Come allestire un semenzaio

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le piante com'è noto si possono riprodurre in tantissimi modi, e quello più comune è sicuramente per seme in quanto risulta il più semplice e naturale. L'ideale è di disporre quindi di un semenzaio, in cui poter inserire dei semi che si possono acquistare in un vivaio, in un centro per il giardinaggio oppure riproducendoli noi stessi. In quest'ultimo caso le soddisfazioni saranno indubbiamente maggiori, se l'esito va a buon fine. In riferimento a ciò, ecco una guida su come allestire un funzionale semenzaio.

25

Occorrente

  • Cassetta di legno
  • Terriccio
  • Letame
  • Semi
35

Procurare i materiali

Per costruire un semenzaio, abbiamo la possibilità di prepararlo di tipo freddo o caldo. Nello specifico il primo prevede l'uso di una semplice cassa di legno ricoperta con un vetro, e con all'interno ovviamente il terriccio. Il secondo invece è un tantino più complesso, ed in riferimento proprio a quest'ultimo, per prepararlo è necessario disporre di una serie di materiali che ovviamente dobbiamo procurarci.

45

Inserire il terriccio

Mentre un semenzaio a freddo può essere tenuto anche in casa, quello a caldo in genere si allestisce quando l'esposizione avviene in giardino. Per procedere nella costruzione, per prima cosa al suolo applichiamo del letame creando un certo spessore, tale da isolare il semenzaio dall'umidità sottostante. In questo caso conviene raggiungere almeno i 5 centimetri di altezza. Uno strato successivo deve invece essere a base di terriccio, dopodichè si può finalmente applicare una cassetta di legno come ad esempio quella della frutta, purché le feritoie laterali vengano opportunamente chiuse con dello stucco oppure con del catrame. Nella cassetta va dunque inserito il terriccio fertile specifico per i semi che intendiamo propagare, e che deve raggiungere almeno i 10 centimetri di altezza. Con questa sequenza il semenzaio è quasi pronto, e per completarlo è necessario attenersi a quanto descritto nel passo successivo.

Continua la lettura
55

Interrare i semi

A questo punto possiamo finalmente interrare uno per uno i semi, praticando nel terriccio dei forellini molto profondi e servendoci magari di una matita. Completata la semina il tutto si ricopre con abbondante terriccio. Per terminare la costruzione del nostro semenzaio fai da te, non ci resta che ricoprire la cassetta con un vetro. In questo caso conviene creare una cornice, ed aggiungervi delle cerniere avvitando queste ultime sulla parte retrostante della cassetta. In tal modo il semenzaio è pronto per svolgere la sua funzione grazie soprattutto al vetro, che consente di far trapassare la luce necessaria ed apribile anche per innaffiare i semi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come preparare un semenzaio

Imposteremo questa guida con l'obbiettivo di andare a spiegarvi, in pochi passi e in maniera molto semplice, come riuscire a preparare un semenzaio. Possiamo incominciare subito, partendo dalla parola semenzaio. Cosa intendiamo con la parola semenzaio?...
Giardinaggio

Come preparare il semenzaio in casa

Realizzare un semenzaio in casa può risultare più semplice di quanto si pensi e soprattutto molto utile e soddisfacente. Il semenzaio non è altro che un luogo adatto alla germogliazione dei semi e quindi ideale per la prima fase di crescita delle piante....
Giardinaggio

Come fare un semenzaio in casa

La passione del giardinaggio è sempre più diffusa. A volte con semplici strumenti possiamo realizzare anche un nostro piccolo orto personale, o decorare la nostra casa con delle bellissime piante. Per riuscire ad avere il nostro piccolo spazio verde,...
Giardinaggio

Come trapiantare la menta dal semenzaio al vaso

La menta è una pianta erbacea che può avere davvero numerosi utilizzi. Si può usare per creare dei prodotti per l'igiene personale, oppure può accompagnare delle pietanze o delle bevande. Sicuramente averne una piantina a disposizione ha i suoi vantaggi....
Giardinaggio

Come realizzare un semenzaio

Nell'introduzione che anticipa questa breve guida, ci occuperemo di spiegarvi la tematica che verrà sviluppata successivamente, nei tre passi che seguiranno. Come avrete facilmente potuto comprendere tramite la lettura del titolo che accompagna la guida...
Giardinaggio

10 consigli per allestire un giardino primaverile

La primavera è la stagione della rinascita e fioritura, una delle fasi più semplici in cui iniziare ad allestire un bel giardino. Complice il bel tempo e le temperature miti, è infatti possibile sbizzarrirsi in un’ampia scelta di piante per tutti...
Giardinaggio

Come allestire un giardino con piante grasse

La bellezza suggestiva di un giardino curato e in fiore è sempre uno spettacolo capace di sbalordire. Romantici e delicati, i fiori rendono gli open space piacevoli da vivere in ogni periodo dell'anno. Per rendere però il nostro giardino davvero particolare...
Giardinaggio

5 modi per allestire un giardino giapponese verticale

Se amate la natura ed intendete creare in casa un giardino giapponese verticale, potete sfruttare alcune delle più belle piante in voga nelle strutture in stile zen. Tra queste, vale la pena citare l’Acer Palmatum usato per la creazione dei bonsai,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.