5 specie di orchidee rare da coltivare in casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le Orchideo sono divise in circa seicentocinquanta generi e oltre ventimila specie. Si tratta di un fiore molto bello, decorativo e molto utilizzato per fare un regalo al proprio partner e nei matrimoni. Sono anche dei fiori molto costosi, quindi vengono regalati con parsimonia. In Italia si possono trovare oltre ottantamila specie di orchidee che crescono principalmente vicino ai corsi d’acqua, e alcune in montagna. Generalmente le orchidee vogliono infatti un terreno sempre umido. Da un punto di vista prettamente biologico questi fiori si dividono in scadenti, terrestri, parassitiche, semi epifite ed epifite. In questa guida prenderemo in esame 5 specie di orchidee rare da coltivare in casa.

26

Le orchidee epifite

Le orchidee epifite sono caratterizzate da radice aree che usano gli alberi come supporto. Al contrario delle epifite le semi epifite possono anche sopravvivere sui rami e sulle rocce. Sono particolarmente difficili da coltivare in casa perché occorre farle crescere in simbiosi con altre piante dotate di grosso fusto. Non è quindi impossibile coltivarle anche se richiedono un bel po di attenzione.

36

Le orchidee scadenti

Le orchidee scadenti vivono ben radicate al suolo ma con radici aree. Anche per queste c'è bisogno di un ampio spazio come può essere un terrazzo, oppure occorre ben strutturare l'ambiente dove si vogliono far crescere. Si tratta di orchidee molto belle e per questa ragione molto ricercate e che darebbero un tocco di classe alla propria casa o al proprio terrazzo.

Continua la lettura
46

Ochidee terrestri

Le orchidee terrestri, come dice anche il nome, nascono nel terreno e hanno radici che vanno molto in profondità. A prima vista sono le più semplici da coltivare ma occorre tener presenti che si ha bisogno di molta terra e non basta quindi un misero vaso da tenere in casa o sul balcone. È bene che la terra sia molto umida perché si tratta di una pianta che beve di continuo.

56

Orchidee parassitiche

Le orchidee parassitiche vivono in simbiosi con altre piante o si basano sul nutrimento organico che riescono a prendere con le radici. Non usano la clorofilla e quindi possono essere tranquillamente tenute in casa anche in ambienti non troppo illuminati. L'unica preoccupazione è il terreno che deve necessariamente contenere gli alimenti organici di cui la pianta ha bisogno e che si possono rivelare anche molto costosi.

66

Orchidee ibridi di Cymbidium

Sicuramente vistose quanto appariscenti sono le orchidee ibridi di Cymbidium epifite e terrestri, originarie dell'Asia centrale e meridionale che offrono fiori di diversi colori molto vistosi. Si tratta di orchidee facili da coltivare e molto ricercate per la loro bellezza. Nei vivai si trovano numerosi ibridi appositamente creati.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare le orchidee in vaso

In questa semplice guida vi aiuteremo a sapere come coltivare le orchidee in vaso.Questo fiore è molto antico ed è di una bellezza veramente particolare. Se poi si pensa che in natura esistono ben 189 specie, si capisce al volo di quanta bellezza ci...
Giardinaggio

10 tipi di orchidee da coltivare in casa

Non conosco persone che non restano stupefatte ogni volta dalla bellezza eterea delle orchidee, dai loro colori e la forma plastica, tanto che spesso tutti toccano questi fiori, pensando siano finti in quanto quasi perfetti. Fiori estremamente delicati,...
Giardinaggio

Come coltivare le orchidee

L'orchidea è un bellissimo fiore che appartiene alla famiglia delle Orchidaceae. Ne esistono moltissime specie e tipologie, quindi hanno spesso delle esigenze leggermente diverse. Coltivarle regala molte soddisfazioni ma non è facilissimo: essendo particolarmente...
Giardinaggio

Come coltivare e come riconoscere le varie specie di abelia

L'Abelia è un tipo di pianta ornamentale, sempreverde, caratterizzata da un'abbondante fioritura e da un bellissimo fogliame. In questa guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò come coltivare e soprattutto, come riconoscere le varie specie...
Giardinaggio

Come coltivare le orchidee blu

L'orchidea blu, il cui nome scientifico è "vanda coerulea", appartiene alla famiglia delle orchidacee ed è nota a tutti per il suo caratteristico colore. Fu scoperta dal botanico inglese William Griffit in India orientale nel 1937 e, successivamente,...
Giardinaggio

10 orchidee adatte per l'appartamento

Da molti anni le orchidee sono dei fiori che in casa danno una certa classe all'ambiente e, come tutti fiori hanno bisogno di determinate attenzioni per non farle seccare. Di fatti, le orchidee soprattutto per chi le coltiva in casa presentano varie problematiche...
Giardinaggio

Le 5 varietà di orchidee più facili da curare

Le orchidee sono piante dall'aspetto affascinante. L'orchidea proviene dai paesi asiatici, ma possiamo trovarla anche nel continente americano nelle aree tropicali. Anche in Italia è presente l'orchidea, ma in questo caso è molto diffusa sulle montagne....
Giardinaggio

Come coltivare l'orchidea

L'orchidea è un fiore bellissimo, che troneggia fieramente nelle vetrine dei fiorai e nelle serre. A differenza delle piante che affidano al vento i loro pollini, le orchidee necessitano dell'aiuto degli insetti. Se volete sapere nel dettaglio come coltivare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.