Come sverniciare i mobili con la soda caustica

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Pulire un mobile significa togliere le vernici chimiche, come i smalti colorati e riportarlo alla liscia e naturale superficie del legno originario; bisogna, per compiere questo lavoro al meglio, saper scegliere sempre il metodo giusto con cui pulire i nostri mobili, in base anche al materiale da trattare.
La soda caustica si usa sui mobili veramente disastrati e di scarso valore, e solo quando ogni altro mezzo provato non ha portato risultati proficui.
In questa guida dunque indicheremo come sverniciare i mobili, dal momento che non c'è altra soluzione, con la soda caustica. Esso sarà comunque un metodo diretto ed efficace, che ci aiuterà a compiere la sverniciatura in poco tempo.

25

Occorrente

  • acido acetico o aceto
  • soda caustica
  • 1/2 kg di fiocchi di patata (se necessario)
  • bacinella
  • guanti
  • manico di scopa
  • mascherina
  • occhiali con protezione laterale
  • spago
  • spazzola di saggina
  • stivali di gomma
  • stracci
35

Compiere questa delicata operazione con la soda caustica non è una cosa da trattare con leggerezza.
La soda è infatti uno degli alcali più potenti, ed è quindi altamente corrosiva.
Avere a che fare con questa sostanza significa lavorare in sicurezza e fare molta attenzione alla prevenzione. Avremo dunque bisogno di tanti strumenti protettivi, dai guanti agli stivali, dalla mascherina agli occhiali e ad un camice.
Bisogna anche ricordare che è un preparato molto pericoloso da maneggiare, dobbiamo per questo mostrare grande accuratezza, stando attenti ad usarlo pur in un luogo adatto, in quanto viene richiesto un grande apporto di acqua, che sarà necessaria all'operazione in quanto dobbiamo bagnare il mobile.

45

Mettiamo dunque dell'acqua calda a 40 °C in una bacinella e ci versiamo con delicatezza e a piccole dosi la soda (tenendo conto che per 1 kg di soda servono 5 l di acqua); mescoliamo lentamente, ed eventualmente aggiungiamo dell'acqua.
Facciamo attenzione a girare il liquido con un bastone di legno. Se vogliamo inoltre addensare il prodotto, aggiungiamo 1/2 kg di fiocchi di patata.

Continua la lettura
55

Teniamo a portata di mano dell' acqua corrente e una spazzola di saggina, che possono servire per fermare l'effetto corrosivo della soda.
Applichiamo il prodotto con cautela e un po' per volta. Dopo averlo asportato, catalizziamo subito con acqua e aceto o acido acetico. Facciamo in modo di lasciarlo asciugare perfettamente.
Dopo il trattamento passiamo della carta vetrata per lisciare il legno, che a seguito dell'applicazione della soda presenterà un po' la superficie ruvida.
Bisogna tener in considerazione che la soda sbianca considerevolmente il legno, quindi se vogliamo fermarne l'effetto, qualora si presenti, sciacquiamo sempre con abbondante acqua.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come riverniciare un armadio in legno

Spesso quando si devono eseguire dei piccoli lavori nella propria abitazione si preferisce chiedere l'intervento di un esperto per essere sicuri di ottenere un risultato perfetto. In alcuni casi per questo lavoro si devono sostenere delle spese abbastanza...
Casa

Come produrre idrogeno

L'idrogeno è l'elemento chimico più diffuso nell'intero universo. Proprio per tale ragione, non è possibile crearne uno nuovo, come può avvenire per gli altri elementi, ma si può semplicemente isolare dall'acqua ed immagazzinare, magari per utilizzarlo...
Casa

Come realizzare il sapone in casa

Se per curare le nostre mani o la pelle del viso intendiamo usare un sapone davvero naturale, possiamo crearlo in casa usando alcuni specifici ingredienti. Si tratta infatti di una preparazione semplice e veloce, che alla fine ci regala un prodotto degno...
Casa

Come realizzare olive di sapone

Abbiamo deciso di mettere nuovamente alla prova, la nostra fantasia e creatività, cercando d' imparare come poter realizzare con le nostre mani, delle buonissime e profumatissime olive di sapone. Proprio così tenetermo di dar vita a delle saponette...
Casa

Come pulire lo scarico interno del lavabo

La pulizia del bagno e della cucina spesso viene fatta in maniera superficiale, rimuovendo le incrostazioni di calcare o di cibo. In realtà, nello scarico del lavandino, che sia quello della cucina o del bagno, finiscono una serie di rifiuti solidi....
Bricolage

Come utilizzare il decapante

Cercare e mettere in pratica l'hobby dei propri sogni, è senza dubbio uno degli obiettivi più ambiti da tutti. Che sia uno sport, il giardinaggio o il bricolage, non importa: l'importante è che si faccia ciò che si vuole. Purtroppo, soprattutto in...
Casa

Come sturare uno scarico intasato

Con il comune uso quotidiano, per quanto possa essere improbabile, gli scarichi di casa tendono ad intasarsi. Questi intasamenti possono essere causati non solo da oggetti gettati accidentalmente negli scarichi ma anche da prodotti per l'igiene quotidiana,...
Bricolage

Come Pulire Una Botte di legno

La botte è un oggetto che fin dall'antichità è stato sfruttato per la produzione, la conservazione, e il trasporto di vino e liquori vari. Il suo trattamento è molto fondamentale per la realizzazione di un prodotto di ottima qualità. Quindi, il pulire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.