Come lavorare la terracotta

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

In questo articolo vogliamo dare una mano a tutti i nostri cari lettori, a capire come poter lavorare la terracotta, nel migliore dei modi, in modo da poter creare, con la propria fantasia e manualità, davvero tanti oggetti originali e del tutto nuovi, mediante i quali, poter anche arredare e donare un tocco in più, al proprio appartamento. Iniziamo subito con il dire che lavorare la terracotta è una delle attività artigianali più antiche del mondo. Famose sono quelle di epoca greco- romana e, quelle etrusche. Oggi, tuttavia, esistono parecchie località in Italia e in Europa che lavorano la terracotta ma, soprattutto in Italia, sono famosissime quelle di Vietri sul Mare. Per chi voglia cimentarsi nella lavorazione della terracotta in casa propria ecco le istruzioni e i consigli su come fare. Pronti per iniziare? Buon lavoro e buon divertimento a tutti!

27

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • Base rotante con motorino
  • Creta
  • Spatole per modellare
  • Vernice finale
  • Forno elettrico
  • Smalti a fuoco
37

La prima cosa che dobbiamo fare è quella di mettere la creta su una base rotante, con un regolatore di velocità (reostato) e, con l'aiuto delle mani, dobbiamo e possiamo iniziare a modellare il vaso, fino all'altezza desiderata dopodichè, con piccoli pezzettini di creta riempiamo per bene, tutti gli interstizi ed anche i buchetti per evitare che, durante la cottura possa spaccarsi. Una volta terminata questa operazione, bisogna togliere il vaso dalla base e tagliarlo a metà in modo da poterlo svuotare all'interno, poi utilizzare l'acqua per riavvicinare le due parti e, nel contempo far sparire le linee di giuntura.

47

Una volta che il vaso è finito e da grigio (il colore naturale della creta) sarà ben diventato di colore bianco, allora si può procedere alla cottura. Quest'ultima va effettuata in un forno (quello elettrico di casa è ottimo) ad una temperatura di 250 gradi per circa quarantacinque minuti dopo di che, il forno va spento e, non appena si è raffreddato si può estrarre il vaso per poterlo rifinire e successivamente colorare.

57

Guarda il video

67

Una volta che abbiamo estratto il vaso dal forno prima di colorarlo usiamo della tela di smeriglio leggermente imbevuta in olio per eliminare tutte le porosita' e le bollature derivate dalla cottura. A questo punto, con degli smalti a fuoco (sono indicati quelli per l'oreficeria) ci apprestiamo alla coloratura del vaso. Al termine di questa fase, si può dare una mano di vernice finale e si rimette il tutto nel forno stavolta a circa 150 gradi per mezz'ora. Ora, il vaso è pronto. È molto bello e diverso dai normali vero? Allora continuiamo pure a cimentarci nella creazione, magari con sagome diverse, tipo statuine o bassorilievi! A noi la fantasia!

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Basta davvero poco e con un pò di pazienza e tanta buona volontà, saremo in grado di realizzare un lavoro davvero unico e molto originale!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Il presente contributo è stato redatto dall'autore ivi menzionato a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e può essere modificato dallo stesso in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore dello stesso, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tale contributo e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti