5 idee per riutilizzare gli avanzi di sapone

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

L'arte del riciclo e del riutilizzo di materiali di scarto non è da tutti, però è possibile imparare con un po' di pazienza e costanza. Capita molto spesso che dopo aver utilizzato per lungo tempo una saponetta ne rimangano alla fine solo dei piccoli frammenti, i quali sono impossibili da utilizzare per un'adeguata pulizia. È possibile altresì utilizzare questi frammenti per altri usi o in maniera alternativa, proprio per evitarne lo spreco. Se non amate gli sprechi e state cercando delle idee per riutilizzare gli avanzi di sapone del bagno o della cucina, date un'occhiata ai suggerimenti di oggi: di seguito troverete 5 proposte che vi permetteranno di ridare nuova vita a saponette quasi terminate o a scaglie oramai troppo piccole per poter essere maneggiate. Grazie ai suggerimenti presentati nella guida, sarete in grado di preparare prodotti utili sia per la pulizia della casa che per la cura e l'igiene personale. Vediamo come procedere per recuperare gli scarti e riciclarli senza generare ulteriori rifiuti, attraverso i pochi e semplici passaggi di questa guida.

28

Occorrente

  • Avanzi di sapone
  • Acqua
  • Olio essenziale di lavanda
38

Produrre del sapone liquido

Sapone liquido. Se disponete di una quantità abbastanza consistente di resti della stessa tipologia, potete produrre un detergente liquido da impiegare per gli usi più svariati, a seconda del tipo di prodotto di partenza. Vi occorreranno circa 500 ml di acqua per ottenere mezzo litro di sapone liquido. Versate l'acqua in una casseruola, accendete il fuoco, portate a ebollizione, quindi aggiungete tre cucchiai di scaglie e mescolate fino a quando non si saranno sciolte completamente. Travasate infine il detergente in una bottiglietta dotata di apposito erogatore.

48

Creare una nuova saponetta

Nuova saponetta. Raccogliete tutti i pezzetti avanzati in un sacchettino di plastica e metteteli da parte, finché non avrete accumulato un discreto mucchietto. Quando raggiungeranno un peso di almeno 100 grammi, versate le scaglie in un recipiente di metallo e fatele sciogliere lentamente a bagnomaria. Trasferite quindi il composto ottenuto in un portasapone o in uno stampino a vostra scelta, lasciate asciugare per diverse ore, in modo che possa ricompattarsi e solidificarsi, quindi sformate la saponetta.

Continua la lettura
58

Fare un gessetto da sartoria

 Gessetto da sartoria. Chi ha l'hobby del cucito e se la cava bene con ago e filo troverà molto interessante questo impiego innovativo del sapone avanzato. Il pezzo infatti, nonostante le dimensioni ridotte, può essere usato intero proprio come un classico gesso da stoffe, per tracciare linee e segni guida durante la fase di imbastitura, taglio e assemblaggio dei tessuti di colore scuro. Servendovi del sapone, avrete inoltre il vantaggio di non lasciare alcuna traccia dopo il lavaggio del panno.

68

Ricavare un detersivo per il bucato

Detersivo per il bucato. Uno dei modi più diffusi di riciclare le saponette quasi terminate è quello di ricavarne un prodotto indicato per il lavaggio in lavatrice. Potete grattugiare i pezzi rimasti e metterli poi nell'apposita vaschetta della lavatrice, come un normale detersivo. Per indumenti non troppo sporchi, saranno sufficienti tre cucchiai di scaglie, da mescolare ad un cucchiaio di bicarbonato nel caso di panni bianchi. Per un'azione ancora più efficace, sciogliete i pezzetti in un pochino di acqua calda.

78

Creare un antitarme o profuma biancheria

Antitarme (o profumabiancheria). Infine, ecco un rimedio per riciclare gli avanzi e combattere al tempo stesso i fastidiosi insetti che danneggiano i vestiti riposti in cassetti e armadi. Seguite il procedimento descritto in precedenza per la creazione di una nuova saponetta: prima però di versare il composto liquefatto nella forma, aggiungete due gocce di olio essenziale alla lavanda e mescolate. Quando il pezzo sarà abbastanza solido, potrà essere messo all'interno di un sacchettino di stoffa o di organza e conservato assieme al guardaroba.
Recuperare i frammenti di una saponetta e riutilizzarli non è poi così difficile. Vi basterà infatti seguire i pratici consigli di questa guida che vi aiuteranno in un riuso più consapevole degli avanzi di sapone, piccole ma semplici idee per non sprecare soldi e materie. Imparare a ricaricare i materiali è una pratica che tutti dovrebbero imparare, e con un po' di pazienza e costanza sarà possibile farlo in brevissimo tempo. Non mi resta che augurarvi buon lavoro.
Alla prossima.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per profumare le nuove saponette o il detergente liquido, aggiungete due gocce di olio essenziale a vostra scelta.
  • Le saponette fai da te possono essere un'originale idea regalo: confezionatele in un cestino di vimini o in una scatola e chiudete il pacchetto con un nastro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

5 idee per riutilizzare i pastelli a cera

Se abbiamo dei pastelli a cera che si sono visibilmente accorciati e non sappiamo come utilizzarli, è importante sapere che invece di buttarli, li possiamo riciclare e sfruttarli per tante altre decorazioni di oggetti. In riferimento a ciò, ecco una...
Altri Hobby

10 idee per riutilizzare un vecchio spazzolino

Vecchi oggetti da reinventare, in casa quanti ne abbiamo? Ciò di cui abbiamo bisogno può essere proprio sotto i nostri occhi, magari sta assumendo un aspetto un po "malaticcio", allora ti consiglio di non gettare via tutto quello che è vecchio. A volte...
Altri Hobby

Bolle di sapone: la ricetta fatta in casa

Nell'immaginario collettivo le bolle di sapone evocano la magia. Le bolle ondeggiano sinuosamente. Rivelano i colori dell'arcobaleno. Giocano allegramente tra loro. Sfuggono alle mani tese per prenderle e...puf.. Svaniscono nel nulla. Chi di noi da bambino...
Altri Hobby

Come fare un sapone naturale con oil tea tree

Fino a quando non è diventata una prerogativa prettamente industriale, la produzione del sapone avveniva fra le pareti domestiche, a base di due soli e semplici ingredienti: un grasso e la soda caustica. Il ritorno alle origini della realizzazione tutta...
Altri Hobby

Come fare il sapone alla glicerina

La glicerina viene poi di solito estratta e venduta alle di varie aziende produttrici di fertilizzanti ed esplosivi. Per perfezionare il sapone solido, è sufficiente aggiungere lo zucchero e alcool e scremare le impurità, per ottenere il sapone alla...
Altri Hobby

Come fare delle piccole sculture di sapone

Il sapone è generalmente un sale di sodio o di potassio di un acido carbossilico alifatico a lunga catena; viene prodotto e usato per sciogliere le sostanze grasse nei processi di pulizia. Si prepara per mezzo di un processo denominato saponificazione,...
Altri Hobby

Come fare il sapone al patchouli

Chi non ha mai sentito la propria nonna o una qualche anziana signora di quando ai loro tempi l' unico sapone disponibile era quello che si produceva direttamente a casa. Sono passati molti anni, ed ormai di quei tempi dove ogni cosa veniva prodotta nella...
Altri Hobby

come fare bolle di sapone cubiche

Le bolle di sapone rappresentano sicuramente uno dei passatempi più amati dai bambini ma anche dagli adulti. Si tratta infatti di un gioco estremamente divertente da fare ed anche molto economico. Quello che occorre infatti è solamente un po' di acqua...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.