Cinipide del castagno: cos'è e come combatterlo

Tramite: O2O 20/02/2016
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il cinipide del castagno è un parassita "importato" dall'estero, minacciando la grande ricchezza dei castagni del "Belpaese", che corrispondono a più di 780.000 ettari nonché al 7,5% dei boschi nazionali. A causa di questo parassita, la produzione annuale di miele di castagno si riduce notevolmente. Inoltre, i castagni vengono attaccati da un nuovo parassita, la psilla, con effetti ancora più disastrosi e letali per queste piante. Cosa possiamo fare per la difesa di queste risorse botaniche importanti ed essenziali perché possano continuare a produrre prodotti apprezzati come il miele e il polline secreto? Cerchiamo allora di capire meglio cos'è il cinipide del castagno e come combatterlo.

25

Il cinipide si riproduce per partenogenesi (uova non fecondate), e le femmine fanno la loro comparsa nel periodo tra l'inizio della primavera fino a luglio inoltrato, in cui riescono a deporre fino a 150 uova all'anno. Questa fase avviene ovviamente sul castagno, con una media di circa 30 uova per ogni gemma fruttifera.

35

Subito dopo la schiusa, le larve si trasformano e diventano simili ad una farfalla, anche se sarebbe meglio definirle delle vespe per la loro somiglianza con questo famoso insetto. Le femmine sono quindi le più conosciute di questa specie, mentre il maschio ha un colore scuro, misura circa 3 millimetri ed ha delle zampe tendenzialmente di colore giallo scuro oppure arancio. Per combattere questo insetto-parassita del castagno, come già accennato all'inizio, ci sono ben pochi prodotti specifici di base chimica per distruggerlo e salvaguardare la pianta. Tuttavia, molti studiosi di ogni parte del mondo, vista la crescente diffusione, hanno individuato un insetto antagonista in grado di contrastare efficacemente questo parassita.

Continua la lettura
45

Questa forma di trattamento biologico non è la prima volta che viene adottata: basti pensare che nei paesi dove la malaria è molto diffusa a causa della mosca tze tze, anche in questo caso sono stati introdotti degli eserciti antagonisti di insetti in grado di ?filtrare? il pericoloso morbo di cui queste mosche sono portatrici. Se abbiamo dunque un impianto di castagni da proteggere, ci si può rivolgere al ministero dell'agricoltura oppure a qualche presidio agrario del Piemonte, per saperne di più e soprattutto ottenere tutte le informazioni necessarie circa le modalità e i tempi per inserire nelle nostre terre questi preziosi insetti antagonisti del cinipide.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non usare MAI pesticidi o altri prodotti chimici.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come piantare un castagno

Ti stai chiedendo come piantare un castagno? Non sai il periodo preciso in cui farlo? In questa guida di indicherò passo dopo passo tutte le istruzioni per piantare il tuo castagno e per ottenere così delle castagne di ottima qualità. Ricordati solo...
Giardinaggio

Come effettuare un innesto ad un castagno

Il castagno, come l'ulivo e la vite, è un arbusto molto diffuso in Italia. Cresce spontaneamente nelle medie altitudini e si sviluppa creando delle zone boscose. Il legno viene ampiamente utilizzato in falegnameria perché abbastanza resistente e leggero....
Giardinaggio

Come piantare un castagno in giardino

Come piantare un castagno in giardino non è una procedura complessa. Invece è difficile e complicato che tale pianta possa essere curata e seguita durante la sua crescita. Infatti l'albero di castano è una pianta alquanto imponente che raggiunge altezze...
Giardinaggio

Errori da evitare nell'innesto a zufolo

L'innesto a zufolo è un tipo di innesto molto utilizzato perché presenta un'alta probabilità di attecchimento. Ecco perché, soprattutto per castagno e noce, questo tipo di pratica risulta oggi assai diffusa ed in continua espansione. Tale tipo di...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi porcini in giardino

Tra tutti i funghi, il porcino è senza dubbio uno dei più apprezzati. In virtù del suo pregio e dell'inconfondibile odore che emana, questo fungo, negli anni, si è meritato l'appellativo di "re dei funghi". Data la sua specifica peculiarità, non...
Giardinaggio

5 alberi mediterranei da piantare in giardino

Un giardino ben allestito è sempre quello dove crescono alberi e fiori di ogni genere. In natura le specie si classificano per ordine, tra cui quella delle zone dove crescono. Appartengono a questa lista anche gli alberi mediterranei. Questi sono un...
Giardinaggio

10 piante ideali per ricavare un bonsai

I bonsai solo dei piccoli alberi in miniatura che vivono in vasi di dimensioni ridotte proprio per mantenere al minimo la crescita di questo tipo di pianta. I bonsai sono delle vere e proprie opere d'arte in miniatura, e sono dotati di un'eleganza e di...
Giardinaggio

Come curare la dieffenbachia colpita da parassiti

La Dieffenbachia è una delle piante da interno più conosciuta e più gradevole dal punto di vista estetico. La grande varietà di forme della foglia, caratterizzate dalle più diverse marmorizzazioni, ha reso la pianta molto conosciuta e coltivata sia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.