5 ortaggi da poter coltivare all'ombra

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Gli ortaggi, come la parola stessa suggerisce, sono dei tipici prodotti della natura che è possibile ricavare dalla coltivazione degli orti. Una delle caratteristiche essenziali di questi prodotti è che devono crescere su un terreno adatto e fertile, con l'uso abbondante di acqua. Altro elemento fondamentale è quello della luminosità garantita dai raggi del sole per tutto il corso della giornata. Sono pertanto rari gli ortaggi che possono crescere in modo sano e armonico anche all'ombra. In questa guida vediamo comunque i 5 ortaggi da poter coltivare anche all'ombra, ottenendo risultati davvero sorprendenti.

26

Lattuga

Uno degli ortaggi che maggiormente si prestano per un trattamento in zone di ombra totale o parziale, è senza dubbio la lattuga. Questo ortaggio è possibile farlo crescere anche in vasi posti in una zone di penombra. La semina può avvenire tutto l'anno e, quando si saranno formate piantine abbastanza alte, potrete anche provvedere al trapianto su terreno. La raccomandazione è di fornire alla lattuga molta acqua.

36

Spinacio

Anche lo spinacio si può coltivare in una zona di semi ombra. Ma attenzione, perché solo alcune specie di spinacio sono adatte per questo tipo di coltivazione. La semina degli spinaci deve avvenire nei mesi primaverili o, al massimo, verso settembre o ottobre. L'ombreggiatura dovrebbe favorire l'agevole formazione di foglie grandi e ben cresciute, dal sapore intenso e tradizionalmente ferroso. Una vera delizia per la tavola.

Continua la lettura
46

Cavolo

Forse non tutti sanno che anche il cavolo è un ortaggio che può crescere nelle zone d'ombra dell'orto o del giardino. Anche in questo caso, tuttavia, attenzione però alle singole tipologie. Risultano particolarmente adatte alla coltivazione all'ombra, i cavoli da foglia e i cavoli ricci. Questa tipologia di ortaggi deve essere coltivata all'inizio dell'estate e ha bisogno di continua irrigazione per crescere in modo armonico.

56

Carota

Amano particolarmente le zone ombreggiate anche le carote. Questo ortaggio dal caratteristico color arancio, ha un sapore dolcissimo e per questo apprezzato da molti. La coltivazione deve avvenire con l'avvento delle prime giornate calde, da marzo fino al massimo alla fine di settembre. Le carote, tuttavia, non possono essere coltivate in vaso ma solo sul campo, avvalendosi di terreno appropriato e di innaffiatura piuttosto abbondante.

66

Bieta

Infine, eccoci alla bieta, altro ortaggio che non disdegna una posizione di semi ombra per crescere. Questa può essere coltivata all'interno di vasi, avendo l'accortezza durante il periodo di crescita, di eliminare le piante rovinate o infestate da parassiti. Al momento della raccolta, ricordatevi di cogliere solo le foglie più belle, grandi e mature.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

10 ortaggi da coltivare in terrazzo

Il biologico è il settore alimentare che più si sta espandendo. Il mangiare sano e il vivere in forma sono ormai un vero e proprio stile di vita per certi versi irrinunciabile. Tuttavia spesso capita che i prodotti a carattere biologico siano salutari...
Giardinaggio

Come coltivare gli ortaggi in serra

Gli ortaggi estivi sono tra le pietanze più gustose delle cucina italiane, purtroppo però non sopportano il clima sotto freddo e tendono ad appassire quando la temperatura scende sotto i 15 gradi. Purtroppo se si ha bisogno degli ortaggi anche nel periodo...
Giardinaggio

Come coltivare i fiori anche all'ombra

Le piante hanno bisogno di un apporto costante della luce solare. Esistono però moltissimi tipi di piante che mal sopportano l'esposizione ai raggi solari, sia durante l'estate che durante il periodo invernale. Si tratta di esemplari molto delicati,...
Giardinaggio

I migliori ortaggi da coltivare in casa

Avere un orto a casa è un ottimo modo per mangiare in modo sano, avendo sempre a disposizione della frutta o della verdura fresca e sicuramente biologica. Inoltre, consente di risparmiare: acquistare un sacchetto di semi costa decisamente meno che comprare...
Giardinaggio

10 ortaggi da coltivare a ottobre

Con l'arrivo dell'autunno, il nostro orticello richiederà tante cure e piccoli accorgimenti affinché si prepari al meglio ad affrontare l'inverno incombente con il suo freddo e le piogge. Ottobre, però, è anche un mese ideale per coltivare alcuni...
Giardinaggio

I 10 ortaggi più facili da coltivare sul balcone

Per chi non ha la possibilità di coltivare l'orto ma dispone di un certo spazio sul balcone o terrazza, può prendere in considerazione l'idea di creare un piccolo orticello in casa. Naturalmente dovrete munirvi di vasi capienti, terriccio, argilla espansa...
Giardinaggio

I 10 ortaggi più semplici da coltivare

In termini culinari per ortaggio si indica una pianta o un frutto, commestibile totalmente o in parte, utilizzata/o per essere cucinata/o oppure gustata/o cruda/o. In termini biologici, invece, designa i membri del regno vegetale. La definizione non biologica...
Giardinaggio

Come coltivare ortaggi in vaso sul balcone di casa

Ultimamente, sia per l'aumento generale dei prezzi, sia perché ci sono molti dubbi sulla loro provenienza, molti consumatori preferiscono coltivare gli ortaggi nel proprio orto, o addirittura sul balcone di casa. Nel primo caso è sufficiente seminare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.