Come applicare il silicone antimuffa per ambienti umidi

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Lo sviluppo dell'industria chimica ha fatto sì che i prodotti utili per l'ingegneria domestica, importanti per apportare migliorie alla propria abitazione e intervenire concretamente, siano costantemente in miglioramento. Uno di questi prodotti è senz'altro il silicone, che da sigillante svolge davvero tantissime funzioni in ogni luogo della casa. Inoltre esso è pratico da usare e risponde ad esigenze di tempo molto serrate, dato che si asciuga abbastanza velocemente in circa 24 ore.
Ad esempio, uno degli usi più diffusi per il silicone è relativo alla sua funzione di impermeabilità e di forte congiunzione tra i materiali nei luoghi in cui l'umidità è alquanto preponderante. Per questo genere di lavori va scelto il silicone antimuffa. Ed è proprio di questo che ci occuperemo e vedremo come applicare il silicone antimuffa per ambienti umidi.

25

Occorrente

  • Silicone antimuffa; pistola per silicone; carta gommata lametta
35

Innanzitutto dobbiamo precisare che il silicone antimuffa è assolutamente utile in tutti quei casi in cui l'ambiente soffre di infiltrazioni dannose causate dall'umidità e dai vari problemi ad essa collegati. Il silicone antimuffa è appunto preposto all'azione contro l'umidità, tuttavia questo prodotto si differenzia talvolta per il materiale con cui verrà a contatto; per questo motivo valutate bene il prodotto che acquistate. Solitamente sono la cucina e il bagno le zone soggette ad un intervento di sigillatura preventivo. Detto questo procuratevi una pistola per silicone (molto spesso venduta insieme al silicone stesso, se non la possedete), il silicone antimuffa, della carta gommata e una lametta.

45

Il primo passo che dovete compiere consiste nell'assicurarvi che andrete a sigillare la zona preposta senza che vi sia sporcizia e/o polvere. Per questo, eventualmente, pulite bene la superficie interessata e asciugatela con cura. A questo punto coprite con la carta gommata le zone adiacente che temete possano inutilmente sporcarsi di silicone, lasciate libera solo la linea in cui compierete la sigillatura. Fatto ciò potete utilizzare la pistola a estrusione e delicatamente premerla facendone uscire con cura il silicone applicandolo lungo la linea che avete scelto; quindi dovete operare una leggera pressione sul silicone antimuffa appena messo: basterà lisciarlo con un dito bagnato di acqua e sapone.

Continua la lettura
55

Ora dovete lasciare che il silicone antimuffa asciughi per circa 24 ore. Ricordatevi sempre che il silicone possiede un odore alquanto sgradevole, che vi sconsigliamo di respirare a lungo, per questo aprite, se possibile, delle fonti di aerazione.
Passate le 24 ore, togliete con cura la carta gommata che avevate messo per sicurezza e, nel caso ci siano parti sporche, grattatele vie delicatamente con una lametta.
Il silicone antimuffa contrasterà efficacemente, con la sua azione impermeabile e isolante, le zone maggiormente soggette all'umidità. Usatelo con cura e non ve ne pentirete.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come applicare il tessuto pacciamante attorno ad aiuole e cespugli

Il desiderio di poter realizzare un delizioso e curato giardino non è impossibile. Certo è un lavoro che richiede attenzione e cura, continua manutenzione e una buona dose di pratica in materia di giardinaggio. Ciò nonostante anche chi è a digiuno...
Giardinaggio

Trucchi per eliminare gli scarafaggi dal giardino

Gli scarafaggi sono una famiglia di insetti a cui appartengono diverse specie, tra cui anche le blatte. Si tratta di insetti ubiquitari, che nascono e crescono in svariati ambienti, anche se prediligono quelli umidi, poco illuminati, come le campagne,...
Giardinaggio

Come curare i cactus in casa in inverno

I cactus sono delle particolari piante grasse o succulente che catturano sempre più l'attenzione di appassionati o veri e propri collezionisti per la loro forma, il colore, le spine e i splendidi fiori che con il tempo e la pazienza sono in grado di...
Giardinaggio

Come coltivare la calathea

La Calathea è una pianta che ha le sue origini nel Sud America. Questa pianta viene resa particolare, elegante ed attraente dal suo colore sfumato. Essa ha le foglie che sembrano disegnate con delle pennellate nella parte posteriore e delle sfumature...
Giardinaggio

Come Coltivare La Pianta Di Fico

Il Fico è un albero avente delle origini provenienti dall'Asia, specialmente nella sua zona ovest. Per quanto riguarda l'Italia, esso è facilmente visibile al sud, specie in Puglia, in Calabria e in Campania. Lo troviamo nei frutteti, negli orti, come...
Giardinaggio

Come coltivare i funghi su ceppi di legno

Nella guida di seguito ci sono preziosi suggerimenti per coltivare dei funghi su ceppi. Il legno che meglio si presta all'attecchimento è sicuramente il pioppo, ma sono idonei anche la quercia, il faggio, il frassino, che danno risultati altrettanto...
Giardinaggio

Come coltivare l'acmea

L'Acmea è una pianta che si porta un nome alquanto strano, ma non per questo l'Acmea risulta poco conosciuta, anzi, è molto nota al grande pubblico. L'Acmea appartiene ad un specie di piante, le epifite sempreverdi, la cui altezza varia tra i quaranta...
Giardinaggio

Come curare una felce

La felce è una pianta vascolare frondosa che non fiorisce mai, le foglie sono chiamate fronde e si riproduce con l'aiuto delle spore. Ci sono molte varietà di felci, circa 12.000 specie, che la rendono di gatto la più grande famiglia di piante. Si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.