Parassiti delle piante: rimedi naturali per eliminarli

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le piante, si sa, sono amate da tutti e presenti pressoché in ogni abitazione. C'è chi le tiene in giardino, chi in balcone, chi in vasi collocati nelle varie stanze per conferire un tocco di calore e colore in più alla propria casa. Il verde, però, corre un grande pericolo a causa di un nemico minuscolo ma molto pericoloso ed altrettanto diffuso: il parassita. La guida che segue vuole quindi darvi preziosi consigli su come preservare la salute delle piante dall'attacco dei possibili parassiti mediante rimedi naturali che siano in grado di eliminarli efficacemente e durevolmente.

27

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • Guanti da giardino
  • Irroratore
  • Pepe in infusione
  • Ortica in infusione
  • Equiseto in infusione
37

Innanzi tutto è bene fare una macro - distinzione fra i parassiti: vegetali (come i funghi) da una parte ed animali (gli insetti) dall'altra.
I parassiti vegetali possono provocare alle piante malattie come l 'oidio (patina bianca su fiori e foglie), la peronospora (macchie nei toni dal giallo al marrone sulle foglie) e l'antracnosi (macchioline gialle dal contorno marrone sulle nervature del fogliame).
I parassiti animali più diffusi sono invece gli afidi (chiamati anche “pidocchi delle piante”), le cocciniglie (ricoperte da una patina cerosa), gli aleurodidi (che appaiono come delle mosche bianche) e i ragnetti rossi.
Molto fastidiose possono essere anche le lumache poiché spesso si nutrono delle foglie (a discapito dell'estetica della pianta) e sono anche in grado di provocare danni irreparabili.

47

Sgombrato il campo sui possibili aggressori è necessario focalizzarsi sulle attività di prevenzione poiché, qualunque sia il parassita in questione, il suo fine ultimo è sempre lo stesso: nutrirsi dell'organismo che sta attaccando.
La prima regola da tenere presente per proteggere le vostre piante in maniera naturale è quella di adoperarvi periodicamente in un'ispezione accurata al fine di bloccare eventuali attacchi parassitari sul nascere.
Va inoltre considerato che i parassiti proliferano maggiormente in determinate condizioni ambientali dovute, ad esempio, ad ambienti di tipo "lacustre". Un buon intervento preventivo, a tal proposito, può essere quello di evitare stagnazioni d'acqua sotto le piante.

57

Per contrastare gli attacchi dei parassiti un primo rimedio, particolarmente utile, è quello che prevede l'abbinamento della vostra pianta con altre di tipologie differenti in grado di attirare insetti benefici tenendo allo stesso tempo a distanza gli "invasori". Il timo e la calendula, ad esempio, richiameranno i sirfidi (grandi divoratori di piccoli parassiti), il tarassaco e l'ortica sono invece utili ad attrarre le coccinelle che si rivelano un instancabile alleato soprattutto nella lotta agli afidi (arrivano a mangiarne fino a 5000 all'anno).

67

Da ultimo vanno considerati i rimedi eco -friendly. Per prevenire l'arrivo di afidi, bruchi e altri parassiti si può preparare un composto di acqua e pepe e spruzzarlo periodicamente sopra e sotto le foglie della pianta e sui petali dei fiori.
In caso la vostra pianta sia invasa da ragnetti rossi o afidi molto utile può essere irrorarla con un composto di ortica. Per prepararlo vi basterà sminuzzare un kg di ortica e lasciarla macerare per due giorni al sole immersa in 8 litri d'acqua; trascorso questo lasso di tempo dovrete filtrare il composto e diluirlo con altra acqua prima di utilizzarlo.
Un consiglio utile ad evitare che le lumache attacchino le vostre piante è quello di creare delle piccole barriere con materiali naturali che ne rendano difficoltoso l'avvicinamento: potrete ad esempio creare un cerchio formato da frammenti di gusci di noci.
L'equiseto essiccato, generalmente reperibile in erboristeria, si rivela infine un ottimo ingrediente per realizzare un composto con cui irrorare le piante infestate dal "mal bianco" (oidio).
Prepararlo è facile, basterà bollire 100 grammi di equiseto in 2 litri d'acqua per mezz'ora e lasciarlo macerare fino al giorno successivo; filtrare il composto prima dell'utilizzo ed aggiungere due parti di acqua per ogni parte di composto preparato.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Anche l'aglio può essere un forte deterrente per i parassiti.

Potrebbe interessarti anche

Il presente contributo è stato redatto dall'autore ivi menzionato a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e può essere modificato dallo stesso in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore dello stesso, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tale contributo e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti