5 regole per coltivare l'ulivo

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le 5 regole per coltivare l'ulivo si possono tramutare in 5 "S": sole, sassi, solitudine, siccità e silenzio.
Le zone ideali per coltivarlo sono quelle marittime dell'Italia meridionale caldo e con clima mite di cui necessita questa pianta. Anche al nord, però, esistono varietà di ulivo. Questa pianta è inoltre sensibile alle temperature, che non devono scendere sotto i -5 C ed altitudini non superiori agli 800 metri. Inoltre, l'ulivo non tollera l'umidità ed i ristagni di acqua, mal tollera i terreni acidi e con pH inferiore a 5.

27

Impianto dell'ulivo

Per interrare l'ulivo la stagione propizia è l'autunno. In questo mese il terreno è ben assestato dalle piogge e consente una migliore tenuta della pianta. Bisogna scavare un buco proporzionato alle sue dimensioni. Ad esempio se lo avete acquistato in un vaso, il buco dovrà essere poco più grande di questo vaso. Dopodiché, chiuso il buco con la terra, aggiungerete cenere e letame.

37

Annaffiatura dell'ulivo

Dopo aver interrato l'ulivo bisogna procedere con l'annaffiatura. Dopo un mese vedrete se l'attecchimento è andato a buon fine, perché noterete crescere i germogli ed una corteccia verdeggiante.. Invece, se la corteccia sarà paglierina dovrete rimuoverlo e sostituirlo dato che ciò significa che l'impianto non è andato a buon fine.

Continua la lettura
47

Posizionamento dell'ulivo

Come già detto, una delle 5 "S" dell'ulivo è il silenzio. Quindi per il posizionamento dell'impianto bisogna prediligere luoghi isolati. Zone marittime e collinari sono l'ideale in assoluto, purché silenziose, appartate in luoghi solitari con terreni secchi e sassosi, nonché assolati.

57

Potatura dell'ulivo

Per la potatura, il primo anno l'ulivo necessita la recisione lungo il troco di rametti, gemme e il diradamento dei germogli sui rami principali. Dal secondo anno in poi la potatura sarà quella classica, senza però essere eccessivamente "drastici".

67

Periodo per la potatura

il periodo per la potatura è la fine dell'inverno, prima che riprenda a vegetare e non vi sia il rischio di gelate notturne. La potatura, ovviamente, sarà minima ed effettuata solamente per la forma della chioma dell'ulivo. Importante è ricoprire con apposite paste, acquistabili nei consorzi agrari, le "ferite" causate dal taglio della potatura.

77

Conclusioni

Possiamo concludere dicendo che l'olio e l'albero di ulivo possono considerarsi simboli dell'Italia. L'ottimo olio e il legno di particolare bellezza rendono molto apprezzabile questa pianta. Dal legno curvo e nodoso e dalla bellezza della venatura interna, l'ulivo si presta alla creazione di piccoli oggetti quali scatole, pettini, monili e vari elementi decorativi. Tagliato in tavole tende a provocare crepe e spaccature, quindi si possono solo ottenere tavole di medio-piccole dimensione dati i molti pezzi di scarto. Da questo ne deriva il pregio. Rimane, comunque, un legno ottimo per il parquet data la robustezza, l'elasticità e la morbidezza che lo contraddistinguono.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare l'ulivo in vaso

Gli alberi di ulivo sono sempre più utilizzati e non solo per la produzione, ma anche a scopo ornamentale; infatti, hanno un bell'aspetto, ed è per questo motivo che molte persone lo amano e lo coltivano in vaso. In questa guida forniamo a tale proposito,...
Giardinaggio

Come coltivare un ulivo sul balcone

Chi ha la fortuna di possedere un balcone, adora vederlo, quasi sempre, adornato da piante e fiori, in modo da possedere nel proprio appartamento un piccolo giardino. Nella maggior parte dei casi, questo tentativo, è accompagnato dalla scelta di acquistare...
Giardinaggio

Come trapiantare un ulivo da vaso alla terra

L'ulivo è una pianta secolare che ben si adatta in quasi tutto il territorio Italiano. Quasi ogni regione produce oli di ottima qualità da nord a sud della penisola. Qualsiasi sia il cultivar che avete in mente di acquistare, se vi state chiedendo come...
Giardinaggio

Come innestare l'ulivo

Per quanto riguarda la pianta dell'ulivo, l’innesto permette delle ottime possibilità di radicamento e una buona qualità di produzione. Difatti, l'ulivo fa fatica a riprodurre bene per seme, altrimenti darebbe vita in prevalenza a varietà selvatiche...
Giardinaggio

Come piantare un ulivo secolare

L'ulivo appartiene alla categoroa delle piantae sempreverdi. Grazie alla fotosintesi clorofilliana, le sue foglie sono grandissime produttrici di ossigeno. Dalla spremitura dei suoi frutti invece, si ottiene l'olio: il condimento per antonomasia di ogni...
Giardinaggio

Come piantare degli alberi d'ulivo in giardino

Gli alberi d'ulivo sono particolarmente diffusi nell'area mediterranea dove, grazie ai suoi frutti, viene prodotto un olio tra i migliori dell'intera Europa. L'ulivo è una pianta molto longeva, che necessita di spazio dal momento che raggiunge dimensioni...
Giardinaggio

Come potare un albero di ulivo secolare

L’ulivo è una pianta da frutto originaria del Medio Oriente. Il suo impiego ha origine sin dall'antichità nel campo dell'alimentazione grazie ai suoi frutti (le olive) e nel campo curativo. Le piante d'ulivo si dividono in tre gruppi: le varietà...
Giardinaggio

Come interrare una pianta di ulivo

Avete la passione per le piante d'ulivo e vi piacerebbe averne una in giardino? Molto probabilmente saprete già che uno dei modi è quello di piantare un seme sul terreno, ma si tratta di una strada avventurosa ed impervia, poiché non è garantito il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.