Come valutare monete antiche

di Donatella Paoletti difficoltà: media

Come valutare monete antiche   c1.staticflickr.com Ognuno di noi è un po' collezionista. C'è chi raccoglie francobolli e chi accumula qualunque tipo di oggetto. Molti collezionano monete, attuali ed antiche. Le monete antiche rappresentano inoltre una valida forma di investimento. Bisogna però prestare molta attenzione a come si investe. È necessario informarsi e valutare bene gli acquisti da fare, con la speranza di evitare le truffe che sono sempre in agguato. Spesso troviamo offerte decisamente convenienti cercando sul web, ma non sempre sono quello che sembrano. In questa guida vedremo insieme come valutare le monete antiche.

1 Ogni volta che siamo in procinto di effettuare un acquisto, dobbiamo effettuare delle ricerche approfondite riguardo l'oggetto a cui siamo interessati. Esistono dei cataloghi ufficiali e meno ufficiali, dove potremo trovare tutta la documentazione relativa a ciascuna moneta. In questo modo potremo avere un'idea grossolana del valore; per una informazione più precisa è necessario sempre rivolgersi ad un esperto numismatico. È inoltre molto importante sapere quale è la provenienza di una moneta, cioè qual è il Paese in cui è stata coniata ed in cui era in circolazione.

2 È possibile acquistare le monete antiche sia sul web, che presso negozi specializzati. Esistono molteplici variabili su cui basare la classificazione delle monete. Nella valutazione di una moneta antica è necessario verificare per prima cosa se è fior di conio, cioè se è mai stata messa in circolazione. In questo caso non deve presentare difetti o imperfezioni, dovuti proprio al suo utilizzo quotidiano. Quindi è molto importante lo stato di conservazione della superficie; la posizione e il tipo di abrasione determinano la qualità della moneta. Se l'abrasione è localizzata in una posizione poco visibile o nella parte anteriore della moneta antica influirà meno sulla sua qualità.

Continua la lettura

3 In Italia la classificazione più importante è basata sulle condizioni di conservazione di una moneta antica.  Tale classificazione è la seguente: Bello (B), moneta molto usurata; Molto Bello (MB), moneta con alcune parti non leggibili; Bellissimo (BB), moneta usurata ma perfettamente leggibile; Splendido (SPL), moneta quasi integra che ha circilato pochissimo; Fior Di Conio (FDC), moneta che presenta solo segni di contatto con altre monete avvenuti durante la procedura di lavorazione.. 

4 Il valore delle monete antiche varia anche in base al colore che le monete stesse assumono con il passare del tempo. Tale alterazione del colore di una moneta dipende ovviamente dal metallo con cui è fatta; il rame e l'argento sono facilmente soggetti al fenomeno dell'ossidazione. Un altro fattore molto importante per la valutazione di una moneta antica è la sua rarità, cioè quanti pezzi sono stati coniati in un determinato anno o da una particolare zecca.

Non dimenticare mai: Affidiamoci all'aiuto di esperti di fiducia per valutare monete antiche se pensiamo possano avere un certo valore.

Come pulire le antiche monete romane Come stimare una moneta antica Come identificare antiche monete greche Come realizzare i gioielli con le monete

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili