Malattie fungine: come combatterle con i rimedi naturali

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Le malattie fungine, che possono colpire le piante che coltiviamo, sono innumerevoli e proliferano indipendentemente dalle nostre accortezze e capacità di giardinieri. Nostro è però il compito d'individuarle tempestivamente, al fine di debellarle nel minor tempo possibile, con un basso dispendio di energie ed un elevato risparmio in termini economici. Il modo più sensato per combatterle è sempre quello di evitare d'intervenire a sproposito con inutili prodotti chimici, ma con rimedi naturali, di seguito vediamo come fare.

211

Occorrente

  • ossicloruro di rame
  • poltiglia bordolese
  • zolfo bagnabile
  • decotto di equiseto
  • macerato di equiseto e/o di ortica
311

Alternariosi è causata da un fungo che prolifera nel terreno, sui residui delle piante già infette e sui semi contaminati, che divengono i principali veicoli di diffusione della malattia. Questa patologia si manifesta sulle foglie con delle macchie gialle e al centro un punto nero, marcescente o lacerato. Sul fusto compaiono dei cancri, sulle ramificazioni e sul colletto ci sono delle lesioni nere, con una strozzatura. Per combatterla, oltre alla distruzione delle piante colpite, usiamo trattamenti con macerato di equiseto, alternato ad un funghicida rameico, direttamente sulla malattia.

411

Antracnosi è una patologia che riguarda le leguminose come i piselli, i fagioli, le fave e i ceci. È favorita dal tempo umido e fresco e dalla permanenza di residui verdi non eliminati e all'inizio si presenta con piccole macchioline color ruggine diffuse su tutti i baccelli. Per combatterla è necessario che utilizziamo dei trattamenti a base di ossicloruro di rame o di zolfo, oltre alla disinfezione dei semi in decotti di equiseto.

Continua la lettura
511

Botrite è una patologia che colpisce sia gli ortaggi, che gli alberi da frutto e i che fiori. Si sviluppa in luoghi non areati e umidi, come le serre e i magazzini. Si riconosce dalla presenza di aree marcescenti sulle piante e dalla successiva formazione di una muffa grigia. Si diffonde rapidamente, è quindi necessario che eliminiamo le parti colpite ed eseguiamo dei trattamenti con propoli, che rinforzano le difese immunitarie delle piante e con ossicloruro di rame.

611

Cladosporiosi è una malattia che colpisce le coltivazioni in serra. Si presenta con piccole macchie gialle o rossastre vicino alle nervature fogliari e se non curata si estende a tutta la foglia, provocandone l'accartocciamento e la morte. Sui frutti si sviluppano macchie marroni e compaiono ulcere con colatura gommosa, che si trasforma in muffa. Per difenderci, affidiamoci ad ampie rotazioni colturali, evitando i ristagni idrici e le concimazioni azotate.

711

Oidio è la più comune fra tutte le patologie fungine ed è facile da riconoscere. In caso di attacco le piante si presentano cosparse di una muffa bianca, simile al borotalco. Se colpisce le foglie o i boccioli, questi non riescono a svilupparsi e appaiono come atrofizzati. Anche se molto diffusa è comunque difficile da debellare in modo definitivo. Preveniamo la malattia, irrorando le colture con decotti a base di equiseto e con la soluzione idro alcolica di propoli. In caso di forte diffusione sono invece necessari dei trattamenti a base di zolfo bagnabile.

811

Peronospora, colpisce prevalentemente le foglie. Sulla pagina superiore troverete delle macchie tondeggianti, mentre sulla zona inferiore si forma una muffa grigia e violacea. Una buona difesa è quella di utilizzare trattamenti a base di poltiglia bordolese e preparati idro alcolici di propoli. Per prevenirla possiamo fare irrorazioni con macerato d'ortica.

911

Sclerotinia. I funghi responsabili di questa patologia causano marciumi a radici, bulbi, fusti e tuberi. Purtroppo resistono nel terreno anche per anni e la diffusione è favorita da un'eccessiva presenza di sostanza organica nel terreno, dall'umidità e dalle alte temperature. Per combatterla, oltre all'utilizzo della comune poltiglia bordolese e all'ossicloruro di rame, possiamo utilizzare anche dei funghi "benefici" antagonisti come il Trichoderma Hartianum e il Trichoderma Viride.

1011

Septoriosi è la più letale fra le patologie e se non curata comporta la distruzione totale di tutti i vasi linfatici della pianta. È riconoscibile dalla presenza di macchie necrotiche brune, circondate da un alone clorotico, sulla tinta fogliare. Ai primi sintomi dobbiamo utilizzare della poltiglia bordolese ed eliminare immediatamente le parti colpite.

1111

Consigli

Non dimenticare mai:
  • aerare spesso le serre e i magazzini
  • evitare di bagnare le foglie durante le annafiature, se non indicato specificatamente nelle norme colturali
  • trattare le piante ai primi sintomi della malattia
  • evitare semine troppo fitte
  • utilizzare solo concime organico ben maturo

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come Combattere La Peronospora

Se abbiamo un orto, può capitare che alcune foglie degli ortaggi presentino delle macchie bianche diffuse. Evidentemente la pianta è stata colpita dalla peronospora, una grave malattia funginea che volendo si può curare. In questa guida a tale proposito,...
Giardinaggio

Giardinaggio: i lavori di marzo in giardino

Marzo è un mese importante e pregno di impegni per chi ha l'hobby del giardinaggio. I lavori da fare in giardino, in serra fredda e nell'orto, sono davvero tanti. È necessario quindi andare con ordine e organizzarsi per tempo per non arrivare impreparati...
Giardinaggio

Come trattare le malattie della pianta di spinacio

Mangiare gli spinaci rafforza le difese del sistema immunitario. Inoltre aiuta a prevenire il rischio di infarto. Sono alimenti ricchi di magnesio e ferro. È una pianta che appartiene alla famiglia delle Amaranthacee, originaria dell'Asia occidentale...
Giardinaggio

Combattere La Fusariosi

La fusariosi è una patologia, spesso dannosa, che colpisce diversi tipi di piante ed è determinata dallo svilupparsi di alcune specie fungine appartenenti al genere Fusarium; una parte di questi funghi, che vive comunemente nel terreno, è dunque fitopatogena,...
Giardinaggio

Peronospera: come eliminarla

La natura e le piante offrono sempre uno splendido spettacolo e sono il modo migliore per decorare la propria abitazione. Ma richiedono molta attenzione e cura a causa di funghi e parassiti che spesso si depositano sulle foglie. La peronospera è una...
Giardinaggio

Come coltivare la lophophora williamsii

La lophophora williamsii è una pianta succulenta appartenente al genere delle Cactacee. Meglio conosciuta come Peyote, si presenta come una specie di cactus verde che nasce spontaneo al confine tra gli Stati Uniti e il Messico. La pianta contiene uno...
Giardinaggio

Come Coltivare Le Arachidi

Nella presente guida andremo a concentrarci sul tema arachidi. Più specificatamente, cercheremo di spiegarvi in modo sintetico lungo i tre passi che comporranno questa guida, Come coltivare le arachidi.L'arachide è conosciuta da tutti come la nocciolina...
Giardinaggio

Come coltivare il corniolo

Il corniolo è un arbusto appartenente alla famiglia della Cornaceae, ed in grado di raggiungere altezze fino a dieci metri. Il tronco è di tipo contorto di colore grigio chiaro; mentre i rami sono verdi con evidenti sfumature rossastre. Le foglie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.