Come tingere il cuoio

di Liliana Russo difficoltà: media

Come tingere il cuoioLeggi Come si sa il cuoio, normalmente chiamato pelle, è uno dei materiali animali più usati sia nel campo dell’abbigliamento per fare cinture, borse, scarpe, giacche, cappotti, sia nel settore dell’arredamento con la messa in opera di poltrone, divani, sia in quello automobilistico, per non parlare poi del settore della cartoleria con copertine per block-notes, per libri, album fotografici e varie rilegature. Questo solo per nominare alcuni utilizzi del cuoio, ma l’elenco sarebbe molto più lungo.

Assicurati di avere a portata di mano: Colorante in polvere, cintura in cuoio, tampone, bombolette rifinitura, alcol

1 Di cuoio, peraltro, tu stessa possiedi un certo numero di capi di abbigliamento. Tra essi delle cinture di cuoio chiaro, che ti sono venute un po’ a noia e in più sulla superficie, a causa di un uso regolare, in alcuni punti, esse presentano anche delle macchie abbastanza visibili. Per poterle riutilizzare ci sarebbe bisogno proprio di un restyling, almeno in quanto al colore. Vorresti sapere pertanto come procedere. Ti premetto che la procedura di base è abbastanza semplice. Quindi non c’è alcun problema! Ti basterà mettere in pratica quanto leggerai nella presente guida e, con l'aiuto dei prodotti e degli strumenti giusti, potrai con molta facilità fare il tuo restyling. La prima cosa che devi fare è decidere il colore da dare alle tue cinture.

2 In commercio ci sono due tipi principali di coloranti che possono essere utilizzati per la tintura del cuoio. Ci sono coloranti a base di alcool e coloranti a base d'acqua, sia sotto forma di liquidi già pronti e sia in polvere da diluire, sia come anilina che come nubuck per una struttura in velluto. Va aggiunto che i prodotti a base di alcol, se, da una parte permettono una maggiore profondità di penetrazione nelle fibre della pelle, dall’altra, a dire di alcuni che li hanno provati, presentano un inconveniente. A conclusione del lavoro fatto, il cuoio perderebbe il suo odore naturale e si presenterebbe alquanto rigido. Con i prodotti a base di acqua invece esso conserverebbe tutte le sue qualità essenziali, ma sarebbe scarso in quanto a colorazione vera e propria. Va detto che, a tutti gli effetti, i prodotti ad acqua vanno bene massimamente nel caso di una semplice rinnovata tonalità di colore.

Continua la lettura

3 Dovendo invece coprire delle macchie che si presentano in superficie, come nel caso menzionato, non si può non scegliere il prodotto a base di alcool.  Tieni conto del fatto che tutti i prodotti, nominati nella guida, si possono acquistare in qualsiasi punto vendita “Fai da te", oppure in tutti i negozi di che vendono prodotti per Calzature e Pelletteria.  Approfondimento Come scurire il legno (clicca qui) I prezzi sono abbastanza irrisori e alla portata di tutti.  Detto ciò, passiamo all’enunciazione delle varie fasi di tinteggiamento del cuoio con l'uso di anilina in polvere.  Prima dell'applicazione del colorante, per ottenerne una resa migliore dello stesso, è buona norma sottoporre il cuoio ad un trattamento preventivo.  In cosa consisterebbe? In una pulizia dello stesso con un detergente per pelli.. 

4 Applica quest’ultimo direttamente sulle cinture e poi con una spugna (lato "verde" ruvido) strofina con movimenti rotatori. In verità puoi usare anche dell’acqua in una bottiglietta spray, purchè tu deterga per bene e inumidisca il cuoio. Appronta poi il piano di lavoro, proteggendolo con un telo di plastica. Sappi che l’anilina è tossica ed è una sostanza che macchia moltissimo. Non è facile rimuoverla. Adotta quindi tutte le precauzioni del caso, indossando dei guanti in lattice e delle mascherine sulla bocca. Poi appallottola un bel batuffolo di cotone idrofilo, e metti intorno ad esso una pezzuola di cotone. In parole povere devi fare una specie di tampone. Puoi usare anche un pennello, ma non te lo consiglio perché c'è un problema di stesura uniforme del colore. Ogni qualvolta infatti lo appoggerai sulla superficie delle cinture, esso lascerà una macchia più scura, che ovviamente verrà assorbita all’istante dal cuoio.

5 Come tingere il cuoioLeggi Preparato il tampone, prendi la bustina di anilina in polvere e diluiscila con alcool (da acquistare presso lo stesso rivenditore), non prima però di averla riversata in una bottiglietta con tappo ermetico. Magari puoi aiutarti con un imbutino in plastica o anche con un imbuto cartaceo. Versata la polvere, sempre nello stesso contenitore immetti anche l’alcool. Per quanto attiene alla quantità di quest’ultimo devi fare ad occhio. Tieni solo conto di questo elementare indicatore. Più immetti alcool e più il colore si diluirà, perdendo in intensità e presentandosi sempre più chiaro. Una volta che l’anilina sarà pronta, dovrai imbevere di essa, poco per volta, il tampone e passarlo all’istante sulla cintura, facendo prima dei movimenti rettilinei e successivamente rotatori, in modo da distribuire uniformemente il colorante.

6 Non cercare di temporeggiare a lungo col tampone in mano, perché l’anilina, nella quale esso è stato imbevuto, essendo a base di alcool, tende ovviamente a volatizzarsi molto rapidamente. Ti consiglio di dare parecchie mani di colorante, ad un’intervallo circa di una o due ore. Durante la fase di asciugatura, manipola, flettendola in su e in giù, la cintura. Questo eviterà, almeno in parte, che il cuoio abbia ad irrigidirsi troppo. Una volta che l’asciugatura è completata, applica uno strato di finitura. In commercio ci sono delle apposite bombolette spray. Spruzza uniformemente e poi passa con un panno pulito e morbido in modo da dare al cuoio un aspetto levigato.

Come realizzare una cartellina di cuoio Come realizzare un vestito da cowboy Come creare una cintura artigianale Come incollare e piegare il cuoio

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili