Bambù: 5 tecniche di coltivazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il bambù è una pianta orientale, ma presente oggi anche in Europa, ed appartiene alla famiglia delle Poaceae, ovvero un sottogruppo delle Graminaceae. Tra le principali caratteristiche troviamo oltre a quella di essere un pianta perenne anche la legnosità, con delle foglie che appaiono con striature biancastre o gialle. Le specie sono tantissime, ma tutte hanno in comune la stessa manutenzione, per cui ecco una lista in cui illustriamo le principali 5 tecniche di coltivazione del bambù.

26

Preparare il terreno in modo adeguato

Preparare il terreno in modo adeguato, è la più importante tecnica di coltivazione del bambù; infatti, il suolo deve essere rimosso con una vanga e poi setacciato per eliminare erbacce e pietrisco, dopodiché si aggiunge del letame composto, e si immerge in un secchio con un po' d'acqua e lo si ricompatta perfettamente al suolo.

36

Scavare una buca abbastanza profonda

Un'altra tecnica appropriata per ottenere una perfetta riproduzione dei bambù, è quella di scavare una buca abbastanza profonda, in modo che l'apparato radicale possa espandersi con i rizomi disposti a granchio, tali da costituire un ancoraggio perfetto per la pianta che com'è noto, cresce moltissimo in altezza. La buca ideale, deve tuttavia essere superiore almeno a 50 o 60 centimetri.

Continua la lettura
46

Setacciare le radici prima di piantare il bambù

Prima di piantare il bambù nel terreno, è importante adottare una tecnica preliminare che consiste nello slegare e setacciare le radici, specie se lo abbiamo acquistato in un vaso molto piccolo. Tale manovra consente loro di respirare e di rigenerarsi nel nuovo terriccio, anche se tuttavia quello presente nel vaso va aggiunto poiché è particolarmente ricco di humus originale.

56

Annaffiare il bambù periodicamente ma senza eccessi

Il bambù bisogna annaffiarlo periodicamente ma senza eccessi, poiché si tratta di una pianta che resiste benissimo alla siccità. Per quantificare l'acqua necessaria alla sua sopravvivenza, diciamo che circa 20 litri rappresentano il giusto dosaggio che avviene ogni 15 giorni. In alcune zone particolarmente piovose, è tuttavia consigliata una pacciamatura del suolo con foglie essiccate, in modo da garantire un ottimo drenaggio e scongiurare che le radici marciscano.

66

Praticare una corretta potatura

Praticare una corretta potatura del bambù, è un'altra tecnica fondamentale per il suo sviluppo, oltre che per garantire il colore sempreverde. Nello specifico si tratta di eliminare sempre i rami secchi laterali, in modo da irrobustire la canna centrale, ed inoltre l'operazione va fatta solo sulla parte alta per scongiurare il rischio di un abbattimento al suolo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come avviare una coltivazione di bambù

Il bambù seppur una pianta tipicamente asiatica, può crescere bene in qualsiasi parte del mondo, e non ha infatti, necessariamente bisogno di un suolo specifico drenato né tantomeno ricco di acqua. Alcuni tipi di bambù crescono di circa 30 millimetri...
Giardinaggio

Tecniche di coltivazione dei cereali

I cereali sono tra le coltivazioni più diffuse in Italia; ne fanno parte l'avena, il miglio, il mais, il riso, la segale eccetera. I cereali venivano già usati in coltivazione nei tempi antichi, poiché l'uomo seppe individuarne le proprietà nutrienti,...
Giardinaggio

Tecniche di coltivazione delle more

Le more sono dei frutti di bosco che contengono un'alta percentuale di vitamina A e C. Inoltre, sono un frutto molto facile da coltivare tant'è che, oltre a possedere molte proprietà e benefici, possono anche essere molto redditizie, soprattutto per...
Giardinaggio

Come piantare le canne di bambù

Le piante di Bambù appartengono alla famiglia delle Poaceae (Graminaceae). Sono originarie dell'Estremo Oriente e furono introdotte in Europa solo nell'Ottocento. La loro principale particolarità è quella di essere una pianta sempreverde, dalla struttura...
Giardinaggio

Come coltivare il bambù nel proprio giardino

Il bambù è una pianta originaria delle zone tropicali e sub-tropicali, soprattutto dell'estremo oriente. Se ne conoscono molteplici specie; è proprio per questo che la sua altezza può variare da pochi centimetri, fino ad arrivare ad altezze imponenti....
Giardinaggio

Come funziona la coltivazione idroponica

Quella idroponica è la coltivazione di piante senza suolo. La caratteristica fondamentale della coltura idroponica è che il suolo non è necessario. Il vantaggio è che le piante possono essere coltivate in aree dove c'è poco spazio per l'agricoltura,...
Giardinaggio

Achillea: coltivazione e proprietà

L'achillea è una pianta aromatica appartenente alla famiglia delle Asteraceae. La pianta dal sapore aromatico e poco edulcorato gode di molteplici proprietà ed è ideale per la coltivazione domestica. In questa lista vi sarà illustrato tutto quello...
Giardinaggio

Coltivazione dell'aloe vera

L’Aloe Vera è una pianta grassa, benefica e succulenta, della famiglia delle Aloeacee; dalle molteplici qualità, nasce sui terreni calcarei e secchi. Si può tranquillamente procedere alla sua coltivazione, in vasi e in serre, preferendo un clima...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.