5 fertilizzanti biologici

Tramite: O2O 19/03/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Finalmente hai deciso di dedicarti alle tue piantine o addirittura hai deciso di coltivare un piccolo orto in casa? Bene hai trovato l'articolo giusto! Devi sapere che le piante, al pari di ogni altro essere vivente, hanno bisogno di vari elementi nutritivi. Tra i più importanti, ci sono: azoto, potassio e fosforo; L'offerta di fertilizzanti sul mercato è massiccia. Ma perché acquistare fertilizzanti e concimi se in casa già abbiamo potenziali fertilizzanti biologici che ogni giorno finiscono nella pattumiera? Scopri i 5 fertilizzanti biologici fai da te e ridai vita e colore alle tue piante!

27

Vino Rosso

Sicuramente ti capita molto spesso di gettare fondi di bicchieri di vino, o addirittura intere bottiglie.
Devi sapere che innaffiando le tue piante 1 volta al mese con del vino rosso renderai i fusti più vigorosi e le foglie più lucenti. Il vino rosso è un ottimo fertilizzante biologico, infatti grazie ai sali minerali di cui è ricco favorisce la fioritura e rende il terreno più fertile. Nello stesso tempo il tannino svolge una funzione germicida e aiuta l'irrobustimento delle radici.

37

Gusci di uova

Cucini spesso e ami fare i dolci in casa? Bene! Sicuramente non ti mancano i gusci delle uova. Non buttarli, potrebbero essere un ottimo fertilizzante biologico per le tue piante spente e sofferenti.
I Gusci d'uovo che per il 90% sono composti da carbonato di calcio, possono irrobustire notevolmente le vostre piantine; inoltre se frantumati e posti alla base delle piantine possono tenere lontane le lumache dalle vostre foglie.

Continua la lettura
47

Fondi di caffè

Anche il fondo del caffè è un ottimo fertilizzante biologico. Potresti farne buon uso, non buttarlo! È un residuo ricco di azoto e fosforo che concima le tue piante e le rende più vigorose. Attenzione però ad interrarlo bene perché potrebbe attrarre formiche. Potete anche far macerare il caffè per un giorno in un litro d'acqua e poi utilizzarlo per innaffiare le piante, non più di una volta ogni 15 giorni.

57

Cenere

Di tanto in tanto accendi il fuoco nel tuo camino e ti ritrovi con grosse quantità di cenere residua.   Fin dai tempi antichi la cenere veniva usata come fertilizzante biologico, dato il grosso apporto di potassio che cede alle piante. Attenzione non si consiglia l'utilizzo della cenere sulle erbe aromatiche nello specifico sulla menta.

67

Acqua di cottura delle verdura

Quando bolliamo le verdure esse cedono all'acqua molte sostanze nutritive che non mangiamo e non riutilizziamo. Allora perché non concederle alle nostre piantine utilizzando questa acqua come fertilizzante biologico? È semplicissimo basta far raffreddare l'acqua di cottura e innaffiare di tanto in tanto le nostre piante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come usare i fertilizzanti

Ecco una bella guida, pratica e veloce, attraverso il cui aiuto poter essere in grado di avere un giardino che sia sempre pieno di piante e fiori, unici e veramente belli da vedere. Nello specifico vogliamo imparare come poter usare i fertilizzanti, affinché...
Giardinaggio

Come Preparare Fertilizzanti Fatti In Casa

Se siamo degli amanti del giardinaggio e ci piacere avere un piccolo angolo verde nella nostra casa, sicuramente sapremo che per farle crescere sempre belle rigogliose, dovremo curarle costantemente e per fare ciò dovremo utilizzare una serie di prodotti...
Giardinaggio

Come creare in casa un potente antiparassitario per le nostre rose ed altre piante

Preparare in casa un potente antiparassitario per preservare o salvare le nostre rose e le altre piante sui balconi o nei giardini senza nuocere agli animali e con pochissima spesa, è una cosa abbastanza semplice da fare: si evita così l'uso di pesticidi...
Giardinaggio

Come fertilizzare un autofiorente

Le autofiorenti stanno rivoluzionando il mercato, perché apportano numerosi vantaggi, ma anche diversi problemi, soprattutto a chi non ha abbastanza esperienza.Molti mi chiedono perché è necessario fertilizzare delle autofiorenti? Tutte le piante usano...
Giardinaggio

Come preparare un insetticida naturale

Chi ha il pollice verde, conosce bene il pericolo degli insetti. Capita infatti, che dopo tante cure e tempo dedicato alle nostre piante, tutto venga vanificato dall'attacco di questi parassiti. Invece di fare uso dei classici insetticidi che si trovano...
Giardinaggio

Come ottenere un ottimo fertilizzante per l'orto

Chi possiede un orto o un picolo appezzamento di terreno in cui coltiva ortaggi sa bene quanto è importante usare un fertilizzante nella terra nel modo giusto. Per rispettare gli equilibri ambientali è preferibile evitare prodotti inquinanti, chimici...
Giardinaggio

Come trasferire le piante del giardino

Se possiedi un giardino, ti sarà capitato a volte, di dover trasferire alcune piante, grandi o piccole, da un terreno ad un altro, senza saper bene come fare. È importante stare attenti poiché si rischia di rendere la pianta inefficiente al suo lavoro...
Giardinaggio

Come usare i sali inglesi e il caffè per concimare

Per crescere rigogliose e sane, tutte le piante hanno bisogno di fertilizzanti. Con il tempo, infatti, il terreno in cui alloggiano s'impoverisce di sali minerali. Alcuni di questi, come azoto, potassio, magnesio e ferro, sono determinanti per lo sviluppo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.