Come applicare la resina epossidica sul metallo

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La resina epossidica è una colla molto particolare che si ricava dall'utilizzo di due componenti, appunto una resina che fa da collante e di un indurente. Il rapporto può che si utilizza per la miscelazione può variare da marca a marca, ma di solito è 100 a 25. Questo tipo di colla viene utilizzato perché è capace di asciugarsi e quindi di essere facilmente lavorabile anche in un paio d'ore, altra caratteristica è che può essere stratificabile senza perdere la sua compattezza. Infatti è utilizzata in varie tipologie di lavorazioni ma anche di materiali, infatti oltre al metallo si può utilizzare sul legno, plastica, ceramica. Oltre ad avere un'altissima capacità adesiva è anche molto resistente anche agli agenti atmosferici come vento e acqua. Si pensi che si può utilizzare anche sulle imbarcazioni. È inodore e incolore ed è superiore alla resina poliestere per stratificazione perché di maggiore qualità. Ma vediamo insieme come applicare la resina epossidica sul metallo per non commettere grossolani errori.

25

Preparazione del metallo

Per prima cosa è bene trattare il metallo su cui andremo a lavorare. Infatti questo dovrà essere perfettamente pulito privo di grassi che potrebbero non fare aderire in modo corretto la resina epossidica, e privo anche di altre sostanzi che ne modifichino l'effettiva resa. Per poter pulire il nostro metallo da qualsiasi impurità sarebbe bene fare una abrasione meccanica di tutta la supefice anche quella su cui non andremo a lavorare.

35

Preparazione della resina epossidica

Per poter utilizzare questo tipo di collante come abbiamo detto avremo bisogno di fare una miscela tra resina e indurente. Il rapporto dovrà essere preciso leggendo attentamente quello che è scritto sulla confezione, si consiglia anche di fare poco prodotto per volta e solo quando siamo sicuri di utilizzarlo tutto perché non è consigliato conservalo per lungo tempo. Ma niente paura, possiamo farlo semplcemente ogni volta quando ci occorre, procuriamoci una piccola bilancia tipo quelle dei gioiellieri e dei recipienti di vetro. Adesso seguendo le istruzioni, perché per questo tipo di collante le proporzioni sono essenziali per la riuscita, misuriamo la parte di resina e in proporzione la parte di indurente. Adesso basterà miscelare i due componenti molto attentamente cercando di prendere tutto il prodotto, anche quello che si depositerà sui bordi, e facendo attenzione a miscelare bene anche il fondo. Possiamo essere sicuri di aver fatto un buon lavoro quando la resina avrà un colore uniforme.

Continua la lettura
45

Utilizzo della resina epossidica

Adesso possiamo lavorare sulla parte danneggiata in metallo su cui vogliamo applicare la nostra resina già miscelata. Assieme alla resina epossidica abbiamo acquistato anche una stuoia di fibra di vetro e un pennello. Stendiamo la nostra resina sulla superficie e poniamo su la stuoia schiacciando facendo aderire per bene aiutandoci con il manico del pennello, ricordiamo che il tempo di asciugatura e quindi di manipolazione della stuoia sarà indicata sulla confezione e che va da pochi minuti a un'ora e mezza. Da qui faremo asciugare per farla indurire.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come realizzare un pavimento in resina fai da te

Se avete deciso di ristrutturare il pavimento di casa vostra, per cambiare il look, o semplicemente per dare una rinfrescata all'ambiente, potete optare veramente per una varietà infinita di possibilità. Ad esempio potreste posare delle mattonelle,...
Materiali e Attrezzi

Come applicare la vetroresina su lamiera

Resistente e leggera, la vetroresina è un ottimo materiale plastico. Specialmente per l'impiego nelle industrie automobilistiche, navali ed aeronautiche. Si costituisce di elementi plastici, come la resina poliestere oppure epossidica. Il tutto in abbinamento...
Materiali e Attrezzi

Consigli per rinnovare la resina

Tra i materiali più economici ed, al tempo stesso, resistenti e di buona qualità per costruire forniture o pavimenti nell'ambiente domestico, uno dei primi posti spetta senza dubbio alla resina. La resina rappresenta un materiale davvero perfetto per...
Materiali e Attrezzi

Come usare la resina per tasselli

Quando si devono installare delle mensole o dei supporti a muro per sorreggere pesi importanti, come ad esempio una televisione o una pila di libri, è fondamentale utilizzare i tasselli. Quest'oggetto dev'essere applicato all'interno di un foro praticato...
Materiali e Attrezzi

Come dipingere il metallo goffrato

Se in casa avete dei mobili o degli infissi realizzati con il metallo goffrato ed intendete cambiarne l'aspetto, potete dipingerlo attenendovi però a delle regole ben precise. Il metallo in oggetto infatti si presenta non liscio e con una sorta di buccia...
Materiali e Attrezzi

Come realizzare uno stampo in resina

Il fai da te non è più soltanto un modo per risparmiare. Ormai è un hobby sempre più diffuso, perché permette di dare sfogo alla propria creatività. Inoltre ci fa sentire realizzati grazie alla creazione degli oggetti con le nostre mani. Per produrre...
Materiali e Attrezzi

Come usare la resina vetrificante

Oggi in commercio esistono numerosi prodotti che sono in grado di impermeabilizzare qualsiasi tipo di superficie, senza perderne il colore originale. Si tratta infatti di alcune resine vetrificanti che una volta essiccate, assumono un aspetto liscio e...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare la resina bicomponente

Tra i materiali più versatili e interessanti, la resina bicomponente artificiale trova il suo posto d'onore. Si tratta di un materiale viscoso, resistente termicamente, simile nell'aspetto alla mirra, all'incenso e ad altri innumerevoli composti liposolubili...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.