Come realizzare la finitura a straccio

tramite: O2O
Difficoltà: facile
19

Introduzione

In questa semplice ed esauriente guida vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a riuscire a comprendere come poter realizzare la finitura a straccio. Non tutti sanno che grazie al metodo del fai da te, anche noi potremo creare e realizzare tutto quello che desideriamo, direttamente con le nostre mani e riuscendo a mettere in pratica la completa fantasia e voglia di fare. Iniziamo immediatamente con il dire che tra le tante tecniche di pittura per realizzare delle finiture decorative, quella che ti proponiamo in questa guida, abbastanza intuitiva, è quella tra le più semplici da realizzare ed è sicuramente tra le più divertenti che esistono. Questa tecnica è adatta a qualsiasi genere di superficie, e la potremo utilizzare anche sulle pareti, sui mobili, sulle basi per le lampade, sulle scatole e tanto altro ancora, lasciando libero sfogo al proprio estro. Se finalmente siete pronti per cominciare, vi auguriamo buona lettura e buon divertimento a tutti voi, che vi accingete a seguire la nostra guida.

29

Occorrente

  • Idropittura vinilica satinata
  • Pittura ad acqua
  • Idropittura opaca
  • Stracci di lino
  • Pennelli in setola da 10 cm
39

Per cominciare, è necessario decidere se si ha l'intenzione di realizzare la tecnica su una superficie già dipinta oppure di cambiare colore, nel caso in cui quello preesistente non sia più di nostro gradimento. In questo caso lo dobbiamo prima coprire con una mano di idropittura vinilica satinata, ricoprendo accuratamente tutta quanta la superficie, e ricordandosi anche che il colore di fondo deve essere più chiaro rispetto a quello che useremo per la fase di velatura. In alternativa, per ottenere un effetto originale, è anche possibile avvalersi dell'utilizzo di un colore differente.

49

Nel caso in cui avessimo ricolorato la superficie da decorare, è necessario attendere che sia ben asciutta, per poi cominciare a preparare la pittura per le velature, aggiungendo una piccolissima quantità di idropittura opaca del colore scelto. Successivamente dovrà essere rimescolata accuratamente fino a quando la tinta non sarà completamente amalgamata e risulterà dalla consistenza uniforme. Il prossimo passo consiste nell'aggiungere anche l'idropittura un po' per volta, fino a raggiungere la nuance desiderata, dal momento che le miscele colorate si possono scurire ma non è possibile schiarirle se aggiungiamo troppo colore.

Continua la lettura
59

Mediante l'ausilio di un pennello largo, possiamo cominciare a stendere la pittura tramite l'applicazione di pennellate lunghe ed incrociate. Inoltre, non è affatto necessario essere eccessivamente precisi. Questo perché, a lavoro finito, il segno delle pennellate non si vedrà più. Appena abbiamo terminato di stendere il colore, prima che si asciughi si deve prendere uno straccio di lino, il quale dovrà essere appallottolato. Dopodiché possiamo cominciare a picchiettare la superficie dipinta, in modo tale da asportare delle piccole quantità di pittura fresca.

69

Nel caso in cui non avessimo a disposizione lo straccio di lino, una buona idea è anche quella di sostituirlo con uno di un tessuto differente, facendo soltanto molta attenzione che non lasci antiestetici peli. Tra l'altro possiamo anche fornire dei suggerimenti per due varianti, che andremo a citare a seguire. Se vogliamo produrre un effetto più marcato del solito, è buona regola utilizzare un sacchetto di plastica al posto dello straccio, cambiandolo spesso perché la plastica non assorbe il colore. Se abbiamo, invece, l'intenzione di ottenere una picchiettatura delicata, è buona regola utilizzare uno straccio di velluto a coste oppure di tessuto spigato.

79

Qualunque sia lo straccio che andremo ad utilizzare, dobbiamo ricordarci di girarlo con una buona frequenza. Inoltre quando sarà troppo intriso di colore, è necessario sostituirlo con un altro pulito. Successivamente possiamo completare la fase di picchiettatura di tutta quanta la superficie. Se dovessimo riscontrare un eccesso di pittura in corrispondenza degli angoli oppure dei bordi, lo possiamo sfumare, avvalendosi dell'uso di un pennello da puntinatura oppure a setole lunghe. Se vogliamo, invece, ottenere un effetto maggiormente uniforme, è necessario applicare un altro strato di velatura dopo la prima picchiettatura, ma soltanto quando questa sarà ben asciutta. Quindi, possiamo ricominciare nuovamente a picchiettare. Ed ecco che la finitura a straccio è pronta. In caso di dubbi vi invitiamo a consultare la sezione riservata ai consigli, e a visionare il sito internet allegato a questa guida, nonché il video YouTube.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La superficie dipinta con questa tecnica si può pulire solo spolverandola senza strofinare, per renderla meno delicata applica una mano di vernice trasparente
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come eliminare ammaccature e bruciature nel legno

Il legno è un materiale che viene utilizzato tantissimo nella produzione dei mobili. Ad ogni non viene utilizzato solo in questo ambito, ma comunque è molto presente nelle nostre abitazioni. Può capitare nel corso del tempo che molti elementi di lego...
Materiali e Attrezzi

Come scegliere l'idropittura lavabile

L'idropittura è una delle tipologie di pitture più utilizzate grazie alla sua economicità e alla sua praticità. Se siete proprietari di un'abitazione e avete già scelto il colore per una stanza, dove sapere che c'è un'altra decisione molto importante...
Casa

Come applicare l'olio sul legno

I progetti che prevedono la lavorazione del legno spesso richiedono una grande mole di lavoro, e per questo spesso e volentieri sono considerati come un'arte per pochi. Se avete intenzione di completare un progetto in legno in modo da esaltarne la bellezza...
Bricolage

Come fare i sottobicchieri con le piastrelle

La stampigliatura con i timbri è un modo semplice e rapido per personalizzare le vostre piastrelle, aggiungendo colore e stile alle piastrelle bianche e lisce a un costo molto inferiore a quello di una nuova piastrellatura. La tecnica della stampigliatura...
Casa

Come Realizzare E Finire Una Parete In Vetrocemento Dopo L'Apertura A Parete

Lo scopo di questa guida è quello di illustrare passo per passo come realizzare e finire una parete in vetrocemento dopo l'apertura a parete. Il mondo del fai da te è un mondo affascinate ed è sempre soddisfacente riuscire a creare qualcosa con le...
Altri Hobby

Come fare la velatura

La velatura è un tipo di pittura abbastanza particolare la quale viene utilizzata per dipingere le pareti di una stanza. Usando questa tecnica si va a ottenere un effetto che ricorda molto i vecchi muri a calce. In parole povere, essa consiste nel asportare...
Bricolage

Come togliere le bruciature di sigaretta dal legno

Il legno è un materiale naturale che può essere trattato in diversi modi, compresa la finitura. Quest'ultima può avvenire a cera, con vernici sintetiche, a tampone o con smalti. La superficie lignea è comunque soggetta a macchiarsi e soprattutto...
Materiali e Attrezzi

Come dipingere un soffitto di latta

Dipingere un soffitto di latta è un progetto abbastanza facile poiché molti di questi hanno già un rivestimento di primer. Molti soffitti prefabbricati di latta riportano dei disegni stampati all'interno, alcuni dei quali sono piuttosto ornati. Si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.