5 consigli sulla coltivazione dell'ibisco

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'Ibisco è una pianta che durante la sua crescita produce dei fiori dai colori intensi. Questo arbusto è una pianta che cresce ampia e rigogliosa. Appartiene alla famiglia delle Malvaceae e la sua cultura è facile. Esso viene utilizzato come pianta ornamentale. Ma, in Asia viene coltivato per i suoi frutti, che vengono usati per cucinare alcuni piatti. Per quanto riguarda la coltivazione, l'ibisco va seguito fin dall'impianto nella terra. Si semina in aprile su un lettorino e dopo si ripicchetta sempre in un piantinaio. Dopodiché, si mettono le piantine a dimora in maggio, dividendole per ogni vaso. Ovviamente l'ibisco va seguito con attenzione per tutta la sua crescita. Nella seguente lista indico 5 consigli sulla coltivazione dell'ibisco.

26

Utilizzare terra argillosa

Il primo dei 5 consigli sulla coltivazione dell'ibisco è quella di utilizzare della terra argillosa e silicea. Per ottenere un ottimo rendimento si deve lavorare per bene la terra. Per poi, mantenerla fresca e quasi umida nel periodo della fioritura. Tuttavia, per rendere il terreno migliore si può anche drenare aggiungendo terra di foglie. Mentre, se coltivato in vaso, necessita di un contenitore capiente. Infine, ogni tre anni bisogna rinvasarlo aggiungendo della terra fresca.

36

Innaffiare regolarmente

Un altro dei consigli è quello di innaffiare regolarmente. Questa è una regola fondamentale per poi, ottenere una buona fioritura. Quindi il terreno va annaffiato quando appare asciutto. Ovviamente, se viene coltivato in zone molto aride, richiede abbondanti annaffiature nei periodi di siccità.

Continua la lettura
46

Seguire il periodo di fioritura

Seguire il periodo di fioritura dell'ibisco è uno dei consigli da seguire. Infatti, la pianta va sistemata in un'area soleggiata e luminosa. Volendo esponendola anche direttamente ai raggi del sole. Inoltre, per rinforzare la fioritura risulta utile utilizzare una concimatura liquida nel periodo estivo.

56

Potare in primavera

Un altro dei consigli sulla coltivazione dell'ibisco è quello di potare in primavera. Questo lavoro va fatto durante la crescita e allo stato giovanile. Quindi l'ibisco va potato e cimato per poi, ramificare in modo rigoglioso. L'importante è eseguirla non prima del terzo anno di età.

66

Preparare all'inverno l'ibisco

L'ultimo dei 5 consigli sulla coltivazione è quello di preparare all'inverno l'ibisco. Di solito questa pianta predilige climi caldi. Ma, è possibile adattarla in zone più fredde. Ovviamente, l'ibisco va protetto ritirandolo in locale dove la temperatura risulta più calda. Riducendo le annaffiature e tenendola in contenitori caldi. Questo lavoro va fatto nel coprire la base del terreno con dei materiali naturali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Bambù: consigli per la coltivazione

Il bambù (o bamboo) è una pianta tropicale molto particolare. È infatti diffusissima nelle zone calde, tanto da creare delle vere e proprie foreste. In Italia la sua diffusione è molto recente, ma sono in tanti che amano avere delle piante di bambù...
Giardinaggio

Consigli per la coltivazione dei tenerumi

Forse non tutti sanno che da un tipo particolare di zucchine aventi un aspetto filiforme, si utilizzano anche le foglie per scopi culinari; infatti, questa specie appartenente anch'essa alla famiglia delle Cucurbitaceae è molto diffusa in Sicilia, ed...
Giardinaggio

Agrifoglio: consigli di coltivazione

L'agrifoglio è un arbusto sempreverde di ridotte dimensioni che acquista una maggior popolarità durante il periodo natalizio. Considerate le misure ed il fatto che non teme nè il clima rigido invernale nè quello afoso estivo, questa pianta può essere...
Giardinaggio

5 consigli sulla coltivazione della peonia

Le peonie sono piante perenni che, però, fioriscono solamente una volta l'anno. I fiori di peonia sono tanto decorativi quanto delicati e, per questo motivo, hanno bisogno di maggiori cure rispetto alle comuni piante da appartamento. Esistono migliaia...
Giardinaggio

5 consigli sulla coltivazione del ranuncolo

Il ranuncolo è un fiore di origine asiatica, inodore e simile ad una rosellina. Può essere giallo, arancione, rosa e di altri colori ancora. Ne esistono oltre 400 varietà diverse. È una pianta bella ma molto delicata, esigente in fatto di terreno...
Giardinaggio

Coltivazione dell'aloe vera

L’Aloe Vera è una pianta grassa, benefica e succulenta, della famiglia delle Aloeacee; dalle molteplici qualità, nasce sui terreni calcarei e secchi. Si può tranquillamente procedere alla sua coltivazione, in vasi e in serre, preferendo un clima...
Giardinaggio

Come funziona la coltivazione idroponica

Quella idroponica è la coltivazione di piante senza suolo. La caratteristica fondamentale della coltura idroponica è che il suolo non è necessario. Il vantaggio è che le piante possono essere coltivate in aree dove c'è poco spazio per l'agricoltura,...
Giardinaggio

Come utilizzare la coltivazione idroponica

La coltivazione idroponica non prevede l'impiego della terra ma viene realizzata nei posti più vari come serre, terrazze, balconi o qualsiasi luogo in cui si ha un po' di spazio a disposizione. Il terreno viene sostituito da un substrato composto da...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.