5 consigli per coltivare il tarassaco o dente di leone

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il tarassaco o dente di leone è una pianta erbacea perenne, dalle notevoli proprietà terapeutiche. Le foglie hanno benefici effetti diuretici, mentre le radici ed il rizoma depurano il fegato, la bile e l'intestino. Si riconosce per i suoi fiori gialli a "capolino". La pianta si evolve poi in soffione, ovvero leggeri acheni con pappo che contengono i semi. Solitamente, la semina avviene in maniera spontanea, tramite il vento. Il tarassaco è interamente commestibile. In cucina, le foglie vengono impiegate per fresche insalate oppure lessate. Le radici sono utili per decotti oppure infusi fitoterapici. Il dente di leone si può coltivare in vaso oppure nell'orto o in giardino, per regalare colore e vivacità all'insieme. Ecco 5 utili consigli per ottenere una piantagione splendida e rigogliosa.

27

Seminare in primavera

Il tarassaco o dente di leone è una pianta infestante. Tuttavia, possiede proprietà curative ed un aspetto estetico gradevole all'occhio. Coltivare il tarassaco non richiede particolari accorgimenti. Però, è opportuno seminare in primavera, da marzo a giugno, direttamente a dimora. I semi sono acquistabili in qualsiasi negozio di botanica.

37

Distanziare i semi

Per coltivare adeguatamente il tarassaco e raccoglierne i fiori e le foglie per tempo, distanziare i semi di 25-30 centimetri. Vanno interrati ad una profondità di mezzo centimetro. In alternativa, si possono piantare in vaso, purché sia sufficientemente largo e profondo. Le radici, infatti, richiedono parecchio spazio.

Continua la lettura
47

Posizionare a mezz'ombra

Il tarassaco o dente di leone vive perfettamente al sole o in penombra. È una pianta resistente e rustica. Posizionare a mezz'ombra i semi, per farla crescere sana e rigogliosa. Tollera perfettamente i climi più freddi, mentre produce foglie aride in luoghi afosi. Assicurare preferibilmente temperature costanti.

57

Innaffiare la pianta

Il tarassaco o dente di leone predilige i terreni irrigati, ma ben drenati. Pertanto, innaffiare la pianta una o due volte al giorno. Regolarsi, quindi, in base alle temperature esterne ed al terriccio. Per lo sviluppo adeguato del dente di leone, dare acqua al giardino, al vaso o all'orto la sera oppure il mattino presto.

67

Raccogliere a fine estate

Coltivare il tarassaco o dente di leone non implica grandi attenzioni. Tuttavia, le piantine vanno controllate con sarchiature regolari. Raccogliere a fine estate oppure in autunno le foglie ed i fiori. Utilizzare le parti in cucina per fresche insalate oppure condimento per risotti. Le radici sono ottime per infusi e decotti curativi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare la bocca di leone

Esistono piante, nei nostri giardini o terrazzi, che ad un dato momento si installano da sé. Può essere un seme portato con la terra o con il vento, o una pianta regalata, o il capriccio di un'unica stagione in cui si è deciso di seminare questa pianta....
Giardinaggio

Come conservare il tarassaco

Le proprietà diuretiche del tarassaco aiutano anche ad eliminare il sale in eccesso dal sistema urinario. Un effetto collaterale di diuretici chimici è la perdita di potassio. È possibile raccogliere il tarassaco in primavera e utilizzarlo durante...
Giardinaggio

10 consigli per coltivare la begonia in balcone

La begonia è una bellissima pianta ornamentale da giardino. Produce infatti delle foglie e dei fiori davvero splendidi. I colori dei fiori di begonia sono diversi, secondo le varietà. Ma tutti bellissimi ed attraenti. In particolare si può scegliere...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare la gardenia in vaso

La gardenia è un arbusto particolarmente profumato, caratterizzato da candidi fiori bianchi e da fogliame verde lucido. Si tratta di una pianta abbastanza difficile da coltivare con successo, specie nelle zone più fredde e in vaso. Tuttavia, è sufficiente...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare il rosmarino

Quando si parla di spezie non può che venire in mente il rosmarino, ovvero una pianta sempreverde che regala estratti ideali per preparare molti piatti saporiti, come ad esempio l'agnello o altri tipi di carne alla griglia, il pollo arrosto oppure semplicemente...
Giardinaggio

5 consigli per coltivare i peperoncini in casa

I peperoncini fanno parte di un genere di piante erbacee. Fioriscono in primavera e in estate e producono dei bellissimi fiorellini bianchi. Mentre, i frutti sono di forma e di colore diverso secondo la specie. Questi sono delle bacche che hanno una cava...
Giardinaggio

10 consigli per coltivare il basilico in vaso

Il basilico è una pianta aromatica molto profumata che viene utilizzata in cucina per la preparazione e il completamento di molte ricette. Per cucinare un sugo, come ad esempio il basilico, o aromatizzare un piatto il basilico è l'erba aromatica ideale....
Giardinaggio

10 consigli per coltivare le peonie in balcone

Le Peonie, arbustive o erbacee, appartenenti alla famiglia delle si caratterizzano per il loro valore ornamentale. La varietà di peonia erbacea mantiene sempre al stessa altezza dato che si sviluppa in orizzontale mentre le peonie arbustive come gli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.