di una lavatrice

La lavatrice è un elettrodomestico estremamente utile, ma se si rompe e non è più utilizzabile è difficile da smaltire. Il riciclo è una vera e propria arte, che permette di risparmiare e, soprattutto di realizzare oggetti utili, non sprecando niente....
Giardinaggio

Come tenere lontani gli insetti molesti

Sempre più spesso, nel nostro giardino o balcone, notiamo piccoli insetti che ad occhio nudo non si riescono a focalizzare ma che lasciano intorno alla pianta una sostanza appiccicosa che, in poco tempo fa morire le nostre piante. Sicuramente siamo in...
Bricolage

Come creare un quadro geometrico con il legno

Avete voglia di realizzare un elemento decorativo del tutto originale per il proprio soggiorno moderno? Se avete occhio per le cose belle, siete bravi nel disegno e avete una buona manualità, potreste creare un quadro geometrico in legno. Con un po'...
Casa

Come riparare i danni all'impiallacciatura

Nelle nostre case è molto frequente vedere mobili realizzati con la tecnica dell'impiallacciatura. L'impiallacciatura si effettua incollando un foglio di legno molto fine e sottile sul mobile. Spesso poi lo strato di supporto si costituisce di un legno...
Bricolage

Come utilizzare la tecnica dell'impiallacciatura

Avete un vecchio mobile in legno rovinato che volete ancora utilizzare? O avete comprato, o costruito, uno scaffale in legno grezzo, perché più economico? E volete renderlo più attraente e, magari, intonato col resto della vostra mobilia? La soluzione...
Bricolage

Come Eseguire una Finitura Di Impiallacciatura

In pochi e semplici passi vedremo in questa guida come eseguire una finitura di impiallacciatura. La finitura di impiallacciatura che viene incollata con collanti a presa rapida, può avvenire subito dopo che è stata esercitata la pressione sui rispettivi...
Bricolage

Come applicare una striscia di impiallacciatura

Lo scopo di questa guida sarà mostrarvi in modo semplice e chiaro come fare per applicare una striscia di impallacciatura. Iniziamo con l'inquadrarle: vengono comprate sotto forma di rotolo, il loro dorso è ricoperto di colla o, più precisamente, di...
Bricolage

Come scollare l'impiallacciatura

Capita e purtroppo anche molto spesso, che un componente di arredamento, presente nel nostro appartamento risenta del passaggio del tempo e subisca seri danni all'impiallacciatura.Ciò può accadere perché questi si trova in un ambiente molto umido,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.