5 consigli sulla coltivazione del ranuncolo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il ranuncolo è un fiore di origine asiatica, inodore e simile ad una rosellina. Può essere giallo, arancione, rosa e di altri colori ancora. Ne esistono oltre 400 varietà diverse.
È una pianta bella ma molto delicata, esigente in fatto di terreno e clima. È un fiore che ha bisogno dell'esposizione diretta al sole, ma che in fase di crescita non tollera a lungo temperature superiori ai 15 gradi. Il ranuncolo ha bisogno di un terreno sempre umido, ma il rizoma (il bulbo) marcisce nei terreni che assorbono male l'acqua.
In questo articolo vi daremo 5 consigli sulla coltivazione di questo fiore. Vedrete che con le giuste accortezze il vostro ranuncolo crescerà sano, bello e forte. Troverete anche un consiglio importante per la sicurezza vostra, dei vostri bambini e anche dei vostri animali. Anche questo fiore così delicato nasconde un pericolo.

26

Coltivate il ranuncolo nel suo terreno ideale

Il nome del ranuncolo deriva dal termine ''rana''. È quasi un fiore delle paludi. Quasi, appunto. Il ranuncolo ha bisogno di un terreno sempre leggermente umido, non di un terreno allagato o coperto spesso di pozzanghere.
La terra ideale per il ranuncolo è sabbiosa, ricca e ben drenata. Il ph deve essere vicino alla neutralità. La terra argillosa non va bene perché assorbe male l'acqua ed è alcalina. Se il terreno nel quale state pensando di coltivare il ranuncolo rimane coperto di pozzanghere per lunghi periodi sicuramente è argilloso e non va bene. Vi conviene trovarne un altro. Ma se non potete, esistono delle tecniche per correggere il terreno argilloso.
Potete correggere un terreno lievemente argilloso in maniera semplice. Dovete mescolare la terra a dosi abbondanti di letame e di sostanze fibrose vegetali. In questo modo migliorerete il drenaggio del terreno.

36

Scegliete il periodo in cui piantare il ranuncolo in base al clima

Il rizoma non sopravvive in terreni ghiacciati o coperti di neve. E nella fase di crescita il fiore viene danneggiato da un caldo eccessivo, anche se l'esposizione diretta alla luce del sole gli fa benissimo.
Piantate il bulbo ad inizio Aprile dopo la fine delle ultime gelate. Per Giugno il vostro ranuncolo sarà sbocciato, pronto a rifiorire per tutta l'estate. Se dalle vostre parti il clima è particolarmente caldo e l'inverno mite, potete piantare questo fiore a fine Ottobre.

Continua la lettura
46

Concimate e disinfestate la terra prima di piantare il bulbo

Dovete preparare bene il terreno prima di piantare i bulbi. Come prima cosa attraverso un'opera di bromurazione eliminate i funghi, le malerbe, gli insetti terricoli ed i nematoidi dal terreno. Sono tutti elementi in grado di interferire con la crescita sana del ranuncolo ancore prima che inizi a germogliare.
Poi dovete mischiare al terreno un concime speciale. Vi servono 4 kg di torba o di concime bovino. Aggiungete alla torba 400 gr di solfato di magnesio e 250 gr di complesso organo minerale tipo 2.3-10-0. La terra dove avete deciso di piantare il vostro ranuncolo deve essere lavorata, preparata e dinsifestata fino ad un profondità di almeno 60 cm.

Come tutti gli esseri viventi il ranuncolo attraversa diverse tappe nell'arco della sua vita. Nasce, cresce, fiorisce ed infine appassisce. Durante ogni fase dovete nutrire il vostro fiore nel modo giusto. L'acqua e la terra da sole non bastano a dargli tutti gli elementi di cui ha bisogno. Dovete concimare il ranuncolo ogni due settimane con un fertilizzante liquido ricco di azoto durante la fase di crescita. Durante la fioritura invece utilizzate un fertilizzante liquido ricco di potassio ogni tre settimane.

56

Utilizzate fertilizzanti diversi per fasi diverse

Il ranuncolo è un fiore bellissimo, ma la sua linfa è pericolosa per gli animali e per le persone. Agli esseri umani può causare la dermatite e gravi problemi agli occhi, in particolare alla pupilla. I bimbi più piccoli spesso sottovalutano o non capiscono i pericoli. Anche se gli spiegate che i liquidi di questo fiore sono dannosi potrebbero dimenticarsene, o sporcarsi con essi giocando nel prato.
Dovete tenere bambini ed animali domestici lontani da questo fiore. Potreste delimitare la parte di giardino dove lo coltivate con una rete, ad esempio. Se ciò non è possibile prendete in considerazione di coltivare il ranuncolo all'interno di una serra.

66

Tenete bambini ed animali lontani da questo fiore

Il ranuncolo è un fiore bellissimo, ma la sua linfa è pericolosa per gli animali e per le persone. Agli esseri umani può causare la dermatite e gravi problemi agli occhi, in particolare alla pupilla. I bimbi più piccoli spesso sottovalutano o non capiscono i pericoli. Anche se gli spiegate che i liquidi di questo fiore sono dannosi potrebbero dimenticarsene, o sporcarsi con essi giocando nel prato.
Dovete tenere bambini ed animali domestici lontani da questo fiore. Potreste delimitare la parte di giardino dove lo coltivate con una rete, ad esempio. Se ciò non è possibile prendete in considerazione di coltivare il ranuncolo all'interno di una serra.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare il ranuncolo

Il ranuncolo è una pianta appartenete al genere Ranunculus, una famiglia molto numerosa composta da circa 400 specie di fiori. Questi ultimi sono luminosi, di colore giallo e hanno cinque petali; la pianta è originaria dell'Asia, dell'Australia, dell'America...
Giardinaggio

5 consigli sulla coltivazione dell'ibisco

L'Ibisco è una pianta che durante la sua crescita produce dei fiori dai colori intensi. Questo arbusto è una pianta che cresce ampia e rigogliosa. Appartiene alla famiglia delle Malvaceae e la sua cultura è facile. Esso viene utilizzato come pianta...
Giardinaggio

Bambù: consigli per la coltivazione

Il bambù (o bamboo) è una pianta tropicale molto particolare. È infatti diffusissima nelle zone calde, tanto da creare delle vere e proprie foreste. In Italia la sua diffusione è molto recente, ma sono in tanti che amano avere delle piante di bambù...
Giardinaggio

Consigli per la coltivazione dei tenerumi

Forse non tutti sanno che da un tipo particolare di zucchine aventi un aspetto filiforme, si utilizzano anche le foglie per scopi culinari; infatti, questa specie appartenente anch'essa alla famiglia delle Cucurbitaceae è molto diffusa in Sicilia, ed...
Giardinaggio

Agrifoglio: consigli di coltivazione

L'agrifoglio è un arbusto sempreverde di ridotte dimensioni che acquista una maggior popolarità durante il periodo natalizio. Considerate le misure ed il fatto che non teme nè il clima rigido invernale nè quello afoso estivo, questa pianta può essere...
Giardinaggio

5 consigli sulla coltivazione della peonia

Le peonie sono piante perenni che, però, fioriscono solamente una volta l'anno. I fiori di peonia sono tanto decorativi quanto delicati e, per questo motivo, hanno bisogno di maggiori cure rispetto alle comuni piante da appartamento. Esistono migliaia...
Giardinaggio

Coltivazione dell'aloe vera

L’Aloe Vera è una pianta grassa, benefica e succulenta, della famiglia delle Aloeacee; dalle molteplici qualità, nasce sui terreni calcarei e secchi. Si può tranquillamente procedere alla sua coltivazione, in vasi e in serre, preferendo un clima...
Giardinaggio

Come funziona la coltivazione idroponica

Quella idroponica è la coltivazione di piante senza suolo. La caratteristica fondamentale della coltura idroponica è che il suolo non è necessario. Il vantaggio è che le piante possono essere coltivate in aree dove c'è poco spazio per l'agricoltura,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.