Gli errori più comuni nella potatura del pesco

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il pesco, è un albero da frutto molto esigente, che richiede una potatura specifica per poter crescere in maniera sana e forte. Questa pianta da frutto, è molto delicata e deve sempre essere ben curata per poter crescere in modo efficiente e robusto.
Per non commettere errori nella potatura del pesco, eccovi un utile guida che vi spiegherà come poter evitare di combinare dei guai purtroppo molto comuni.

27

Fare dei tagli netti

Durante la potatura degli alberi di pesco, è sempre consigliato evitare di fare dei tagli netti sui rami. In questa maniera, non lascerete modo ai germogli di sbocciare e di crescere.
I rami, devono sempre essere lasciati con una parte ricca di germogli, per fare in modo che l'albero da frutto possa svilupparsi in maniera sana.

37

Fare tagli poco precisi

I tagli su un albero da frutto e specialmente in quello da pesco, necessitano di una potatura con dei tagli molto precisi per evitare che l'albero posa contrarre delle infezioni.
La pianta tagliata in maniera poco consona, rischia anche di non produrre più i frutti, di indebolirsi e di seccare in un breve lasso di tempo.

Continua la lettura
47

Potare nelle stagioni inappropriate

Per potare un albero di pesco, è necessario individuare il periodo esatto per fare in modo che i frutti possano crescere e maturare.
È quindi importante attendere non solo il periodo esatto (febbraio e marzo) ma anche l'età giusta per potare questo tipo di albero che dovrebbe essere intorno ai quattro anni di vita. Non tagliate mai l'albero nei primi due anni di vita perché seccherebbe immediatamente senza creare alcun frutto.

57

Tralasciare la potatura di formazione

Chi non pratica una potatura iniziale di formazione, rischia di veder seccare la pianta da frutto nell'arco di un mese.
Per facilitare la futura raccolta dei frutti, è necessario potare la pianta lasciando tra un ramo e l'altro circa un metro.
Questa, è l'unica potatura chiamata "a palmetta" che può essere eseguita nel primo anno di vita dell'albero di pesco. Inoltre, la pianta durante il primo anno, non dovrà superare mai i cinquanta centimetri da terra.

67

Dimenticare la potatura produttiva

Per la produzione dei frutti di quest'albero, è necessario potare la pianta tagliando semplicemente i rami meno resistenti e lasciando i rami robusti ricchi di germogli.
Questa potatura, deve essere eseguita solo dopo quattro o cinque anni di vita dell'albero, in modo tale che i rami possano aver raggiunto una robustezza tale da poter sostenere i frutti. Questi rami robusti, dovranno avere un andamento orizzontale mentre quelli da eliminare, avranno un'andatura verticale disordinata e avranno una consistenza meno robusta.

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come potare il verde di un albero da frutto

Con la parola "potatura verde" ci si riferisce ad alcune specifiche pratiche della potatura attraverso la quale si va a sfoltire la chioma di tutte le piante da frutto. Questo serve a favorire il graduale rinnovamento di quest'ultima ed una maggiore produzione...
Giardinaggio

Come innestare un pesco

Poeti, cantautori e pittori gli hanno dedicato versi e dipinti. Il pesco è un albero da frutto bellissimo e capace di produrre fiori e frutti meravigliosi. L'antica e saggia cultura orientale considerava il pesco un simbolo d'immortalità. Avere un pesco...
Giardinaggio

Come piantare un albero di pesco

Ecco una guida, che farà molto comodo a tutti coloro i quali, hanno una bella campagna, in cui poter piantare degli alberi da frutto, in maniera tale da poterne ottenere, nel periodo opportuno, dei frutti veramente unici, saporiti e del tutto genuini,...
Giardinaggio

Come evitare la bolla del pesco

Quando si ha la passione per l'orto, si cerca di curare ogni pianta nel migliore modo possibile. Purtroppo però può accadere che, nonostante tutto l'amore che possiamo trasmettere a ciò che si coltiva, funghi o parassati attacchino la vegetazione con...
Bricolage

Come costruire fiori di pesco con le perline

Il fai da te è un arte magnifica e saper realizzare dei fiori utilizzando le perline potrebbe risultare un’abilità da non trascurare. L’arte del fai da te, applicato alle decorazioni manuali, è diffusa fin dai tempi antichi e consente di decorare...
Giardinaggio

Come potare un albero di ginkgo

Il Ginkgo è una delle piante arborie più belle tra le conifere. L'albero appartiene alla famiglia delle Ginkgoaceae e ha origini molte antiche. La sua altezza varia dai 30 ai 40 metri ed è molto longevo. Il suo tronco è eretto e robusto. Quando la...
Giardinaggio

Come potare un bonsai

Se desideriamo avere uno o più bonsai nella nostra casa, la cosa più importante che c'è da sapere è il fondamentale ruolo che ricopre la potatura. I bonsai sono dei mini alberi che vanno curati costantemente nel tempo e per fargli assumere la forma...
Giardinaggio

Come Potare Le Piante D'Appartamento

La potatura è un insieme di operazioni che vengono praticate alle piante per regolarne lo sviluppo o la fruttificazione. Possono essere soggette a potatura tutte le parti di una pianta: foglie, germogli, frutti, fiori e rami. Le piante d'appartamento,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.