Come alimentare le piantine con le lampadine fluorescenti

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per far crescere una pianta è essenziale che essa si nutra di acqua e sole, ma questo non è sempre possibile, infatti dipende anche dalle stagioni. Quando le nostre giornate sono grigie e ci sono pochi raggi di sole, si possono avere gli stessi effetti sulle nostre piantine, adoperando le lampadine fluorescenti. In questo articolo vedremo come alimentare le piante, con l'aiuto delle lampadine fluorescenti.

25

Occorrente

  • Lampadine fluorescenti, vasetti di plastica
35

La tecnica di usare le lampadine fluorescenti viene usata da parecchio tempo e con ottimo successo, anche perché come tutti sappiamo il sole non possiamo sempre averlo, ed esso è essenziale alla crescita delle nostre piante. Con l'ausilio delle lampadine fluorescenti possiamo avere lo stesso medesimo risultato, in quanto sono lampadine con luce molto luminose e fitostimolanti.

45

Per far si che le nostre piantine crescano bene con le lampadine fluorescenti, dobbiamo comunque fare attenzione alla distanza che dovranno avere le piantine dalle lampadine. Essa infatti non dovrà essere inferiore ai 20 centimetri, questo per evitare che il calore dissipato dalle lampadine non danneggi le piante, ma nello stesso tempo sia abbastanza a riscaldare le radici, che solitamente necessitano di una temperatura che varia tra 20/25 gradi.
Come vasetti, vanno bene i vasetti piccolini di plastica che sono anche molto economici, oppure possiamo usare normali bicchieri di plastica che si dovranno però forare, basta fare tre piccoli forellini per permettere la fuoriuscita dell'acqua in più ed evitare che si danneggiano le radici.

Continua la lettura
55

Normalmente se una pianta sta di più al sole più velocemente cresce, di conseguenza di più teniamo le nostre piantine sotto l'impianto di lampadine fluorescenti di più esse cresceranno e più veloce sarà anche il processo di crescita, invece se le teniamo solo poche ore al giorno ci vorranno diversi mesi per far si che le piantine crescano, certo questo determina anche un costo a livello di energia elettrica, ma la cosa buona è che le lampadine fluorescenti sono a basso consumo.
Dobbiamo comunque sempre considerare che le piante devono stare almeno 12 ore sotto le lampadine per poter crescere e non essiccarsi, o vedremo le nostre piante che inizieranno a perdere le foglie o ad avere rami molto deboli e fragili. Per avere una luce più omogenea è possibile posizionare i nostri vasetti vicino a dei muri, che devono essere pitturati di bianco in modo tale da riflettere la luce. Le lampadine più usate sono le "high intensity discharge" e sono reperibili in molti negozi di elettricisti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come travasare le piantine di basilico

Con l'arrivo della primavera cominciano a deliziarci anche i profumi delle erbe aromatiche che crescono negli orti. Il basilico ad esempio è una di queste, ed è proprio in primavera che le piantine devono essere accuratamente travasate. In riferimento...
Giardinaggio

Come conservare le piantine di fragole in inverno

L'inverno, a causa dei suoi climi rigidi, è spesso nemico di molte piante, soprattutto di quelle più delicate. Tra queste, senza dubbio, vi sono anche quelle delle fragole, un frutto sano ed appetitoso che mai dovrebbe mancare sulle nostre tavole. Come...
Giardinaggio

Come trapiantare piantine di barbabietole

La barbabietola è uno di quegli ortaggi poco utilizzati in Italia: il suo uso infatti, si riserva solo nelle preparazioni salate. Pochi sanno infatti, che il suo utilizzo in cucina è variegato e che la barbabietola ha ottime proprietà disintossicanti...
Giardinaggio

Come separare le piantine per il rinvaso

Il giardinaggio è un'attività che può dare molta soddisfazione sotto tutti i punti di vista, Nel ciclo vitale delle piante capita di doversi cimentare nella separazione delle piante attraverso i vari metodi di moltiplicazione. Esistono differenti...
Giardinaggio

Come trapiantare le piantine di pomodoro nell'orto

Quella del pollice verde non è solo una semplice passione, ma più che altro una vera e propria attitudine. Esistono moltissime piante che possiamo coltivare anche in casa con pochi passi. In questa guida ci focalizzeremo su un ortaggio in particolare....
Giardinaggio

Come preparare una composizione di piantine grasse

Le piante grasse sono amate dalla maggior parte delle persone perché non necessitano di cure e attenzioni frequenti, ma riescono comunque a donare un tocco in più all'ambiente. A questo punto, quindi, perché non sfruttarle per preparare una composizione...
Giardinaggio

Come preparare le piantine per gli altari di Pasqua

Seconda soltanto al Natale, la Pasqua è la festività religiosa più attesa da bambini e adulti. All'avvicinarsi di questa ricorrenza, ciò che risalta subito alla mente è il tradizionale uovo o i coniglietti di cioccolata; ma se volgiamo lo sguardo...
Giardinaggio

Come alimentare le lumache

L'elicicoltura, ovvero l'allevamento di lumache, negli ultimi anni si è molto diffusa anche in Italia. Essa si è rivelata un'attività piuttosto redditizia e molte persone che hanno la possibilità di usufruire di un pezzetto di terra hanno cominciato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.