Come Analizzare Un Terreno

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Analizzare un terreno significa determinarne le sue caratteristiche biologiche, chimiche e fisiche; tali caratteristiche condizionano la coltivazione delle diverse specie di piante.
Ma cos'è il terreno e com'è composto?
Per conoscerne le caratteristiche è possibile prelevarne piccole quantità da sottoporre ad una serie di misurazioni. Vediamole insieme.

26

Occorrente

  • rete metallica a maglie strette; bilancia;1 foglio di carta; n°2 becher graduati; n°2 imbuti; cotone; acqua
36

Prima di tutto preleva una manciata di suolo dal campione che puoi facilmente ottenere setacciando il terreno con una rete metallica a maglie strette.

Raccogli il terriccio, pesalo e registra questo valore di peso. A questo punto esponi il terriccio al sole distendendolo su un foglio di carta (in alternativa puoi disporre il campione prelevato su una teglia da mettere nel forno ben caldo).
Così facendo l'acqua evaporerà e il terriccio diventerà più leggero. Pesandolo prima e dopo la procedura potrai conoscere quanta acqua è evaporata.

46

Inoltre, una volta ben asciutto il terriccio ti fornirà qualche indicazione sulla sua natura dei minerali che lo compongono:
se prevalentemente rossiccio il costituente principale è rappresentato dall'argilla; se grigio conterrà prevalentemente sabbie silicee; se nero humus.

Per separare le principali componenti del terriccio, versalo in un grosso cilindro pieno d'acqua e rimescolalo.
Lascialo sedimentare, noterai che le componenti del suolo si stratificano fra loro perché hanno peso differente: l'humus galleggia sull'acqua formando uno strato nero; le sabbie, più pesanti, formano uno strato grigio sul fondo del cilindro mentre le argille si depositano in uno strato rossiccio sopra le sabbie.

Continua la lettura
56

Puoi inoltre prelevare campioni di suolo da due differenti siti per esempio dal giardino e da un campo, puoi facilmente controllare se essi presentano una differente porosità all'aria e permeabilità all'acqua. Le maggiori differenze si riscontrano tra i suoli rossastri argillosi e i grigi sabbiosi.
In pratica: raccogli 100g di terriccio e posizionali rispettivamente in due diversi imbuti di vetro (abbi cura di chiudere il fondo degli imbuti con un batuffolo di cotone); fatto questo poni gli imbuti in due becher graduati.
Adesso prendi due cilindri da 100 cc pieni di acqua e versa l'acqua nei due imbuti vedrai che se l'acqua copre un terreno sabbioso si liberano numerose piccole bolle di aria: il suolo sabbioso è infatti molto poroso, diversamente dall'argilla che libera poca aria perché meno porosa.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Con l'aiuto di una lente d'ingrandimento puoi osservare le particelle più piccole che lo compongono

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come far crescere l'erba in un terreno argilloso

Per ottenere i migliori risultati, sia nell'orto sia i giardino, è necessario conoscere la situazione fisico-chimica del terreno. Vi sono, in natura, terreni più o meno spiccatamente acidi, neutri, alcalini; possono anche essere argillosi, sabbiosi,...
Giardinaggio

Come arricchire un terreno sabbioso

Un terreno si definisce sabbioso quando la presenza di sabbia è superiore al 70%. Esistono diversi tipi di sabbia con granuli di diverse dimensioni. Solitamente la grandezza dei granelli va dai 50 micron ai 2 millimetri. La sabbia viene anche classificata...
Giardinaggio

Cosa coltivare su un terreno sabbioso

Un terreno sabbioso presenta lo svantaggio di trattenere scarsamente l'acqua, ma compensa questo difetto con la maggiore lavorabilità del terreno. Se vogliamo coltivare su terreni sabbiosi, dovremo quindi ricordarci di annaffiare poco e spesso le nostre...
Giardinaggio

Come rendere il terreno acido

Alcuni alberi e arbusti il più delle volte necessitano di un terreno con un PH acido, ossia al di sotto di 7.0, altrimenti si svilupperebbero con un eccesso di clorosi ferrica. Per esempio, se intendete coltivare la betulla, i mirtilli, le azalee e...
Giardinaggio

Come Arare Il Terreno

Arare un terreno potrebbe sembrare un lavoro da poco, ma chi lo fa da anni sa bene che invece è necessaria molta pazienza e bravura per ottenere degli ottimi risultati e fare in modo che il terreno diventi adatto per la semina. Da secoli gli uomini hanno...
Giardinaggio

Come rendere più drenante un terreno

Un terreno con problemi di drenaggio, risulta bagnato e con molte pozze di acqua stagnante. Dopo un temporale o semplicemente dopo una piccola pioggia, alcuni terreni tendono a trattenere l'acqua, causando dei ristagni difficili da prosciugare. La maggior...
Giardinaggio

Come livellare il terreno

Prima di coltivare qualsiasi pianta in giardino, o se bisogna installare una piscina, è necessario il terreno sia ben livellato. Se il terreno è relativamente livellato, degrada più lentamente e non occorre poi livellare eventuali strutture che verranno...
Giardinaggio

Come riconoscere le caratteristiche del terreno e migliorarlo

Chi possiede un piccolo o grande giardino sa bene quanto sia importante possedere le giuste conoscenze e competenze al fine di dare il giusto benessere alle piante che coltiva. L'elemento principale, senza il quale evidentemente le piante non potrebbero...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.