Come ammorbidire l'argilla espansa

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'argilla espansa è un ottimo materiale molto utile per creare una base quando si piantano fiori e piante. Infatti l'argilla espansa consente di creare una base per il terreno in cui l'acqua possa defluire, di modo che le radici non si impregnino eccessivamente di acqua e non rischino così di marcire. A delle volte capita che l'argilla, specialmente se vecchia o mal conservata, si possa indurire. In questo caso le palline di argilla si incollano e diventano quasi inutilizzabili. In questa guida imparerete come ammorbidire l'argilla espansa e poterla così riutilizzare per piantare le vostre piante e i vostri fiori.

26

Occorrente

  • argilla espansa
  • sacchetto in plastica
  • canovacci in cotone
36

Per ammorbidire l'argilla espansa dovrete, come prima cosa, versate tutta la vostra argilla all'interno di un sacchetto di plastica privo di fori e abbastanza resistente. Cercate di non riempire eccessivamente il sacchetto in plastica di argilla espansa poiché dovrete sollevarlo e manipolarlo in seguito. Una volta inserita l'argilla chiudete il sacchetto e sbattetelo energeticamente a terra o contro una parete. In questo modo potrete creare delle microfratture nelle palline di argilla espansa e rompere i grumi di argilla espansa che si erano incollati.

46

Una volta che avrete sbattuto a terra il sacchetto con l'argilla espansa potrete iniziare ad ammorbidire l'argilla. Versate quindi dell'acqua all'interno del sacchetto e richiudetelo. Agitate con delicatezza il sacchetto per far si che tutte le palline di argilla espansa vengano bagnate e lasciate il sacchetto di plastica chiuso per almeno 24 ore. Il giorno seguente ripetete aggiungendo dell'altra acqua nel sacchetto e, nel caso fosse necessario, ripetete ancora per un terzo giorno. L'argilla espansa in questo modo si idraterà "anche se ovviamente non assorbirà tutta l'acqua che aggiungete essendo un materiale idrorepellente" e diventerà più morbida.

Continua la lettura
56

Una volta ammorbidita la vostra argilla espansa potrete utilizzarla per piantare i vostri fiori e le vostre piante. Nel caso in cui non vi servisse subito l'argilla espansa, ma vogliate comunque mantenerla morbida e pronta ad un uso veloce nei giorni successivi, avvolgete l'argilla espansa all'interno di alcuni canovacci in cotone imbevuti d'acqua ed inserite il tutto in un sacchetto in plastica. Sigillando bene il sacchetto in plastica potrete mantenere un alto livello di umidità nel sacchetto e favorire l'idratazione dell'argilla espansa, evitando così che si incolli o si indurisca.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizzate la polvere di argilla che resterà nel sacchetto nel terreno come base per fiori e piante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come ammorbidire le scarpe con il tacco

La maggior parte delle scarpe specie se di qualità vengono realizzate con pelli bovine, che sono il doppio dello spessore della pelle di vitello, senza contare che le cuciture e i tacchi le rendono ancora più rigide e poco confortevoli per i nostri...
Materiali e Attrezzi

Come impastare e modellare l'argilla

Argilla è il termine che definisce un sedimento non litificato estremamente fine (le dimensioni dei granuli sono inferiori a 2 μm di diametro) costituito principalmente da allumino-silicati idrati appartenenti alla classe dei fillosilicati. I minerali...
Materiali e Attrezzi

10 regole per ammorbidire il fimo

Il fimo è un materiale utilizzato prevalentemente per la creazione di oggetti decorativi, anche se nasce in origine come pasta per scolpire. Questo è possibile per via della sua consistenza, facilmente plasmabile. Purtroppo, però, può capitare che...
Materiali e Attrezzi

5 strumenti per lavorare l'argilla

Lavorare l'argilla vi permetterà di tirar fuori la vostra vena creativa più nascosta, appassionandovi e rilassandovi. La catarsi generata dalla pratica dell'arte vi condurrà a liberarvi dalle impurità dello spirito, portandovi a raggiungere uno stato...
Materiali e Attrezzi

Come fare l'argilla con la carta

L'argilla è un particolare materiale ottenuto mescolando la terra con l'acqua fino ad ottenere un composto inizialmente plastico, in modo che si possa facilmente lavorare e successivamente solido con l'evaporazione dell'acqua. Se al posto del terreno,...
Materiali e Attrezzi

Come staccare un oggetto di argilla secco dal gesso

Staccare un oggetto di argilla secco dal gesso non è affatto difficile, se tutta la procedura precedente è stata eseguita nel modo corretto. Riassumerò allora brevemente le tappe precedenti. La tecnica è quella famosa del colaggio, per cui si fa la...
Materiali e Attrezzi

Come ammorbidire il vetro

Il vetro è un materiale particolarmente bello e brillante con il quale si possono realizzare vere e proprie opere d'arte. Esistono vari tipi di vetro che per essere modellati richiedono un particolare processo di ammorbidimento. In questa semplicissima...
Materiali e Attrezzi

Come ammorbidire i fili di carta con l'acqua

Gli amanti del bricolage sanno bene che i fili di carta risultano essere una tecnica decorativa molto versatile. Si prestano alla realizzazione di moltissime idee anche se spesso lavorarci diventa difficoltoso a causa della loro durezza. Per risolvere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.